Cos'è la leadership?Energia, carisma, capacità di prevedere i pensieri e le azioni dei propri collaboratori, motivazione, affidabilità, doti comunicative. Volendo riassumere in poche parole chiave il significato di “leadership” sarebbero probabilmente questi i concetti che emergerebbero, le caratteristiche che segnano la differenza tra un membro qualsiasi del gruppo e il suo leader.

Nonostante ciò è difficile stabilire quali siano le qualità assolute della leadership: ogni contesto – e ogni gruppo – è diverso dall’altro e necessita quindi di approcci differenti. Ma qui sta il vero talento del leader per antonomasia: sapersi adattare e diversi ambienti, dimostrandosi malleabile e pronto a modificare il proprio comportamento quando non efficace.

Scopri la leadership nelle dinamiche di gruppo.

Leadership per motivarsi e motivare

È vero, ogni gruppo, ogni circostanza, addirittura ogni persona può differenziarsi enormemente dalle altre, portando un leader a dover “seguire il flusso” e smussare il suo approccio. Ma è vero anche che esistono alcuni tratti peculiari comuni a tutti i leader di tutti i gruppi, siano essi lavorativi, amicali o sportivi.

In cima alla lista, la capacità di motivare le altre persone. Da dove nasce? Prima di tutto da una forte motivazione personale, dalla convinzione di poter raggiungere l’obiettivo e di poterlo raggiungere con successo e, quindi, da una visione ottimistica della vita.

La leadership nel gruppoIn secondo luogo dalla sicurezza in sé stessi e nei propri mezzi: nessun leader potrà mai essere definito tale se ha una scarsa autostima! È proprio la certezza di possedere i mezzi adeguati per poter affrontare la strada verso il traguardo che porta il leader a guardare con ottimismo al futuro.

Infine, oltre queste caratteristiche che potremmo definire “interne”, personali, il leader deve anche essere un abile comunicatore carismatico. Trasmettere il proprio entusiasmo e le proprie convinzioni al resto del gruppo è fondamentale per motivare gli altri membri e convincerli a seguire le proprie idee e indicazioni.

Organizzarsi per un obiettivo comune

Ogni gruppo, e quindi ogni leader, ha un obiettivo da raggiungere. L’unico modo per arrivare vittoriosi al traguardo è riuscire a lavorare in modo sereno e produttivo, evitando tensioni interne. Mantenere questo clima è, in buona parte, responsabilità del leader.

Scegliere come eseguire un compito, a chi affidare una mansione piuttosto che un’altra, come distribuire i ruoli, come affrontare un problema, se delegare oppure mantenere una leadership più accentrante… ogni giorno il leader viene messo davanti a questioni simili di cui deve sciogliere i nodi facendo attenzione a non compiere passi falsi.

Come? Utilizzando intuito, pazienza, ma soprattutto ascoltando e valorizzando le opinioni altrui: ascoltare è un ottimo modo per costruire un rapporto sano, di fiducia, che oltre a cementare le relazioni interne al gruppo, può essere fonte inaspettata di idee brillanti.

Però non sempre le cose vanno come dovrebbero, non sempre un gruppo funziona, per quanto il suo leader si sia impegnato al massimo. A volte essere abili comunicatori, entusiasti, carichi di energia, empatici e sicuri di sé non basta, ci sono centinaia di variabili che concorrono al successo (o al fallimento) di un progetto. Saper affrontare un fallimento con il giusto spirito e trovare la carica per ripartire è un’altra, fondamentale, caratteristica della leadership.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento