Dieta per bambini: pasti regolari ed equilibrati La dieta dei bambini di oggi è spesso ricca di calorie e sbilanciata, a causa di alimenti scadenti che influenzano sulla qualità di vita presente e sulla salute futura. La correzione delle cattive abitudini alimentari è il primo passo per applicare una corretta dieta per bambini, perché previene atteggiamenti sbagliati anche nell’età adulta.

I consigli dietetici per l’età pediatrica tengono conto anche del particolare periodo di crescita: se il bambino ad esempio mangia molto ma è normopeso, i genitori possono stare tranquilli. L’organismo dei piccoli ha infatti bisogno di una elevata quantità di principi nutritivi.

La dieta per bambini non può essere priva di alimenti animali. Le diete vegane non sono infatti consigliate dalla maggior parte dei nutrizionisti, perché privano il bambino dei nutrienti contenuti prevalentemente nei cibi di origine animale, come il ferro, il calcio, le proteine e la vitamina D.

Per quanto riguarda l’inserimento in dieta di una maggior quantità di frutta e verdura, queste possono essere rese più appetibili sotto forma di marmellate, frullati, centrifugati, spremute.

Anche se non sei un bambino e non hai figli puoi comunque avere voglia di dimagrire, segui quindi i nostri consigli per dimagrire ed ottieni un ottimo risultato.

Dieta per bambini: le buone abitudini

Una sana dieta per bambini deve iniziare dall’eliminazione del cibo spazzatura dentro le mura domestiche: facciamo quindi sparire merendine, bevande zuccherate, dolcetti e patatine.
Insegniamo al bambino che è giusto mangiare lentamente, dato che la prima digestione avviene in bocca e il senso della sazietà raggiunge il cervello circa 20 minuti dopo che abbiamo iniziato il pasto.

Prima di andare a scuola inoltre, il bambino deve fare un’abbondante colazione con cereali, latte, yogurt, frutta, marmellata: controllerà meglio l’appetito fino ad ora di merenda e pranzo, sarà più di buon umore e migliorerà anche il suo livello di attenzione e profitto. Prepariamogli nello zaino una bottiglietta d’acqua e un frutto per lo spuntino di metà mattina, evitando cibi preconfezionati.

Abituiamoci inoltre, come genitori, a non utilizzare il cibo come mezzo di ricompensa, castigo o pressione: da evitare quindi frasi come “Mangia tutto ciò che hai nel piatto; se sei buono ti compro un gelato; se sei cattivo ti mando a letto senza cena”.
Cerchiamo anche di fare in modo che tutti i pasti e gli spuntini siano consumati senza la tv accesa e in orari e luoghi prestabiliti.

Esempio di una dieta equilibrata

 

Mangiare sano, anche da bambiniEntrando nel dettaglio dei vari alimenti, la maggior parte dei nutrizionisti sostiene che i bambini:
– debbano mangiare la carne bianca 2 volte a settimana (coniglio, tacchino, pollo) e 1 volta quella rossa (manzo, vitello o cavallo)
– debbano mangiare il pesce 2 o 3 volte a settimana
– non più di 3-4 uova a settimana, sempre di qualità A – Extra
– una porzione di legumi almeno tre volte a settimana, sia secchi che surgelati (lenticchie, ceci, piselli, fagioli)
– due porzioni di frutta e verdura al giorno, cruda o cotta, surgelata o di stagione, variando nel gusto e nel colore
– due porzioni di formaggio a settimana
salumi, non più di una volta a settimana (meglio prosciutto crudo magro, bresaola o prosciutto cotto senza polifosfati)

La dieta per bambini deve essere quanto più possibile equilibrata e costituita da alimenti genuini: se il ragazzino manifesta problematiche legate al peso o si suppone intolleranza a qualche ingrediente, è necessario consultare il proprio medico pediatra.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento