Mangiare verdure è una delle regole fondamentali per la corretta alimentazione.
La Dieta del Minestrone allora potrebbe annoverarsi tra le soluzioni migliori per correggere i difetti di linea che assillano spesso uomini e donne, soprattutto in vista della stagione estiva.

La Dieta del Minestrone infatti permette di perdere fino a 7 chili in circa meno di due settimane

Nel caso in cui la perdita del peso sia superiore, occorre prestare molta attenzione perché potrebbe essere causata da una assunzione troppo ridotta delle chilo calorie effettivamente necessarie al nostro organismo. In tale situazione occorre reintegrare la dieta. Gli alimenti più indicati sarebbero per prima cosa i carboidrati, quindi i piatti dovrebbero arricchirsi con pasta, riso oppure fette biscottate ad esempio per la prima colazione.

consigli per la Dieta del Minestrone

La Dieta del Minestrone, scopri gli ingredienti per attuarla, prevede che si mangi il minestrone di verdure sia a pranzo che a cena, aggiungendo anche la frutta sia a fine pasto che come spuntino a metà mattina o in accompagnamento della colazione che deve prevedere soltanto il caffè oppure il the.
Tale dieta è l’ideale per ripulire il proprio corpo da tossine, essa può favorire notevolmente anche la diuresi, per l’apporto di liquidi contenuti nelle verdure stesse.

Si tratta di una dieta disintossicante e riequilibrante

Durante la Dieta del Minestrone sono ridotti al minimo i grassi e gli zuccheri, fatta eccezione per quelli contenuti nella frutta.
Un esempio: colazione con the verde o caffè, a metà mattina un frutto, pranzo con minestrone e una pera, a metà pomeriggio una banana, cena con minestrone e una pera.
La peculiarità della dieta è che si tratta di un regime alimentare ipoproteico.

Con questo termine si vuole sottolineare che l’apporto di proteine è eliminato per la durata della dieta stessa.

Ciò comunque va considerato come rischioso, in quanto si tratta di uno squilibrio nell’assuzione di una alimentazione variegata di cui necessita invece il nostro organismo, è per questo motivo che la dieta deve essere limitata nel tempo e debitamente monitorata.

consigli per la Dieta del Minestrone

Nella fase seguente alla Dieta del Minestrone, la così detta dieta di mantenimento, si deve prevedere una graduale reintegrazione di carboidrati e proteine. Tale fase viene ad assumere quasi più importanza rispetto alla dieta stessa.

Infatti durante la Dieta del Minestrone il metabolismo ha rallentato il proprio regime di lavoro all’interno del corpo e ciò determina un cambiamento da tenere sotto occhio.

Cosa significa?

Il metabolismo rallentato porterà a bruciare meno le calorie che vengono di nuovo introdotte nel corpo al termine della dieta, determinando così un aumento di peso, annullando di conseguenza gli effetti della dieta stessa.

Per tale motivo la gradualità del ritorno al pasto variegato è molto importante.

Fondamentale è l’apporto di acqua che aiuta a mantenere il corpo disintossicato, oltre a favorire dunque la funzione princpale della Dieta del Minestrone, che è proprio quella di ripulire l’organismo stesso.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento