Dimagrire mangiando solo verdure scegliendo tra le offerte di stagione Molte volte un’alimentazione mirata al dimagrimento può risultare inefficace. I motivi sono tanti e vari e si basano soprattutto sul fatto che ogni corpo si presenta differente nella sua struttura e nelle reazioni all’alimentazione che gli viene proposta.

Se il sogno di ridurre il peso si presenta come un miraggio, si può considerare una dieta che permetta di dimagrire mangiando solo verdure, buone, sane e nutrienti.

La scelta di dimagrire deve essere perseguita con costanza e prevedere una sinergia di alimentazione e attività fisica volta a tonificare le zone che ne presentano la necessità. Una scelta molto radicale ma efficace può essere rappresentata dal decidere di nutrirsi solamente di verdure per un periodo ragionevole di tempo.

Le verdure rappresentano la base di una dieta vegana, ecco che applicare un’alimentazione così composta adattandola ai fini del dimagrimento può aiutare a dimagrire mangiando solo verdure, preparate in modo speciale e con la massima cura.

Quindi è possibile dimagrire nutrendosi solo di verdure proprio come è possibile dimagrire la pancia senza l’uso di cosmetici.

Dimagrire mangiando solo verdure: ecco come si può fare

Un’alimentazione volta al consumo di sole verdure deve essere applicata per un massimo di sette giorni, in quanto l’apporto di carboidrati risulta indispensabile per il nostro organismo e non vanno sottovalutate le conseguenze che possono derivare dall’eliminazione degli stessi per periodi più prolungati.

Dimagrire mangiando solo vegetali può divenire una scelta efficace a patto che sia integrata da un’attività fisica mirata e dall’assunzione di elementi nutritivi particolari.

Una dieta composta da sole verdure deve quindi prevedere:

 

Dimagrire mangiando solo verdure, fresche, colorate  e buonissime! 1- Un apporto completo di elementi energetici soprattutto nel momento della colazione. Essa può essere svolta con l’assunzione di frullati di verdure appena composti, magari con del sedano e delle rape che presentano un gusto più dolce e adatto al risveglio. Tali cibi iniziano da subito il processo di disintossicazione fin dal mattino, regalando al fegato la possibilità di ricambio cellulare.

2- Il pranzo deve prevedere un apporto massiccio di verdure, consumate cotte in porzioni abbondanti e precedute da insalate miste create attraverso composizioni di verdura di stagione. La verdura deve essere scelta e fresca e preferibilmente di stagione in quanto il suo apporto vitaminico risulta essere più incisivo.

3- Alla sera il pasto può comprendere delle zuppe di verdura consumate in abbondanza. Spazio durante questo momento a cibi riposanti come la zucca, il porro e le cipolle, che oltre ad apportare molti sali minerali vanno a creare un vigoroso effetto antibatterico.

Consumare solamente verdure tralasciando le proteine risulta difficile e può presentarsi pericoloso. Ecco che almeno uno dei due pasti principali dovrà prevedere l’assunzione di legumi, fonte vegetale di proteine.

Soprattutto se si svolge un lavoro dinamico non va dimenticato che i tessuti muscolari necessitano di proteine per poter trarre nutrimento. Una porzione di fagioli, piselli oppure di ceci cotti al vapore rappresenterà l’ideale apporto proteico giornaliero.

Per mantenere intatte le caratteristiche nutritive delle verdure sarà perfetto adottare una metodologia di cottura semplice e non invasiva, come il vapore oppure la piastra. Le verdure così consumate manterranno intatte le proprie virtù, donando un pieno di sali minerali e di vitamine.

I pasti dovranno essere conditi con un cucchiaino di olio di oliva crudo. Esso diviene importante in quanto il suo apporto di grassi polinsaturi è benefico, utile alle giunture ma soprattutto indispensabile per mantenere l’elasticità della pelle.

Non dimentichiamoci che un repentino dimagrimento può divenire fonte di di smagliature. Assumendo dell’olio di oliva, ricco di Omega 3, si aiuterà la pelle a mantenersi bella ed elastica.

Ecco che dimagrire mangiando tante verdure è possibile ma una dieta così composta non va assolutamente protratta oltre i sette giorni, in quanto la mancanza di carboidrati potrebbe essere causa di problemi legati al calo energetico e alla bellezza dei capelli e della pelle.

Un’alimentazione così composta risulta altamente disintossicante e quindi può essere applicata anche in caso di necessità sotto questo punto di vista, per ritrovare un benessere completo mantenendo poi in un secondo momento uno stile di alimentazione buona e naturale, composta da una varietà di alimenti freschi e genuini. Dimagrire mangiando solo verdure è stata una bella esperienza vero? Essa si presenta soprattutto come una fonte di forza, mentale e fisica, alla quale attingere ogni volta che se ne presenta la necessità.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento