16586691_sQuanta percentuale del tuo cervello stai realmente usando?

Su questo aspetto si è scatenata negli anni una vera e propria diatriba.

Idee pericolose: stai usando solo il 10% o tutto il cervello?

Fin dagli anni ’30 si è Programmazione la credenza che l’uomo utilizzasse solo il 10% del proprio cervello, e che espandendone dunque le capacità qualsiasi uomo fosse in grado di compiere gesti straordinari.

C’erano diverse evidenze di questo, ma ovviamente il diffondersi di questa informazione era piuttosto pericoloso, perché era come dire che il 90% dei propri risultati potenziali devono ancora essere raggiunti.

Ovviamente questo genere di informazioni non sono esattamente quelle che i potenti della terra vorrebbero far circolare, perché rischierebbero di provocare la nascita di “idee pericolose” che finirebbero, a forza di espandersi, per far cambiare gli equilibri economici e di potere che oggi esistono.

Invece, secondo loro, molto meglio che le persone continuino a credere di avere “bisogno” dello status quo.

Che continuino a credere che “le cose stanno così”.
Che continuino a “fidarsi” di ciò che ci hanno sempre detto, solo perché ce l’hanno detto vestiti con un camice bianco o con una uniforme.

Così, per difendere “la nostra sensibilità” da idee così “pericolose”, nel corso degli anni fior fior di scienziati si sono dati da fare per confutare questa teoria del fatto che usiamo solo il 10% del nostro potenziale.

E indovina? Ci sono riusciti.

Diverse prove apparentemente oggettive fanno pensare che l’uomo usi già il 100% del proprio cervello.

Tanto per citarne tre particolarmente eclatanti, ecco le loro “tesi scientifiche”:

  1. Se una piccola parte del cervello si danneggia, perdiamo ricordi e capacità di ragionamento, dunque evidentemente usiamo tutto il cervello
  2. Il corpo umano tende ad economizzare il consumo di energia: non avrebbe senso mantenere un organo usato al 10% del suo potenziale
  3. Strumenti come le tomografie e le risonanze magnetiche evidenziano che il cervello è sempre attivo, in tutte le sue aree (anche mentre dormi).

Dunque queste ed altre ragioni sembrano suggerire, secondo loro, che tu utilizzi il tuo cervello a pieno e dunque non c’è nessun “potenziale inespresso” in te.

Non c’è niente che puoi fare per potenziare te stesso (o si?)

10395466_sChe sollievo vero? Per fortuna non c’è niente che puoi fare per potenziare te stesso, se non aspettare la prossima notizia del telegiornale.

Bello vero?

Anzi: evidentemente questa storia dello “sviluppare il potenziale del cervello” deve essere una bufala, messa in giro da persone che hanno interessi in gioco (come chi, noi ad esempio, utilizza quotidianamente tecniche per potenziare il proprio potere mentale, e le diffonde).

Beh, sappi che io provo sempre un certo divertimento nel vedere le tecniche persuasive di controllo delle masse all’opera contro la persona, perché vorrei farti notare che di questo stiamo parlando.

Questa è una delle più tipiche: “girare” il proprio comportamento manipolativo dall’altra parte.

E’ il concetto del dubbio.

Funziona così: “è molto più facile mettere un dubbio sulla tesi dell’avversario, piuttosto che provare che tu hai ragione”.

Dunque se tu devi confutare qualcosa, naturalmente porterai ottime ragioni logiche a vantaggio della tua tesi, ma ancora più importante metterai dubbi sulle ragioni della controparte.

Il bello è che questo meccanismo è ancora più efficace quando i dubbi che metterai sull’altra parte sono i dubbi che in realtà sarebbero leciti se posti su di te (che sei colui che sta cercando di manipolare l’altro).

In questo caso è evidente che chi controlla il potere oggi ha l’interesse che la maggior parte delle persone rimanga dell’idea che non ha potenziale inespresso, perché in caso contrario il rischio è che si creino movimenti con idee “coraggiose” che potrebbero cambiare gli equilibri di potere esistenti.

Questo naturalmente con gravi conseguenze sui poteri economici attuali.

Dunque chi deve difendere un interesse economico, come fa ad insinuare un dubbio efficace sulla controparte?

Semplice: usa la leva dell’interesse economico!

Infatti ecco che senti dire che non è chi sta al potere che sta cercando di difendere interessi economici ENORMI da possibili mutamenti futuri, ma invece sono persone come noi, con lo scopo di diffondere tecniche e metodologie di sviluppo del potenziale umano per poche centinaia di euro, a mettere in giro false speranze sul fatto che CI SIA effettivamente potenziale inespresso in ognuno di noi.

Se ci pensi, fa sorridere. Ma è così che funziona.

Dunque da che parte stare? Dove sta la verità?

Beh, lascia che ti dica che scoprirlo non è poi così difficile.

Ti basta PROVARE su te stesso alcune delle metodologie di cui parliamo, per capire VELOCEMENTE di chi ti puoi fidare.

Potrei parlarti ore, ad esempio, di come esistono centinaia di esempi di come le menti, quando raggiungono il loro pieno potenziale, ti permettono di fare cose grandiose.

Non ci vuole molto infatti (solo qualche ora su Internet) per scoprire che ci sono fenomeni particolarmente potenti là fuori, che non si spiegano in altro modo se non con un uso diverso della mente.

Ecco qualche esempio reale

ShaolinAd esempio: ti è mai capitato di assistere ad una esibizione dei monaci Shaolin?

Ecco, questi monaci, semplicemente dopo anni di meditazione (abbiamo già parlato in passato di come la meditazione sia uno strumento molto effiace, ma purtroppo anche molto lento), riescono a controllare il proprio corpo al di fuori dei limiti della fisica.

Ma di esempi ce ne sono moltissimi.

Da persone che a mente fanno calcoli matematici a 9 cifre più velocemente di una calcolatrice (e senza avere un QI superiore), a persone “immuni” all’elettricità, a persone che, pur non avendo grandi muscolature, hanno una forza straordinaria, a persone che “dialogano” con animali.

Insomma: nel mondo esiste un po’ di tutto.

Io stesso ho assistito personalmente a fenomeni apparentemente “inspiegabili”.

E’ come il discorso del sole che gira intorno alla terra

In quel periodo dire che le cose non stavano così era rischioso. Perché la società, per sua natura, resiste sempre al cambiamento.

Dunque: dopo averti spiegato come funziona, a grandi linee, una delle più comuni tecniche di “controllo delle masse “(io la chiamo “tecnica dell’inversione del dubbio”), voglio proporti anche una tecnica utile per rimanere focalizzato verso ciò che desideri.

E’ semplicissima, ma… funziona.

E provandola ti accorgerai di come una PICCOLA tecnica di questo tipo può aiutarti a direzionare il tuo potere mentale verso ciò che vuoi.

Immagina dunque cosa puoi fare con strumenti più raffinati, come Programmazione Subliminale Quantica.

Come direzionare il tuo potere mentale verso ciò che vuoi: esperimento pratico

Vedrai solo ciò che pensi di vedere…forse lo avrai sentito.

E come smentire Henry Ford quando disse:

Che tu pensi di farcela o di non farcela
hai comunque ragione – Henry Ford

Non sono frasi fatte, hanno invece in realtà hanno una precisa base scientifica.

Facciamo un piccolo test: prova a fissare per qualche secondo il puntino verde al centro dell’immagine qui sotto (i puntini gialli intorno tenderanno a sparire). Fallo ora:

motion_induced_blindness_illusion_image_title_6em4f

 

Incredibile vero?

Alcuni studi hanno infatti dimostrato che il cervello  è un grado di gestire 40 milioni di bit al secondo mane porta allo stato di coscienza solo 40 bit, ovvero ti rendi conto solo dello 0,001% delle cose che accadono.

Perchè? Semplice, rischieresti di impazzire. Pensa, milioni di informazioni al secondo dentro il tuo cervello, da valutare, in qualche modo “ascoltare“, sentire, da gestireRischieresti veramente di impazzire.

Allora il cervello sai che fa? Visto che è una macchina intelligente gestisce tutto in modalità “invisibile”, sotto la traccia della tua coscienza (prova solo a pensare quando suona la sveglia al mattino, che fai? Ti alzi? E chi dice al tuo cervello: è suonata la svegla, apri gli occhi, allunga la mano fino al punto giusto, pigia il pulsante per spegnerla ecc. ecc. ecc. ?).

Ecco dunque il meccanismo: il cervello porta allo stato di coscienza solo le informazioni che in quel momento crede ti sono utili.

come fa a capire cosa è importante per te? Semplice, con la tua attenzioneTi mostra solo ciò su cui sei concentrato (o sul quale ci sono i tuoi pensieri, in questo caso il puntino verde).

Risultato: tutto avviene contemporaneamente, solo che tu non te ne accorgi (o meglio ti accorgi solo dello 0,0001% delle cose che accadono)!


La domanda è: di quale vuoi accorgerti?

Tutto esiste già a livello di potenziale (non abbiamo qui il tempo e lo spazio di approfondire) solo che tu non te ne accorgi, perchè ti rendi conto solo dello 0.0001% delle cose che accadono (quelle su cui metti la tua attenzione).

Qui ti sei perso i puntini gialli, ma nella vita quante occasioni, opportunità, quante altre cose ti sarai perso per strada?

ESERCIZIO PER DIREZIONARE IL TUO POTERE MENTALE VERSO CIO’ CHE VUOI

Per 7 giorni pensa a ciò che vuoi ottenere  (un tuo obiettivo, desiderio, aspirazione) e resta focalizzato su questo pensiero e sui segnali. Li vedrai intensificarsi con grande frequenza.

Non è magia, è selezione neurale.

P.S.
Domani ti dimostro che non usiamo il 10% del nostro cervello.
Usiamo molto, molto meno (e la bella notizia è che si può decisamente alzare questa percentuale)

 

24 Commenti

Lascia un commento
  • alessandra busato

    sento che ci sono tantissime cose da scoprire e ogni giorno arrivano segnali da qualsiasi cosa basta imparare a vederli …

    Rispondi
  • michele

    grazie italo per i tuoi continui aggiornamenti…

    Rispondi
  • Roberto Pegolotti

    Sono assolutamente convinto del fatto che usiamo normalmente forse il 5% del nostro cervello . . . o forse anima? Mi ha sempre appassionato la ricerca del come funziona la nostra mente . . . difficoltà da superare.

    Rispondi
  • Rosa

    A me è sparito il puntino verde

    Rispondi
  • cristina

    se i puntini non spariscono , non preoccupateviii !!! vuol dire che avete una visione a 360 gradi ! … oppure siete strabici , complimenti ! ;-)

    Rispondi
  • pat

    Caro Italo, come non ripensare alla tua frase “Prendiamo decisioni in base a quello che sappiamo, ma non sappiamo quanto non sappiamo” :-)
    Quanto meravigliosi puntini verdi intravediamo (mi piacerebbe…. che bello sarebbe…. e se provassi a….) e “lasciamo” scomparire perchè ci concentriamo sul malefico puntino giallo del realismo (chi lascia la strada vecchia per la nuova…. non è più tempo per i sogni…. tanto con la crisi che c’è….)
    E non c’è che dire, sono proprio bravi a farci concentrare sul punto giallo, manco fossimo asinelli con i paraocchi.
    Eppure… eppure il dubbio sta venendo a un numero sempre maggiore di persone.
    E il dubbio mette la voglia almeno di provare a mettere in discussione alcune “verità”… finchè un giorno non diventerà normale sapere che la terra non è piatta (e senza andare sul rogo ;-)
    Pat

    Rispondi
  • pietro

    A parte qualche errore dipeso Dal t9 il concetto Che ho cercato di esprimere credo sia chiaro . Comuncue mi piacerebbe parlare com voi con grande piacere della strisce chimiche sistema(mk ultra Itália) di Cui si parla da tempo. E tutto cio Che ci viene taciuto . Sorte veramentevdei grandi. Ora sono Senza un lavoro má appena potro faro parte del vostro programma Che troco altamente stimolante. Ora sto lavorando si mente corpo coordinati non sempre mi riesce má quando riesco a liberare la mente ho risultato interessantí. Spero in una vostra ridposta.

    Rispondi
  • capodiluce

    fino ad adesso avete abilmente spiegato ciò che faccio e questo è molto, per esempio io ho 64 anni ed il mio osteopata ha scoperto che ho una forza eccezionale quando mi spinge a fare alcuni movimenti, non faccio più sport da 30 anni ma so che se voglio fare uno sforzo tutto il corpo compreso le punte delle ciglia deve convergere in quel momento all’azione…e così quando massaggio o faccio reiki o quando scrivo o quando canto…..convenite quindi che non è forza fisica l’insieme del corpo e della mente che opera in armonia per querllo scopo…..bravi

    Rispondi
  • sabrina

    Grazie veramente, adesso ho compreso meglio il tutto, e cerco di avere un obbiettivo in questi sette giorni, vedo quale, penso per un lavoro buono e bello per me, altrimenti una cosa che mi piace fare o avere nella vita, e spero che tutto vada per il meglio, di non fare errori, di usare la mia mente bene e per i benefici che posso trarne, per la mia felicità e quella dei miei cari, grazie e a presto ancora.

    Rispondi
  • roberto marigo

    Su tutte le argomentazioni che hai trattato, siccome ho maturato nel tempo la tua stessa visione, relativamente al modo di operare dei cosiddetti uomini di “POTERE”, non mi resta che complimentarmi con il tuo staff per i risultati ottenuti con le ricerche che state facendo. Tutti i giorni sperimento le capacità del mio cervello quando riesco a farlo funzionare come vorrei. Sono in linea con i risultati ottenuti con i tuoi studi.

    Rispondi
  • maria luisa leonelli

    grazie …a me i puntini non sono spariti..cosa vuole dire?

    Rispondi
    • Maurizio

      Vuol dire che non ti sei concentrata sufficientemente sul puntino centrale. Se provi a concentrarti sufficientemente vedrai che uno alla volta spariranno tutti Ciao!

  • maria luisa leonelli

    grazie è molto interessante…

    Rispondi
  • Ester

    “Il concetto del dubbio” contenuto nel tuo articolo apre nuovi scenari che non ho ancora sperimentato e penso: non è forse la tecnica che usano o dovrebbero usare gli avvocati durante i processi? Quanta fatica risparmiata! piuttosto che provare che hai ragione.
    L’esercizio che hai proposto è efficace, i puntini gialli sono spariti uno alla volta tutti, concentrarsi su un obiettivo non è altrettanto facile, perchè persistono nel cervello programmi che interferiscono, farò nei prossimi 7 giorni l’esercizio che proponi.
    Una domanda: la selezione neurale è questa o c’è di più?
    Grazie

    Rispondi
  • dani

    ho iniziato il corso Subliminare Quantica è solo in una settimana,vedo il mio orizzonte allargarsi smisuratamente,non vedo lora di entrare in azione.
    saluti Dani G.

    Rispondi
  • paolo

    Grazie, e ancora Grazie a te Italo al tuo Progetto (di CREARE UN MONDO MIGLIORE..che è anche io mio…),e ai tuoi Collaboratori(sono Certo un giorno nè farò parte..ho gia mandato Richiesta..)!
    GRAZIE per ciò che diffondi Deliberatamente, perché Coinvolgi l Attenzione di chi Veramente vuole di più da questa MERAVIGLIOSA VITA..
    So che accennando ai monaci hai fatto solo un esempio degli innumerevoli che potresti portare.. e come suggerisce il Dalai Lama : chi arriva al CENTRO della propria religione,ARRIVA AL CENTRO DI TUTTE…
    GRAZIE ci sentiremo a Voce.. ; ))

    Rispondi
  • Francesco

    Più vi seguo e più mi rendo conto che quello che dite e scrivete è la pura realtà!
    E’ vero, noi non ci rendiamo assolutamente conto di quello che è possibile ottenere attraverso un corretto utilizzo della nostra “macchina” più perfetta, il nostro cervello; le troppe distrazioni alle quali siamo esposti ci impediscono di focalizzare la nostra attenzione su ciò che veramente vogliamo.
    Complimenti davvero per il vostro splendido lavoro ed un grazie di cuore per quanto ci state trasmettendo.

    Rispondi
  • silva

    Veramente sparisce per qualche frazione di secondo un puntino giallo e non tutti e 3, è evidente che se l’attenzione è centrata su una cosa perde di vista altre ma solo momentaneamente.
    Che si usii il cervello solo il 10 % è risaputo, non è una novita e come non è una novita dei messaggi subliminali ma scienzati hanno affermato e dimostrato che non funzionano.

    Rispondi
  • claudia

    I puntini gialli non sono spariti… Che significa?

    Rispondi
  • gianfranco

    Sono analisi vere e sperimentate da secoli da persone che hanno vissuto da mistici, dai padri del deserto ai monaci stiliti. Tu citi i monaci shaolin perché forse non hai dimestichezza con i mistici cristiani. La mente è sempre la stessa! Quando Dio creò l’uomo lo costruì con tanti e tali potenzialità che l’uomo può sviluppare quando tende a comunicare con Dio. Dio è unico, a prescindere dalle singole fedi religiose. Prova a pensarci caro Italo. Bravi e continuate. gfranco

    Rispondi
  • monica_vecchi

    Ogni giorno, è prova di quanto dite, non sempre facile, non sempre lineare …ma c’è……
    il non lineare e il non facile è dato dai retaggi con i quali sino ad ora ci hanno cresciuto …scoprire che si può cambiare …….è semplicemente fantastico ,

    Grazie

    Rispondi
  • severino

    volere è potere! chi ha detto questa frase conosceva la forza scatenante del suo volere. Quale miglior strumento se non il nostro cervello può mettere in moto una tale energia?

    Rispondi
  • Dario Bernasconi

    mi capita di trovarmi in un luogo per la prima volta e sentire questo luogo “familiare” come se ci fossi già stato in passato…Come si può spiegare questo fenomeno??

    Rispondi
  • maria

    Comincio veramente ad accorgermi giorno per giorno che effettivamente mi sembra di avere un enorme potenziale inespresso. Solo ora comincio a porci attenzione.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento