Leadership e public speakingLa vera leadership è la capacità di muovere le persone verso i cambiamento. Questa capacità nasce da un connubio di diverse caratteristiche, tra cui intelligenza, empatia, carisma, doti di comunicazione e di motivazione, che confluiscono in un unico punto quando il leader parla in pubblico, al suo pubblico.

Sia che si tratti di leadership politica, religiosa o economica, il momento del discorso al pubblico rimane lo strumento principe con cui il leader persuade i suoi seguaci e li porta a condividere il suo punto di vista.

Per farlo deve prima di tutto conquistare la fiducia dell’auditorio, trovando un punto in comune su cui tutti possano essere d’accordo, per esempio sottolineando che lui stesso è passato per esperienze comuni e condivise da tutti; la leadership può essere utile in diversi ambiti, non escluso quello aziendale, ecco il nesso tra leadership e successo negli affari.

I discorsi della leadership

È importante per un leader conoscere sé stesso ed essere in grado di identificare con chiarezza i valori fondanti del suo pensiero. Solo così riuscirà a trasmettere al suo pubblico dei messaggi chiari e senza ambiguità. Scandagliare il proprio punto di vista con occhio critico aiuta a guadagnare sicurezza e a sollevare i dubbi che qualche ascoltatore potrebbe maturare, così da avere già la risposta pronta ed eliminare una fonte di ansia.

Inoltre, avere le idee chiare e delle ragioni solide alla base della propria motivazione, permette di trasmettere dei segnali molto più forti ed efficaci ad un pubblico che, stanco dei sensazionalismo vuoti della televisione, brama verità e onestà.

Detto ciò, la chiave per un discorso efficace è la struttura. È necessario che il pubblico abbia sempre ben chiaro dove è stato, dove si trova in un determinato momento e dove probabilmente andrà a finire, che capisca perfettamente il senso di ciò che sta ascoltando, e che trovi risposte a tutte le domande non espresse che possono nascere. In caso contrario l’attenzione rimarrà incagliata in qualche scoglio troppo aguzzo del discorso, perdendosi il resto.

In apertura, è necessario preparare i presenti ad ascoltare con un atteggiamento aperto, e impostare il tono a seconda dell’argomento di cui si andrà a parlare. In chiusura invece, il momenti più importante di tutto il discorso, bisogna aumentare al massimo il livello di empatia, attraverso parole e gestualità che avvicinino emittente e destinatari.

L’importanza della “presenza scenica”

 

Leadership e discorsi in pubblicoFondamentale per la buona riuscita di un discorso, è la “presenza scenica”, ovvero il modo in cui chi parla si muove sul palco e gestisce lo spazio a disposizione. Il rischio infatti è quello di mandare dei messaggi in contraddizione con le parole che si pronunciano: se si vuole apparire sicuri e senza esitazioni, camminare nervosamente o tenere le mani n tasca non è certo un aiuto.

La leadership deve esprimersi anche attraverso la comunicazione non verbale. Quindi mento alto, spalle dritte e movimenti lenti e fluidi, per trasmettere sicurezza e capacità di gestione dello stress, non solo con le parole ma anche con i fatti!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento