0 oggetti | €0

Leadership in Azienda: come farti seguire dai tuoi collaboratori

Avatar di Più Che Puoi
Scritto da Più Che Puoi in Leadership, con 2 commenti.

Come sviluppare una buona leadership in aziendaGestire un team non è sempre un’impresa facile, specialmente se si tratta di un gruppo di lavoro in azienda. Senza una buona leadership che sappia prendere in mano la situazione e organizzare le risorse in modo efficace, il rischio è creare un ambiente fuori controllo, carico di tensione, in cui ogni testa agisce per conto suo perdendo di vista l’obiettivo comune.

È essenziale perciò che la figura detentrice della leadership aziendale, o comunque nel gruppo di riferimento, sappia come interagire in modo efficace con le persone intorno a lui, attuando una strategia comunicativa in grado di modificarsi secondo le esigenze e sapendo quali punti toccare per motivare e incitare il suo gruppo.

È infatti dal leader che dipende in grossa misura l’esito più o meno positivo di un progetto: al di là delle singole competenze, che devono sempre essere all’altezza della situazione, senza una guida che indichi la strada e il modo migliore per percorrerla, anche il migliore dei team può perdere il focus dell’obiettivo e naufragare verso il fallimento.

Ma come si deve comportare un buon leader?

Leadership in azienda: gli atteggiamenti positivi

Ogni leadership ha le sue radici nella costruzione dei rapporti interpersonali. Un ottimo leader è prima di tutto un ottimo ascoltatore, ricettivo, sensibile ed empatico. Deve essere in grado di cogliere le sfumature di malcontento o tensione, deve riuscire a prevedere le risposte di ogni sua azione e deve capire come meglio approcciarsi ai suoi collaboratori.

Non tutte le persone si relazionano allo stesso modo, ed è per questo necessario che la strategia comunicativa del leader sia malleabile e camaleontica, di modo da essere vincente con tutti i collaboratori, che siano estroversi o riservati, loquaci o silenziosi, solitari o amanti del gruppo. Solo mettendo a proprio agio ognuno di loro si riuscirà a creare il giusto clima di serenità che consenta a tutti di lavorare nel modo migliore.

Strategie di leadership in aziendaIn secondo luogo il leader deve saper trasmettere il suo entusiasmo e la sua fiducia per il progetto che si sta portando avanti. Solo un sincero e pieno trasporto per ciò che si fa è in grado di fornire l’energia e l’esempio da seguire al proprio team.

Il leader deve saper motivare il proprio gruppo mostrando da una parte i vantaggi e i lati positivi del proprio lavoro, e dall’altra gli strumenti e i modi con cui concretamente si potrà raggiungere il traguardo. Solo convincendo tutti che ogni singolo componente è fondamentale per raggiungere l’obiettivo si riuscirà ad ottenere il successo.

Per fare ciò il leader deve quindi saper valorizzare i propri collaboratori, sia occupandoli nella mansione più adeguata alle loro caratteristiche, sia incoraggiandoli e dando loro le giuste gratificazioni, quando meritate.

Leadership e responsabilità

Infine, è importante per ogni leader che si rispetti essere in grado di assumersi le responsabilità di ogni azione, porti essa a risvolti positivi o negativi. Dimostrando di saper affrontare anche la situazione peggiore, la stima e il rispetto del gruppo aumenteranno e il leader diventerà il vero punto di riferimento per tutto il team, nonché il modello a cui ogni componente vorrà assomigliare.

Sono quindi queste le tre parole chiave per una leadership davvero efficace: ascolto, motivazione e responsabilità. Muoversi in modo disinvolto e positivo attraverso questi tre concetti è la vera strada per il successo personale e di gruppo.




2 commenti /

Lascia un commento →
  • Gold Price

    Il successo dipende dal modo in cui mantieni la comunicazione con tutti gli interlocutori e dal modo in cui comunichi i tuoi obiettivi. Ad esempio di recente ho seguito un progetto per il ridisegno di un processo produttivo che coinvolge circa 100 persone. Il clima era un pò teso, e la prima cosa che ho fatto (e che mi ha salvato…) è stata dire subito ed in modo chiaro che il mio obiettivo era di far venire a galla le inefficienze del sistema, non di fornire argomenti a chi vuole tagliare il personale. Quando si dice comunicare all’interno di un team non si tratta tanto della notifica di ogni stato di avanzamento… avete presente quelle email asettiche e anche un pò paracule che illustrano lo stato ad oggi ed i prossimi passi. No, non è questo che intendo. Bisogna coinvolgere e mantenere il contatto con tutti, sia chi collabora che chi si dimostra ostile o poco collaborativo. Anzi, l’errore più grande è proprio perdere il contatto con chi rema contro.

  • Cecile Howe

    All’interno di un qualsiasi gruppo sociale, alcuni membri esercitano un’influenza maggiore sugli altri, assumendo la funzione di comando o di controllo. Questa funzione è detta LEADERSHIP. Il leader ha potere sul gruppo, lo guida e lo influenza. È una persona su cui il gruppo può contare, si propone di fare il bene del gruppo, di affrontare situazioni di difficoltà e conflitto risolvendole positivamente. Se nel gruppo ci sono problemi o indecisioni, il leader interviene, guida, consiglia, aiuta e orienta perché ogni questione possa essere risolta. Il leader e il gruppo, sono una cosa sola, infatti non può esserci un gruppo senza leader e non può esserci un leader senza gruppo. In un gruppo, il potere è sempre distribuito in modo regolare. Il leader deve trasmettere al gruppo serenità, tranquillità, equilibrio, gratificazione. Il gruppo si aspetta dal leader che sappia scegliere anche per loro, egli deve essere estroverso e socievole, di aspetto gradevole, deve saper convincere, deve essere coerente e risoluto. Nel gruppo la comunicazione avviene attraverso un codice comune dove i membri del gruppo hanno ideali, valori, modi di dire, di vestire, di pensare in comune. Ogni individuo, realizza la propria identità comunicando con altre persone e formando gruppi. Ogni gruppo ha degli scopi che i membri devono cercare di soddisfare e ogni volta che ciò accade, una persona sa cosa l’accomuna agli altri membri e cosa la fa sentire differente dagli altri gruppi.

Lascia il tuo commento