Grande Fratello  e Sviluppo Personale

Vi chiederete cosa abbia a che fare il Grande Fratello con lo Sviluppo personale vero?

Ve lo spiego subito.

Spesso mi capita di parlare con persone che pur conoscendo tutto sulle vicende dei Massimo, Carmela e George della situazione non guardano il Grande Fratello.

Hanno poteri paranormali?

Sicuramente no, semplicemente non ammettono di guardare uno dei programmi più discussi degli ultimi anni.

Come mai?

Semplice, hanno paura di rivelare questa loro “passione” perché temono di essere viste male, guardare il Grande Fratello in fondo non da “chic”, potrebbe essere sconveniente ammettere di guardare questa trasmissione così tanto criticata.

La maggioranza delle persone ha paura di essere se stessa, teme il giudizio altrui e si crea un’“identità sociale” fasulla pur di essere accettata.

Nulla di più sbagliato.

La persona libera non ha paura del giudizio altrui, guarda il Grande Fratello e lo ammette, ride dei film di De Sica senza considerare questa una colpa.

Non voglio dire che dobbiate guardare per forza il Grande Fratello, ma se lo guardate non abbiate paura di ammetterlo.

Lo spessore di una persona non corrisponde ai suoi gusti ma alle sue azioni.

Smettete di cercare il consenso sociale, siate voi stessi.

Siate duttili, non guardate solo il Grande Fratello o solo documentari scientifici, guardate entrambi.

Non siate coerenti, moltiplicate le vostre passioni, le persone rigide e coerenti ricevono meno stimoli, si precludono molte opportunità.

Siate voi stessi ma siate anche dinamici, ogni giorno aggiungete alle vostre passioni qualche cosa di nuovo, cambiate spesso ma senza rinnegare voi stessi.

Chi vi giudica non può farvi del male, anche se qualcuno penserà che siete superficiali perchè guardate il GF non curatevene, Lui non vi conosce e non sa che voi non siete solo GF.

Io la penso così

A presto

Marco

15 Commenti

Lascia un commento
  • GiuseppeLongo

    ciao sofia ;-)

    – PERCHé si sceglie QUESTO programma piuttosto che altro?

    … bè è tipo una soap opera ma SEMBRA + reale, ci coinvolge e si vuole sapere come andrà a finire :-D

    – si può parlare di meccanismi di identificazione?

    si certo ma senza demonizzarli, l’identificazione è un meccanismo naturale che si manifesta anche quando
    leggiamo un bel libro o ascoltiamo una storia.
    molto spesso capita naturalmente ma adesso possiamo scegliere noi con chi identificarci, cosa guardare alla tv, cosa leggere, riconoscendo che siamo costantemente influenzabili.

    – e qual’é il tipo di condizionamento sociale indotto dalla visione di un programma come questo?

    non ce n’è uno in particolare, il condizionamento sta nel fatto di legittimare azioni e pensieri che provengono da una finzione piuttosto che dalla vita reale.

    potrei continuare ma mi fermo qui, spero di averti chiarito sofia ;-)

    Rispondi
  • sofia

    ciao!

    non mi é ancora chiaro…secondo voi PERCHé si sceglie QUESTO programma piuttosto che altro?

    si può parlare di meccanismi di identificazione?

    e qual’é il tipo di condizionamento sociale indotto dalla visione di un programma come questo?

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Per Giuseppe,

    Io comunque non credo nemmeno si possa definire una “motivazione all’azione”, facendolo si darebbe comunque una analisi personale.
    Quando io ho detto “lo guardano perchè gli piace” o tu hai detto che lo guardano perchè “sono alla ricerca di essere se stessi” abbiamo dato una intepretazione abbiamo dato una intepretazione personale di un fatto, l’unica cosa “obiettiva” ed incontrovertibile è il fatto che “lo guardano”.
    Questa è la mia opinione.
    Grazie a tutti per la partecipazione

    Marco

    Rispondi
  • Mila Del Negro

    Ciao Marco, mi trovo molto allineata al tuo pensiero; sono convinta che lo sviluppo personale sia un processo, un’integrazione di esperienze, un’alchimia di vissuti spesso e per fortuna in contraddizione tra loro, talmente unico e soggettivo, che a nessuno di noi dovrebbe passare per la testa di catalogare le persone in funzione di scelte e preferenze. sapessi quante volte in passato mi sono sottoposta a noiosissime, per me naturalmente, visite a chiese e musei, a film impegnati e pallosissimi, sempre per me, per sentire di avere un valore. fino a non sapere piùchi ero, a sentirmi nascosta e ingabbiata in una camicia di forza, fino al rifiuto violento e totale di un vestito, anzi di un intero guardaroba, che non mi apparteneva. e che sollievo, che senso di benessere profondo ora che posso permettermi di guardare, un bel film caramelloso o il GF!!! la libertà di essere se stessi è il più grande dono che possiamo farci e fare a chi ci sta intorno, perchè ci rende felici e chi è felice non perde il suo tempo a valutare, analizzare e giudicare il suo prossimo. complimenti, un saluto, Mila

    Rispondi
  • GiuseppeLongo

    ma quale analisi della personalità :-D
    ho parlato del “Perchè” molto spesso si Fanno certe cose (quindi sulla motivazione all’azione, NO personalità)
    accentuando e ampliando il punto focale che ci hai proposto tu, ESSERE SE STESSI ;-)

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Ciao Giuseppe,

    Io personalmente seguo la filosofia cotuttivista e quindi non credo nelle analisi, non credo nemmeno che esista veramente un “Io” reale , anzi penso che l’Io sia in continuo divenire, per questo credo che chi cerca se stessa non fa altro che cercare qualche cosa di mutevole ed irraggiungible.
    Quando vedo una persona che compie un’azione dico”Sta compiedo quell’azione”, qualunque essa sia, se guarda il GF o qualunque altra cosa dico “Lo guarda perchè in questo momento lo trova piacevole”, basta, non faccio analisi.
    Per esempio io guardo molti film indipendenti, mio padre li trova noiosi e preferisci i western, per me LUI PREFERISCI I WESTERN, punto e basta.
    Questo è il senso del mio articolo, fare che ciò che ci sentiamo di fare in quel momento, in quella fase della nostra Vita, non credo nelle analisi di personalità.
    Questo è un punto di vista personale e alla fine , come disse Watzlawick, peno che anche tu hai perfettamente ragione… dal tuo punto di Vista.

    Rispondi
  • GiuseppeLongo

    ciaooo a tutti
    sono Giuseppe Longo e mi occuppo di sviluppo personale ormai da 7 anni ;-)
    posso dire che a volte mentre faccio zapping nell’ora di pranzo a volte mi soffermo un pò a guardare il GF soprattutto perchè odio i TG e non c’è altro :-D
    dopo 10 min mi scoccia subito e non so perchè (scherzo lo so benissimo :-)
    piuttosto vorrei soffermarmi sul perchè li guardano….
    è un pò per lo stesso motivo per cui andiamo al cinema o guardiamo un film…
    quello che attira d + , sono le persone che sono in grado di Essere Se Stessi (che nel caso del cinema o del GF è facilissimo)
    persone che esprimono le loro Emozioni, Desideri, fragilità convinzioni ecc.
    quindi anche le persone che come dice MIMMO ne fanno degli “esempi, mode, addirittura obbiettivi da perseguire”
    in fondo lo fanno perchè sono anche loro alla ricerca del modo di Essere Se Stessi (che è l’argomento centrale del post di MARCO)
    solo che lo cercano nel posto + facile ma + sbagliato, all’esterno.
    mentre il vero posto dove cercare la nostra Unicità si trova dentro di noi ;-)

    Rispondi
  • Marco Antuzi

    Ciao Mimmo,

    Io conosco persone che si occupano di sviluppo personale che guardano il GF e anche Uomini e donne, programma che per me è davvero uno dei peggiori della TV, ma se a loro piace poco male, abbiamo punti di vista differenti.
    Comunque è proprio questo il senso dell’articolo, ognuno di noi ha espresso la propria opinione senza condizionamenti ed è stato se stesso.

    Marco

    Rispondi
  • Mimmo

    Ciao Marco sono sempre mimmo, la provocazione a funzionato, ma purtroppo io sono del tutto contrario a questo genere di programmi spazzatura..
    GF, Maria de Filippi & co.
    Non è una questione di fare l intellettuale oppure no, di vergognarsi oppure no. In giro su cento persone che guardano questo genere di programmi forse una o due li guardano come “programmi televisivi”, per gli altri diventano esempi, mode, addirittura obbiettivi da perseguire ( stendiamo un velo pietoso qui ). Sicuramente la bravura e la cultura di una persona non dipende dal fatto che guarda o non guarda il GF, ma fino ad oggi non ho ancora conosciuto persone che si occupano di crescita personale, spirituale e finanziaria e poi guardano il GF o altri simili, non perchè si vergognano a dirlo, semplicemente perchè chi segue determinati percorsi si rende conto che il GF&co. non ha alcun senso guardarlo.
    Ovvio che è una mia opinione personale.
    Ciao Buona giornata.

    Rispondi
  • Marco

    X Nicola e Mimmo, mi ero dimenticato.
    Bravi! andando contro , anche se solo parzialmente Nicola, avete messo in pratica che quell che ho detto.
    Siete stti voi stessi!

    Marco

    Rispondi
  • Marco

    Belle riflessioni,

    Inizio con il constatare che solo alcuni hanno compreso il senso dell’articolo.
    L’articolo non tesse le lodi del Grande Fratello ma l’essere se stessi senza condizionamenti sociali e l’essere liberi dal “recitare una parte”.
    La mia era una provocazione e come tale ha sollevato polemiche, semplicemente ho detto ciò che in molti non desiderano sentirsi dire, questo significa essere liberi da condizionamenti sociali.
    Per Mimmo, esistono molti pseudo-intellettuali che dicono di non guardare il GF e poi stentano a comprendere il senso scritto di un articolo,leggono qualche romanzo e qualche saggio e si sentono superiori, conosco invece molti veri intellettuali che lo guardano e hanno una cultura veramente infinita.
    Avrei potuto parlare di “Prova del cuoco e sviluppo personale” o di “L’Arena di Giletti e sviluppo personale” ma il succo non cambia, la mia non era una “sponsorizzazione” del GF ma una provocazione delle mie.
    Per Nicola, hai frainteso le mie parole, non dico che non bisogna essere coerenti ma che non siamo mai coerenti, nemmeno quando vogliamo esserlo.
    Siamo sempre combattuti tra ragione ed emozione ma alla fine , quasi sempre, l’emozione la vince sulla ragione.
    Se accettiamo il fatto che nessuno di noi è coerente impararemo a scoprire che nemmeno noi lo siamo.
    La coerenza è una scusa che utilizziamo per condannare chi non la pensa come noi ma poi chiudiamo gli occhi quando ad essere incoerenti siamo noi.
    La psicologia strategica già da tempo ha mostrato i limiti dela coerenza umana, per questo motivo politici, intellettuali e personi” comuni” si comtraddicono in continuazione.
    è questo il senso del mio discorso, noi esseri umani siamo mutevoli e cambiano idea in continuazione anche senza rendercene conto, questa è una nosta caratteristica nè positiva nè negativa ma frutto della duttilità della nostra mente e della sua capacità di modellarsi per adattarsi alla realtà.
    Ringrazio tutti per i commenti stimolanti e son contento , con il mio articolo, di aver sollevato polemiche,quando ci si espone questo accade sempre, non tutte le nostre opinioni possono piacere a tutti, vi invito a fare la stessa cosa, esponetevi, come avete fatto nei vostri commenti, così sarete liberi.

    Sinceramente

    Marco Antuzi

    Rispondi
  • nicola

    ciao marco,io di certo non mi vergogno a dire che guardo il grande fratello,lo guardo perchè mi diverte quel reality,e poi secondo me si può imparare tante cose osservando quelle persone che stanno sotto le telecamere 24 ore su 24,per dirne uno george ha molta autostima di se stesso,davanti a tutte le critiche e gli insulti che gli hanno dato un uomo con poca autostima sarebbe già crollato,ecco perchè è importante quello che noi pensiamo di noi stessi,e poco importante di quello che gli altri pensano di noi.
    Per quanto riguarda la coerenza,non sono tanto daccordo su quello che dici,secondo me essere coerenti nella vita ci dà stabilità emotiva,ok alcuni ci odieranno e alcuni ci ameranno ma almeno saremo noi stessi,e non come tanti che cambiano idea ogni 10 minuti,o persone che fanno sempre decidere gli altri,cominque questo è il mio pensiero,è stato un piacere commentare questo blog.

    Rispondi
  • Roberta

    Io l’ho visto in passato, adesso HO SCELTO di non vederLo piu’ e secondo
    me ci ho guadagnato, non e’ che c’e’ da vergognarsi comunque non e’
    nemmeno cosi’ esaltante, un buon libro e’ decisamente piu’ istruttivo,
    nella Bibbia, alle Lettere cattoliche, c’e’ un passo che dice:
    ” tutto e’ lecito, ma non tutto giova” . Grazie comunque per la bella
    riflessione!

    Rispondi
  • Mimmo

    Il GF e tanta altra TV Spazzatura non sono nient altro che quello: SPAZZATURA!! Lodare e Inneggiare l’ignoranza è un ottima strategia dei media perchè sanno che attira audience, ma è assurdo vedere quanto l’ignoranza porta altra ignoranza nella società in cui viviamo.
    A mio parere invece le persone dovrebbero iniziare a formarsi e informarsi seriamente, invece di “rincitrullirsi” davanti a una TV per lo più pilotata..

    Rispondi
  • AnnaMaria

    E’ l’articolo più bello che hai scritto finora, sono felice che questa tua vena creativa si sia espansa e si stia tutt’ora espandendo a macchia d’olio. Sei il migliore, ma questo già lo sai.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento