l'amore, la chiave del paradiso: la via della guarigioneL’amore, come sa bene chi ha letto il mio libro,  rappresenta una delle due fondamentali chiavi per riconquistare il paradiso perduto.  L’amore è anche una potente forza che agisce nella direzione della prevenzione e della cura delle malattie.

 L’amore è, infatti, il filo di Arianna che ci permette di uscire dal labirinto della sofferenza, delle malattie, della solitudine e dell’inferno.

L’uomo è un essere sociale.  Non è un caso che il bisogno principale di un essere umano sia quello di dare e di ricevere amore.  Abbiamo tutti, dico tutti, indistintamente, un bisogno esaperato di amore, ma non siamo capaci di amare. Questo, soprattutto, perchè  viviamo in una società che privilegia ben altri valori (il denaro, l’apparenza, il possesso, etc.), che spesso sono in netto contrasto con l’amore.

Conseguenzialmente non è assolutamente facile nella nostra societa’ imparare ad amare. Si, dico bene, imparare ad amare

L’amore è un’arte che richiede lo sviluppo di competenze che sono tipiche delle persone sane e mature.  Per amare bisogna “essere”, ma spesso privilegiamo “l’avere” e “l’apparire” all’essere.

Di conseguenza sviluppiamo le nostre competenze nella direzione della capacità di apparire, di possedere e di avere piuttosto che nello sviluppo delle nostre potenzialità reali  legate all’essere. 

l'amore, la chiave per il paradiso: la via della guarigione

 Grazie alla priorità dell’avere, molti si chiedono e sanno che cosa vogliono, ma non si chiedono e non sanno chi vogliono essere. Di conseguenza sviluppano infinite capacità finalizzate allo sviluppo dell’avere, ma quasi nessuna capacità finalizzata allo sviluppo dell’essere, dell’arte di amare, di vivere, di gioire e di promuovere la vera salute.

Privilegiamo le relazioni transazionali e trascuriamo le relazioni trasformazionali.

Chi ha tutto, ma non è, può perdere, in un solo istante, tutto ciò che ha. Chi è, ma non ha niente, può avere tutto ciò che vuole.

Il vero potere dell’uomo è nell’essere non nell’avere. Valgo perchè sono, non perchè ho o perchè appaio. Valgo perchè amo, perchè sono amabile e perchè posso.

Una società malata tende a produrre cittadini malati.  Per malattia deve intendersi qualsiasi stato di malessere fisico, psichico o sociale………..  ed il vero obiettivo di qualsiasi forma di prevenzione e guarigione è la gioia

Il vero germe di molte malattie  è in molti valori errati trasmessi dalla nostra società consumistica. Viviamo nella società dell’immagine, società in cui l’apparenza è più importante del contenuto: la supeficialità ed il consumismo la fanno da padroni. In questa società non è strano quindi notare che per lo più è il corpo e non l’anima la vera fonte del proprio valore e della propria autostima. S’investe nell’avere e nell’apparire più che nell’essere.  Ciascun essere umano è su questo pianeta terra con l’obiettivo principale di dare e ricevere gioia, di dare e ricevere amore.  si, avete letto bene: amore.

l'amore,la chiave del paradiso:la via della guarigione

l'amore, la chiave del paradiso: la via della guarigione

La principale missione di ciascun essere umano è dare e ricevere amore. Non può esservi salute e gioia – che poi sono la stessa cosa- senza amore.

Quando ciascuno di noi nasce ha in sè un programma genetico, frutto dell’evoluzione di miliardi di anni,  che stabilisce che il nostro bisogno principale è amare ed essere amati. Senza amore nessun bambino potrebbe sopravvivere. L’essere umano è l’essere vivente più dipendente esistente sulla terra, ma è anche quello destinato ad essere il più indipendente.

Nel nostro DNA c’è già iscritto un percorso che porta dall’estrema dipendenza alla massima libertà ed indipendenza.

L’uomo nasce completamente dipendente, ma è programmato per essere indipendente e libero. Un bambino quando nasce è l’essere più fragile esistente in natura.  Non potrebbe vivere da solo. L’uomo quando nasce ha così poche competenze innate che è completamente indifeso: non riesce a correre, non riesce a riconoscere pericoli e nemici, non riesce a nascondersi, non riesce a nutrirsi da solo. La nascita dell’indipendenza richiede un tempo lunghissimo.  Per moltissimi anni , al fine di sviluppare le sue potenzialità ha bisogno di cibo, di attenzioni, di essere accudito, di essere toccato, di essere istruito, ma ha, soprattutto, bisogno di amore.  senza la giusta quantità di amore è destinato a morire o ad ammalarsi gravemente.

L’amore è il principale ingrediente per abitare l’isola della gioia.  Qualsiasi prevenzione e cura delle malattie per essere veramente efficace ha bisogno d’amore.

 Nei prossimi articoli vedremo, come dimostra sia una montagna di dati scientifici sia la mia lunga esperienza medica, che l’amore ha un ruolo fondamentale nella nascita e nell’evoluzione di qualsiasi malattia

La via della guarigione inizia proprio da qui, dall’amore di se stessi. Ricordiamoci sempre che nessuno può veramente amare qualcuno se prima di tutto non ama se  stesso. L’amore che riusciamo a nutrire verso gli altri è direttamente proporzionale all’amore che nutriamo verso noi stessi.   Anche il Vangelo ricorda questa stretta relazione con un comandamento fondamentale:

“Amerai il prossimo tuo come te stesso”  (Marco 12,31)

quindi, non meno nè più di te stesso, ma come te stesso.  Il consiglio che posso dare a chi legge è, pertanto, di investire con coerenza nello sviluppo dell’arte di amare e conseguenzialmente  nella formazione, nella crescita e nel migioramento di se stessi……………. e poi di seguire il sacro principio di Sant’Agostino:

“Ama e fai ciò che vuoi.”

Buona strada ……… e sia sempre l’amore a guidarti.

 

6 Commenti

Lascia un commento
  • Marisa

    Grazie di avermici fatto riflettere. Bisogna esercitarsi su quanto proponi continuamente, ogni giorno, e guariremo

    Rispondi
  • Daina

    Quanto è bello a leggere le esperienze e i consigli, c’è sempre da imparare qualcosa, scoprirsi e riscoprirsi..! La vita è bella!

    Rispondi
  • Claudio

    Carissima Alba, grazie, prima di tutto, per aver letto il mio post e, soprattutto, per aver parlato di te. Io sono perfettamente convinto che nulla succede per caso. Se sei capitata su piuchepuoi e se hai letto il mio post, sicuramente c’è un motivo. Questo motivo ha sicuramente a che vedere con la voglia di imparare e con il desiderio di crescere che sono i sintomi più chiari dell’amore per se. Vedi l’amore, come molte cose della vita, non è in bianco e nero, ma presenta un’infinità di colori e di gradazioni. Nella realtà, quindi, spesso ci troviamo con diverse dosi di amore. Che, oltretutto, possono variare nel tempo in funzione di tantissime variabili. Nel tuo caso, quindi, pur sentendoti, forse anche per il periodo particolare che stai attraversando, come un vaso vuoto di amore, ritengo, con convinzione, che, per le considerazioni di cui dicevo prima, hai tanto amore dentro di te. Non so la sua origine nel tuo caso specifico, ma esiste. Comunque in età adulta, qualunque sia stata l’esperienza infantile, si ha un dovere principale. Questo dovere è quello di imparare ad amare se stessi. Questa è la prima tappa per imparare ad amare gli altri ed il mondo. Se ami te stessa devi chiederti, a 40 anni, se non è il caso di incominciare ad avere progetti per essere realmente indipendete ed autonoma. ogni essere umano ha una missione da compiere su questa terra ed è quella di realizzare se stessa ed, in questo modo, di sviluppare i propri specifici talenti, di cui sicuramente sei dotata, pur se eventualmente nascosti o repressi. Per cui il consiglio che ti posso dare è di imparare con forza ad amare di più te stessa e, attraverso questa via, di acquistare sempre più fiducia in te e di investire con decisione su di te per realizzare la tua missione di vita. La vera prevenzione e cura dalle malattie inizia con l’amore verso di sè, con l’autostima e la voglia di realizzare i propri sogni. Impara, quindi, a sognare ed a lavorare duramente per realizzare i tuoi sogni e vedrai che la vita ti premierà.
    Con piena fuducia in te ti saluto caramente.
    Claudio

    Rispondi
  • Alba

    Egregio Dottore, sono così convinta dell’importanza dell’amore nella crescita e nello sviluppo della personalità, che mi chiedo, e Le chiedo: che speranza ha una persona che è come un vaso vuoto, in cui nn è mai stata riversata una goccia d’amore, e che ancora a 40 anni viene vista dai genitori priva di personalità autonoma? E’ destinata ad ammalarsi e a morire? Grazie in anticipo se vorrà rispondermi.

    Rispondi
  • Claudio

    Grazie Raffaele, per la tua testimonianza.
    tanti sinceri saluti ed auguri anche a te.
    Claudio

    Rispondi
  • Raffaele

    Complimenti Dottor Pagliara,

    il Suo è un articolo chiarissimo, peraltro scritto da chi opera in prima linea nella lotta per alleviare le sofferenze umane e, quindi, confermato dall’ esperienza personale.

    Anche io ho sperimentato personalmente come l’ amore sia la più prodigiosa delle medicine e permetta davvero di ottenere risultati insperati.

    Con il Suo consenso, aggiungerei, che oltre a questa arma potentissima che è l’amore, ce n’ è un’ altra ancora più potente che rafforza la prima ed insieme, generano grandissimi effetti: la preghiera.

    Grazie Dottore, c’è davvero bisogno di persone come Lei, nella società di oggi.

    Cari saluti e molti auguri

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento