La Dieta a Zona mira alla salute psicofisica di tutto l’organismo.
Questo obiettivo infatti è perseguito dalla Dieta a Zona cercando di tenere sotto controllo  il livello ormonale che condiziona le caratteristiche fisiche di ogni persona.
A loro volta il livello di ormoni, in particolare dell’insulina, del glucagone e dei super ormoni eicosanoidi è condizionato dal cibo ingerito durante la giornata; ecco alcuni esempi relativi a questo tipo di dieta.

La Dieta a Zona dunque ha lo scopo di considerare la salute del corpo e della mente in base a quello che mangiamo.

Questa è una delle importanti innovazioni del pensiero di base della Dieta a Zona, il fatto che sia il cibo stesso a contribuire a migliorare le nostre funzioni vitali.

menù dieta a zona

Individuare il giusto equilibrio tra i vari macroalimenti: carboidrati, proteine e lipidi è il principale passo per realizzare i dettami della Dieta a Zona.

La percentuale di carboidrati ad ogni pasto deve attenersi al 40%, quella delle proteini al 30% e quella dei grassi al 30%.

Qui di seguito è riportato un esempio di menu fondamentale per attenersi alle indicazioni studiate tramite la delineazione della Dieta a Zona:

– considerata la massa corporea del soggetto e la sua attività fisica giornaliera, le proteine dovrebbero essere presenti in forma di carne, pesce etc.;
frutta fresca in porzione abbondante;
verdura di stagione e fresca in porzione abbondante;
bevande come acqua, the, succhi di frutta fresca;
condimento con olio di oliva extra vergine;

Ogni giorno in genere occorre mangiare 11 blocchi, considerando che per 1 blocco si intende l’unità di misura della Dieta a Zona che prevede sempre la suddivisione 40 -30 -30.

Ora per ogni chilo di massamagra del corpo occorrerebbe consumare 1 o 2 grammi di proteine al giorno.

Se si considerano gli 11 blocchi, ogni giorno il corpo dovrebbe assumere circa 77 grammi di proteine, considerando che 1 blocco di proteine equivale a 7 grammi di proteine, 1 blocco di carboidrati equivale a 9 grammi di carboidrati e 1 blocco di grassi ne equivale a 3 grammi.

menù dieta a zona

Quindi il menu fondamentale della Dieta a Zona deve rispettare la combinazione di tali valori, per il resto la Dieta a Zona in linea generale non esclude alcun alimento.

E’ ovvio che facciano eccezione quelle pietanze particolarmente grasse o che andrebbero ad appesantire il lavoro del metabolismo, come i fritti, gli zuccheri elaborati oppure le bevande gassate, i liquori, etc.

Questa dieta dunque funziona sul breve periodo in maniera davvero evidente, la perdita di peso si riscontra già nelle prime due settimane, causata dal basso apporto calorico.

Se a questa si aggiunge anche l’attività fisica, tale regime alimentare può essere un ottimo metodo per mettersi in forma. Poi la dieta di mantenimento diventa però altrettanto importante.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento