cosa preferire a tavolaPossiamo prevenire con la dieta le emorroidi? La risposta più semplice è: sì, possiamo. Questo problema scomodo, e che viene vissuto come una vergogna, può essere alleviato o addirittura prevenuto con una giusta alimentazione che favorisca un buon transito intestinale. La sola alimentazione non può curare le patologie delle emorroidi, ma sicuramente una buona dieta per le emorroidi può rivelarsi un valido sostegno.

Prima di parlare di cosa dovremmo mangiare o di contro cosa evitare, cerchiamo di chiarire cosa sono le emorroidi. Si tratta di vene che si trovano nella zona rettale. Se, per diversi fattori, queste vene si irritano, si producono piccole sacche di sangue. L’infiammazione può essere più o meno grave con sintomi che vanno dal prurito, alle perdite di sangue, fino a dolori lancinanti che impediscono di muoversi e sedersi comodamente.

Anche se le cause vere di questa irritazione non sono state chiarite, si sa ormai che un cattivo transito intestinale può favorirne l’insorgenza. Situazioni di disordini intestinali o particolari fasi della vita (le emorroidi possono presentarsi per esempio durante la gravidanza), possono provocare l’irritazione dei cuscinetti emorroidari che si riempiono di sangue, e provocano dolori anche intensi. Oltre ai fattori esterni, esistono casi di emorroidi ereditarie: si tratta di una percentuale ridotta di casi, per cui non c’è una vera cura preventiva.

Essendo però, nella maggior parte dei casi, una condizione patologica legata alle nostre abitudini alimentari e di vita, sono molte le cose che possiamo fare per prevenire questa scomoda esperienza. Oltre a una vita un po’ più attiva, dovremmo aumentare le quantità di cibi che favoriscono l’attività intestinale e limitare, o in alcuni casi escludere del tutto, quei cibi che invece hanno un’azione irritante sull’intestino.

Non soffri di emorroidi ma vorresti comunque seguire una dieta per dimagrire e tornare in forma? Scopri la dieta Plank, ecco come funziona.

Dieta emorroidi: ecco cosa preferire a tavola

Spazio quindi ai cereali e al riso integrali e alla crusca, nota per le proprietà regolatrici dell’attività intestinale, e teniamoci invece lontani dal peperoncino, dal limone e dall’aceto che sono acidi e irritano fortemente l’intestino. In generale la dieta per le emorroidi dovrebbe essere povera di spezie e grassi, e concentrarsi su frutta e verdura. Importante è anche l’assunzione di abbondanti liquidi, ma non di bevande gassate o ricche di zuccheri o sostanze quali caffeina e teina.

L’acqua deve diventare una compagna inseparabile, per chi vuole prevenire le emorroidi anche a tavola. In generale la dieta consigliata a chi soffre di emorroidi potrebbe essere una dieta ottima per tutti. Pochi grassi saturi e pochi cibi fritti, e invece abbondiamo con verdure quali i broccoli, le carote, i cavoli che sono naturalmente ricchi di fibre. Non dobbiamo esagerare perché anche un eccesso di frutta e verdura, può provocare diarrea, una delle situazioni di stress che possono portare alle emorroidi.

Oltre a cercare di migliorare la peristalsi, bisogna anche rinforzare le pareti delle vene della zona rettale, in modo da farle risultare più resistenti agli sforzi. Per questo può essere una buona idea introdurre nella dieta abbondanti dosi di frutti di bosco come i mirtilli, consigliati sempre in caso di fragilità capillare. Sempre parlando di frutta, non sottovalutiamo il potere delle prugne, da sempre indicate come rimedio per un intestino un po’ pigro. Ovviamente non tutta la frutta e la verdura è egualmente indicata e, infatti, va ridotto il consumo di cose quali banane e  pomodori.

Nel tentativo di alleviare i sintomi dolorosi delle emorroidi nel più breve tempo possibile potremmo essere indotti a pensare, che abbuffarci di frutta e verdura sia la soluzione. In realtà, nonostante l’aspetto innocuo, e le indiscutibili proprietà benefiche, troppa frutta e troppa verdura possono avere effetti indesiderati sull’apparato gastrointestinale. Molte fonti di fibre possono per esempio aumentare l’aria nell’intestino, aggiungendo fastidio al fastidio. Se tendiamo a soffrire di aria nell’intestino, ricordiamoci del finocchio e riduciamo le porzioni di legumi.

L’attività fisica aiuta a combattere questo problema

 

attività fisica costanteMeglio sarebbe lasciare che il nostro corpo, disabituato a digerire questi cibi, si abitui lentamente con dosi via via crescenti, assecondando l’organismo e ascoltandolo sempre, per scoprire quali sono i cibi che funzionano meglio su di noi. Oltre a pensare al piatto, non dimentichiamo che un intestino impigrito e affaticato, può ritrovare il suo ritmo anche con l’attività fisica.

Come con i cibi buoni, non dobbiamo esagerare, perché tra le cause prossime delle emorroidi, ci sono anche gli sforzi fisici improvvisi: un’attività moderata o anche semplicemente regolari camminate possono riattivare l’intestino e facilitare il suo compito. Il cibo non è dunque l’unica strada da seguire per una migliore qualità della vita, ma è sicuramente uno degli aspetti della nostra vita che vanno rivisti e corretti. Non esiste una vera dieta per le emorroidi se non quella guidata dalla salute.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento