l'inconscio, conoscerlo per vincere: la via della guarigioneCerchiamo di fare chiarezza su

che cos’è l’inconscio?

come funziona?

qual’è la sua sede?

 Credo che ce ne sia  bisogno se si vuole veramente  utilizzare al meglio le grandi potenzialità di questa parte importante di ciascuno di noi.

E’ come avere una Ferrari e non sapere come funziona, rimarrà  sempre li, con delle potenzialità inespresse.

Oltretutto ho notato che tantissimi hanno le idee errate o, comunque, confuse,  in merito alla sede ed al funzionamento dell’inconscio.

Prima di tutto va superato il concetto Freudiano di inconscio.

Per Freud  si doveva intendere per inconscio il complesso dei contenuti e dei processi che non affiorano alla coscienza (su questo si può essere d’accordo) e che non sono quindi controllabili razionalmente ( questa  parte va rivista alla luce delle nuove conoscenze scientifiche).

Non solo perchè l’inconscio ha una sua perfetta logica e razionalità, ma anche perchè è più corretto dire non controllabili volontariamente; In verità  anche questo non è perfettamente vero perchè c’è un dialogo continuo tra la nostra parte conscia ed inconscia, con reciproca influenza e che , con varie tecniche, si può controllare volontariamente.  Ma non voglio addentrarmi troppo nel tecnico in questa fase.

Andiamo sulle cose ora più pratiche.

L’inconscio è una funzione del nostro cervello.

Molte volte per capire come funziona il nostro cervello bisogna vedere cosa succede in determinate malattie.

Esistono dei pazienti affetti da cecità corticale (è una forma di cecità dovuta a lesioni da trauma cranico, da tumori  o da ictus che danneggiano la corteccia occipitale, esattamente nel luogo deputato alla percezione visiva consapevole) che sono affetti da   “blind-sight” o “visione cieca”.

Questi pazienti sono ciechi, sanno di esserlo e si comportano di conseguenza, in quanto, per il danno cerebrale a livello della corteccia visiva, non sono consapevoli della percezione visiva.

 Sottoposti a determinati stimoli od a tutta una serie di esperimenti si comportano come dei sensitivi, nel senso che dimostrano di avere la capacità di vedere ciò che non vedono.

Questi pazienti dimostrano di avere una elaborazione, anche se inconscia, delle informazioni visive a cui vengono sottoposti e questo si evidenzia nei loro comportamenti, pur non essendone loro consapevoli.

Per esempio, chiedendo  di afferrare degli oggetti, i pazienti riescono ad orientare e ad adattare la presa delle loro mani alla posizione, alla forma ed alla dimensione dell’oggetto presentato.

Con tutta una serie di altri esperimenti si è verificato che questi pazienti non vedono con la parte consapevole del loro cervello ma vedono con la parte cosidetta inconscia.

L'inconscio, conoscerlo per vincere: la via della guarigioneQuesto succede perchè le informazioni visive al sistema nervoso centrale, non sono dirette solo alla corteccia, ma anche a tutta una serie di strutture sottocorticali, che elaborano queste informazioni in modo inconscio, al fine di tenere conto anche   di queste informazioni  quando si devono fare delle scelte o si  devono dare delle risposte.

Quanto riferito ci fa capire che si realizza costantemente una elaborazione inconsapevole delle informazioni che arrivano al nostro sistema nervoso e che una parte importante del nostro comportamento è frutto di una elaborazione ed integrazione a diversi livelli sottocorticali.

La coscienza regna ma non governa ……. pensate a chi comanda veramente  in Inghilterra.

Ponete attenzione, in questo momento, a tutte le informazioni che arrivano al vostro sistema nervoso centrale attraverso i vostri vari organi di senso (rumori, suoni, odori, immagini fuori dal vostro campo di lettura, posizione delle vostre gambe etc.) e di cui non siete consapevoli o, almeno, non eravate consapevoli fino a quando la vostra attenzione era rivolta a quello che stavate leggendo.

  Delle informazioni di cui sopra non eravate consapevoli perchè si fermavano nelle strutture cerebrali sottocorticali.

Si crea, quindi, in ogni momento della nostra vita,  anche un’elaborazione delle informazioni che si svolge a livello sottocorticale, conseguenzialmente  inconsapevole e che realizza ricordi inconsapevoli.

il nostro inconscio non dimentica nulla delle esperienze che facciamo, siamo noi che crediamo di dimenticare, e questo  solo perchè non ce ne  ricordiamo più consapevolmente.L'inconscio, conoscerlo per vincere: la via della guarigione

L’informazione proveniente dai recettori per essere cosciente deve arrivare a livello della corteccia cerebrale, ma non sempre arriva qui e, comunque, non arriva solo qui.

Esiste, quindi, una sensibilità inconsciente che informa le parti inferiori del nostro cervello. Questa sensibilità inconsciente viene anche memorizzata in modo inconsapevole ed è anche per questo che il nostro cervello apprende molto di più di quello che crediamo di apprendere in ogni esperienza e sa sempre molto di più di quello che crediamo di sapere.

Si può essere inconsapevoli di una parte del mondo e senza saperlo e senza volerlo, si può apprendere qualcosa da esso e su di esso.

In continuazione ci sono cose che percepiamo e di cui non siamo consapevoli e che, comunque, producono effetti in noi ed intorno a noi, al di fuori del nostro controllo e della nostra volontà.

Il nostro sistema nervoso centrale viene ad accumulare conoscenze che sono ignorate dalla parte consapevole.

Per questo il nostro cervello sa anche quello che ignoriamo.

Si crea in questo modo una conoscenza inconsapevole che condiziona e determina le nostre scelte e la nostra vita al di fuori del nostro controllo.

Quanto riferito aiuta senz’altro a fare un pò di più luce sull’inconscio e ci apre la strada per  capire che  :

  • La coscienza è una grande macchina per cancellare e selezionare
  • L’inconscio è una grande macchina per non dimenticare.
  • l’invisibile è sempre più importante del visibile.
  • la verità  libera, è rivoluzionaria e crea coerenza
  • la coerenza  crea potere
  • quando la natura (l’inconscio) e la cultura (la consapevolezza) si incontrano anche le montagne si spostano.

Buona riflessione e buona consapevolezza

33 Commenti

Lascia un commento
  • Francesco Di Cursi

    E’ dura quando, durante il percorso di ricerca del vero Sè, incappi nella quasi inevitabile notte buia dell’anima. L’unico modo per uscirne è proprio questo: portare coscienza su tutto ciò che ha bisogno di essere conosciuto.. su tutti quegli aspetti latenti ma imperanti che, in fondo, temiamo..

    Grazie mille per l’articolo, è ispirante.

    Rispondi
  • PASQUALE

    Non sono una persona colta, ma nel mio percorso di vita ho imparato ad adattarmi, imparando da autodidatta secondo le necessità del contesto. Ho 74 anni, e sono ancora in cerca del sapere. Non appena ho un ritaglio di tempo leggo. Un giorno mi capita fra le meni un libro:coscienza- inconscio e individuazione di C.G. JUNG, Per uno come me, poco istruito, ho fatto molta fatica per capire qualcosa. Poi: facendo un rewynt della mia vita, penso di aver scoperto cos’era quella cosa che dentro di me mi guidava verso quello che poi ho realizzato come individuo: oltre ogni mia aspettativa. Anche se, con molta fatica. Alla mia età di fatti non ho ancora nessuna malattia geriatrica. Quindi il mio inconscio saggio ( la vocina dietro le quinte) mi ha portato per mano fin qui in perfetta salute, o se volete: destino. PASQUALE SASSANO

    Rispondi
  • luciano

    Si può affermare che l’inconscio altro non è che la sfera del desiderio infinito di felicità, ovvero che l’inconscio è la grande domanda (con luci e ombre) di esserci che cerca la grande risposta per esserci pienamente?

    Rispondi
  • nicoletta

    wow! sono impressionata da ciò! sapevo già queste cose ma oltre non sono mai riuscita ad andare… o meglio non sono mai riuscita metterle in pratica… sono una sedicenne.. e questa cosa dell’inconscio mi turba parecchio perchè non sono mai riuscita a darmi una risposta a tutte le mi domande.. dato che anche io sono convinta che ad ogni cosa c’è un perchè… allora mi sono incuriosita e avevo letti “il segreto della vita” scoprendo così la legge di attrazione.

