caratteristiche Dieta PlankNumerose sono le tipologie di dieta che si possono ritrovare anche solo sfogliando le riviste femminili, da quella disnitossicante per sentirsi leggeri, passando per le diete ingrassanti fino a quelle più classiche per dimagrirre, come la dieta Plank.

La dieta Plank è una di quelle che maggiormente hanno riscosso successo negli anni anche se non è ben chiaro da chi sia stata ideata.

Cosa ha di particolare la dieta Plank?

Innanzitutto si tratta di una dieta che permette di raggiungere alti risultati in poco tempo.

Il fattore temporale, abbinato alla possibilità di perdere molti chili facilmente, è la caratteristica più importante per far si che la dieta Plank risulti così efficace e di conseguenza famosa.

Molte personalità dello spettacolo fanno ricorso alla dieta Plank, per raggiungere il peso desiderato in vista di particolari eventi, durante i quali la linea deve risultare impeccabile.

La dieta Plank è anche molto semplice da realizzare, in quanto esiste un programma da seguire in maniera precisa per ottenere gli obiettivi prefissati.

Con la dieta Plank, si arrivano a perdere anche 7 chili in sole due settimane.

Ovviamente la dieta Plank non può definirsi una dieta equilibrata e quindi, un calo di peso così ampio ed incisivo, in così poco tempo, richiede una cautela per quanto riguarda poi la propria salute.

In generale, la dieta Plank prevede un drastico abbassamento delle quantità dei carboidrati, sia a pranzo che a cena si prediligono proteine come petto di pollo, uova.

La frutta è permessa solo una volta alla settimana, la domenica si può mangiare liberamente.

In generale il condimento è ridotto al minimo, ovviamente solo olio di oliva extra vergine.

Si tratta come si può capire di una dieta molto semplicistica e che non tiene in considerazione fattori quali l’età del soggetto, la sua attività quotidiana, la corporatura e dunque la reale necessità di calorie del suo corpo.

La dieta Plank quindi rischia di non considerare nei pasti elementi fondamentali come le vitamine, le fibre, i sali minerali

 

peculiarità della dieta PlankQuando una dieta è disequilibrata, le conseguenze potrebbero vedersi sul lungo periodo.

Nel caso della dieta Plank ad esempio, un grave difetto è quello di non prevedere una dieta di mantenimento. Questo può portare a riacquisire i chili perduti non appena la dieta Plank termina.

Lo sfasamento che subisce comunque l’organismo è notevole, in riferimento al cambiamento di qualità del cibo ingerito. Dunque quando si ritorna poi al normale regime alimentare, la dieta Plank rischia di essere stata soltanto uno stress momento per l’organismo.

E’ fondamentale invece ritornare ad un regime alimentare più variegato e ampio ma considerando una gradualità di reintegro delle sostanze precedentemente escluse dalla dieta Plank.

Inoltre qualsiasi tipo di dieta per il dimagrimento, compresa la dieta Plank, dovrebbe sempre essere accompagnata da una adeguata attività fisica.

0 Commenti

Lascia un commento

    Lascia il tuo commento

    Lascia un commento