    Rispondi
  • Claudio

    Ciao Lorena,
    grazie a te per il feedback. Condividere i nostri saperi è la via maestra per crescere ed essere felici. Nessuno è tanto ricco, da non avere nulla da imparare, e nessuno è tanto povero, da non avere nulla da insegnare. Grazie di nuovo. Ti consiglio di vedere i video di una mia conferenza sulla medicina olistica che è di estremo interesse ed è completamente gratuita. Basta andare su http://www.youtube.com e cercare dott. Claudio Pagliara. Buona visione
    Claudio

    Rispondi
  • lorena

    grazie, finalmente qualcuno mi ha spiegato come funziona, in modo semplice l’inconscio, da anni sono in terapia e ho già subito due interventi all’addome.
    Mi sto riprendendo e molto su di me agisce, come mi spiegano i terapeuti la parte inconscia del mio pensiero che soprattutto agisce con il sogno.
    In fondo è una bella esperienza che non è toccata a tutti.
    Mi piacerebbe condividerla e trarne giovamento per altri,sono biologa nutrizionista e ho insegnato per 24 anni nelle scuole medie superiori della mia città, ho due meravigliosi figli di cui uno studia a Bologna Economia in inglese e l’altra diventa farmacista, mio marito è chirurgo oculista nell’ospedale della mia città, Terni.
    Un cordiale saluto Lorena

    Rispondi
  • Claudio

    Ciao Roberta,
    sono veramente felice che sei orientata verso la Facoltà di Medicina e chirurgia, per poi specializzarti in neurochirurgia.Coltiva con decisione questo tuo sogno,vedrai che non ti pentirai. Per me fare il medico è la cosa più bella che possa esistere. Per quanto riguarda un libro da leggere sull’inconscio e sul potere della mente, ne conosco uno che è stupendo perchè è stato scritto con vera passione e con un linguaggio semplice e chiaro. Il titolo è “La via della guarigione” con sottotitolo “curare la mente per curare il corpo, curare l’ambiente per curare l’uomo, curare lo spirito per curare il mondo”. L’autore sono io. Sicuramente sono di parte, ma quando lo leggerai, sicuramente mi ringrazierai.
    Un forte abbraccio e fammi sapere
    Claudio

    Rispondi
  • roberta

    carissimo dott. Pagliara,
    sono una studentessa del liceo classico,frequento l’ultimo anno. Per caso mi sono imbattuta in questo testo e,rimanendone affascinata,vorrei sapere se potesse indirizzarmi verso qualche libro da leggere sull’inconscio. Le faccio questa richiesta non solo perché a settembre proverò ad entrare in medicina con il proposito di fare neurochirurgia,ma anche perché nella mia tesina di maturità,volevo trattare questo argomento in modo approfondito. Le sarei molto grata se potesse aiutarmi.

    Rispondi
  • Claudio

    Ciao Adriano,
    devo confessarti che io credo che ciascun essere umano sia un genio, solo che non tutti lo sanno. C’è un genio addormentato in ciascuno di noi. Ti consiglio di leggere il mio articolo “Nasciamo principi e diventiamo rospi”. O, ancora meglio, di leggere il mio libro “La via della guarigione”. Diventiamo ciò che ci fanno credere di essere. Per quanto riguarda i tuoi sintomi, devo dirti che quanto mi riferisci non è sufficiente per fare una diagnosi circostanziata. Certamente la tua situazione di disoccupazione influisce notevolmente sui sintomi che mi riferisci. Ti auguro di risolvere tutti i tuoi problemi. Ritienimi, comunque, a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti o necessità.
    Buona strada
    Claudio

    Rispondi
  • Adriano

    Ciao Claudio

    Mi fa piacere di scrivere a un genio,mi puoi dire perchè sono spesso distratto non ricordo dove metto le chiavi poi mi arrabbio e mi viene il panico.Spesso perdo un sacco di tempo per delle distrazioni.Credo che sto per diventare schizzofrenico o lo sono già da tempo.Ho 43 anni sono disoccupato ho 3 figli.Avevo un contratto indeterminato mi sono licenziato. Mo sto male

    Rispondi
  • Ivan

    Grazie Claudio per il suo iluminante discorso, volevo porle una domanda:
    ha mai sentito parlare del Transurfing di Vadim Zeland?
    Se si che cosa ne pensa?

    Rispondi
  • Claudio

    Caro Piergiorgio, grazie per aver letto e commentato il mio post.
    L’inconscio sicuramente svolge un ruolo importante nell’insorgenza e nell’evoluzione di una malattia oncologica, come di altre malattie.L’essere umano non è fatto solo di materia.
    Il discorso è molto interessante ma anche molto lungo. Per capire ed approfondire ti consiglio intanto di leggere i miei altri post.
    Comunque, dopo averli letti, ritienimi a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti. Scusami per il ritardo con cui ti rispondo.
    Ti auguro una splendida giornata.
    Claudio

    Rispondi
  • piergiorgio

    Ho letto solo questo post nel momento in cui scrivo…mi sono sempre domandato come funziona la mente inconscia, e leggendo libri di psicoanalisi sono sempre rimasto stupefatto di questa contraddizione: tutte le terapie curavano ugualmente, pur partendo da premesse teoriche diverse! E’ evidente allora che c’è qualcosa di universale per accedere all’inconscio, perché effettivamente al lato pratico si ha un miglioramento se si va in psicoterapia psicoanalitica…

    Ora mi chiedo se è vero che c’è una relazione tra vita inconscia e malattie oncologiche e come è possibile conoscere il modo piu sano per evitarle?

    Rispondi
  • Claudio

    Carissimo Ugo,
    grazie di cuore per aver letto e commentato il mio post. Mi fa veramente piacere sapere che ti stai “appassionando” ai miei articoli. Si, è come dici tu: “fra la consapevolezza e l’applicare tali conoscenze ci corre”. Per ridurre il vuoto che esiste fra la conoscenza e l’applicazione della conoscenza ci vuole l’azione, e quindi l’impegno ad agire. Permettimi di consigliarti di dire, non, come hai detto, “cercherò di impegnarmi”, ma “mi impegnerò” con tutte le mie forze per ……….. Questo è l’unico modo per dare concretezza e vitalità alla nostra vita.
    Per quanto riguarda la tua domanda sul come reperire il mio libro, ti posso consigliare di farlo ordinare dalla libreria del tuo paese, oppure di ordinarlo on-line, per esempio tramite la http://www.libreriauniversitaria.it, oppure direttamente dall’editore. Se dovessi averne bisogno ti posso anche fornire il suo n. di tel.
    Spero di esserti stato utile. Ritienimi a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
    Ti auguro una felice domenica
    Claudio
    Ti

    Rispondi
  • Claudio

    Carissimo Paolo, scusami veramente se non sono riuscito a risponderti prima. Purtroppo, per notevoli e pressanti impegni, legati al mio lavoro, spesso sono costretto a non avere tempo da dedicare a questo splendido sito di piuchepuoi. Mi fa veramente piacere sapere che leggi con estremo interesse i miei articoli. Quando vieni in Puglia non ti dimenticare di farti sentire. Per quanto riguarda i tuoi nipoti, puoi tranquillamente dire di contattarmi direttamente. Essendo essi di San Vito sapranno sicuramente come fare.
    Ti auguro una splendida giornata.
    Claudio

    Rispondi
  • dott. claudio pagliara

    Carissima Maria Grazia, grazie di cuore per quello che dici. Sapere che i miei articoli “illuminano sul piano personale e professionale” fa sicuramente piacere, ma la soddisfazione aumenta all’ennesima potenza, quando vengo a sapere che questa piacevole considerazione viene da una psicologa e danzoterapeura. Sono pienamente d’accordo con te che è importantissimo riuscire a sposare la scienza con la spiritualità. La salvezza dell’umanità e la soluzione a tanti problemi, sanitari e non, dipenderà proprio dalla capacità di unire in matrimonio la scienza e la spiritualità, o , detto altrimenti, quando si riuscirà a costruire la scienza dello spirito, di cui parlo ampiamente nel mio libro.
    Gtazie di nuovo e scusami per il ritardo con cui ti rispondo.
    Con affetto ti auguro un’ottima serata
    Claudio

    Rispondi
  • Ugo

    Eccomi di nuovo ho commentato su un altro post e mi hai consigliato di leggere questo sull’inconscio…beh ti ringrazio è molto utile e mi sto appassionando a questi articoli,certo che fra la consapevolezza e l’applicare tali conoscenze ci corre…però è sempre molto utile sapere ciò…..cercherò di impegnarmi,ma sinceramente ho scritto per una domanda semplice,vorrei leggere il suo libro però non so se si può trovare da queste parti,io abito in un paese:Rosignano Solvay provincia di Livorno,sa dirmi se nelle vicinanze posso trovarlo?

    Rispondi
  • Paolo

    continuo a leggere sempre con estremo interesse i Tuoi articoli. Questo sull’inconscio o,come dicono gli orientali, sulla mente superconscia, dal potere quasi infinito, ha calamitato veramente la mia attenzione, confermandomi nelle idee che avevo sedimentato leggendo parecchia altra roba sullo stesso argomento; dal momento che a suo tempo, presso l’Università Cattolica di Milano, avevo sostenuto la tesi in Psicologia del Lavoro con un Medico, il Prof. Enzo Spaltro, su “Analisi dei criteri ottimali di formazione al lavoro di gruppo”. Grazie di cuore per tutto. Approfitto per chiederTi se hai ancora qualche spazio per poter accettare, quale Medico della ASL, altri pazienti in San Vito dei Normanni, dal momento che i miei nipoti mi riferiscono che il Tuo nome non appare più fra i Medici convenzionati, in quanto avresti già raggiunto il numero massimo. E’ vero? Perchè se avessi qualche angolino libero, loro vorrebbero approfittarne.

    Rispondi
  • maria grazia

    Carissimo dott. Pagliara,
    ho letto con molto interesse il suo articolo, che mi ha illuminata su questioni personali e professionali essendo una psicolga e danzaterapeuta. Il lavoro con il corpo è indispensabile per “guarire l’inconscio” ma è fondamentale avvallare l’esperienza sensoriale,emozionale ed interiore anche con spiegazioni di carattere razionale compatibili con i nostri modelli di pensiero in modo da “accompagnare” i pazienti nel loro percorso di guarigione su tutti i piani : da quello esperienziale a quello mentale fino quello spirituale. I suoi articoli mi saranno molto utili nelle mie lezioni di danzaterapia! Ho appena iniziato la mia professione (essendo una giovane psicologa) e le volevo segnalare il libro TRASMUDA ed. Xenia,scritto dalla mia insegnante Renata Righetti che integra attraverso una nuova metodologia di danzaterapia le diverse dimensioni dell’essere.E’ veramente meraviglioso assistere al matrimonio fra scienza e spiritualità e persone come lei ne sono la testimonianza… Grazie per il suo lavoro! Cari Saluti Maria Grazia

    Rispondi
  • Claudio

    Carissimo Paolo, grazie di cuore per le tue dolci parole e per l’interesse che nutri nella lettura dei miei articoli. Puoi sicuramente darmi del tu e chiamarmi Claudio. Torre dell’Orso ed Otranto sono meravigliosi, con spiage incantevoli. Visto che hai due nipoti imprenditori a San Vito dei Normanni, non sarà difficile conoscerci anche di persona. Anzi, quando vieni in Puglia, fatti sentire, prenderò volentieri un caffè con te. Per quanto riguarda la mia e-mail puoi andare sul mio sito http://www.claudiopagliara.com ed inviarmi le comunicazioni che riterrai più opportune. Ti risponderò volentieri.
    Nulla succede per caso. Mi ha fatto veramente piacere ricevere il tuo commento e, soprattutto, conoscerti, anche se, per ora, solo virtualmente.
    Ti consiglio di leggere il mio ultimo post su “la medicina olistca,la medicina dei miracoli: la via della guarigione”.
    Un grande abbraccio di luce
    Claudio

    Rispondi
  • Claudio

    Grazie Andrea, grazie per i complimenti, per aver letto il mio post e per averlo commentato.
    Ti auguro buona strada
    Claudio

    Rispondi
  • Paolo

    Ho letto con intenso piacere e interesse tutti i Suoi articoli da “L’Arte Reale, formula magica” a “l’Inconscio” e sono rimasto quasi “folgorato” dalla estrema sintesi delle enormi Verità,tra cui l’importanza della Meditazione, scolpite e tratteggiate magistralmente in poche pagine. Nel congratularmi vivamente con Lei, Le sarei assai grato se vorrà onorarmi con la fornitura del Suo indirizzo elettronico. Considerato che, avendo una casetta al mare in un residence in quel di Otranto,vicino a Torre dell’Orso,dove ci rechiamo con la famiglia ogni anno,nonchè due nipoti imprenditori a San Vito dei Normanni, forse qualche volta potremmo avere anche l’opportunità di incontrarci. Sono un ex funzionario di banca in pensione, con interessi che spaziano dalla “Economia e Commercio” frequentate alla Cattolica e alla Bocconi di Milano, alla Borsa, all’Analisi Finanziaria, a Scientology di Ron Hubart, al Reiki, allo Shiatsu, ai Viaggi Astrali, per cui, attesa una certa universalità di vedute sugli argomenti trattati, si potrebbe discuterne con reciproca soddisfazione ed arricchimento.
    Consapevole della carenza di tempo a Sua disposizione, La ringrazio in anticipo per l’attenzione che vorrà dedicarmi.

    Rispondi
  • andrea

    Grazie,è stato piacevole leggere questo articolo…molto interessante.Complimenti.:)

    Rispondi
  • Claudio

    Caro Giovanni,
    mi fa veramente piacere sapere che i miei articoli ti appassionano.
    Se hai bisogno di contattarmi personalmente, puoi farlo quando vuoi.
    Buona lettura

    Rispondi
  • Giovanni S

    Gent.mo Dott. Pagliara,
    mi sto appassionando ai suoi articoli e, appena possibile, cercherò il suo libro.
    La Sua particolare competenza, di esperto PNL e di oncologo, mi sarebbe preziosa e forse cercherò di contattarLa personalmente.
    Intanto continuo nella ordinata lettura dei suoi articoli.
    Grazie
    Giovanni S

    Rispondi
  • Claudio

    Carissimo Giovanni sono felice che hai deciso di leggere il mio libro e sarò ancora più felice quando mi riferirai le tue valutazioni.
    Quello che posso dire è di non credere a nulla di ciò che dico ma di mettere alla prova ogni conoscenza di cui parlo, di applicarle alla tua vita e di giudicare esclusivamente sulla base dei risultati, se la tua vita migliora ed è di aiuto a tutti, solo allora accettale e vivi in conformità con esse.
    buona strada

    Rispondi
  • Giovanni

    Ho visto il video della presentazione del libro, lei è un uomo molto compassionevole. Leggerò il libro, caro dottore. Spero di trovarlo presto in qualche libreria.
    Saprò renderle le mie impressioni dopo la lettura.. grazie.

    Rispondi
  • Claudio

    Certamente carissimo Giovanni, esistono diverse
    tecniche che si possono utilizzare per “modellare”
    il proprio inconscio ai fini della realizzazione della sinergia fra la nostra parte conscia ed inconscia, premessa fondamentale per realizzare qualsiasi miracolo.
    Per quanto riguarda la tua richiesta in merito a qualche lettura, non posso che consigliarti il mio libro “la via della guarigione” che ritengo sia particolarmente illuminante in merito a ciò che cerchi.
    Ti auguro di trovare ciò che cerchi.

    Rispondi
  • Claudio

    Carissima Gigliola,
    nel ringraziarti ti auguro un cammino ricco di luce.

    Rispondi
  • Giovanni

    Carissimo dr. Claudio,
    vorrei sapere se esistono metodiche e tecniche che permettono di controllare o “modellare” la parte inconscia. Mi può indirizzare verso qualche lettura o direzione?
    Grazie mille, buon lavoro.

    Rispondi
  • Gigliola

    E’ un argomento veramente molto interessante.

    Rispondi
  • Claudio

    Carissima Chiara, mi fa piacere sapere che hai rafforzato la tua conoscenza in merito al potere straordinario della nostra memoria inconsapevole, e grazie per le tue parole.
    Ti auguro una felice settimana
    Claudio

    Rispondi
  • Chiara

    Fantastico, condivido in pieno…ecco perchè non guardo la TV…intuitivamente conoscevo il potere della memoria inconsapevole. I mass media cercano di infondere e diffondere paura, che viene registrata e non ci rende liberi. Quindi controllabili!
    Grazie per il tuo instancabile lavoro!
    Buona vita
    Chiara

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento