Marketing strategicoIl marketing strategico si occupa di analizzare prodotti e segmenti esistenti sul mercato, al fine di far compiere all’impresa scelte in grado di creare un vantaggio competitivo duraturo e di massimizzare i profitti. Obiettivo del marketing strategico, una volta, era esclusivamente la massimizzazione del fatturato, cioè ottenere lo scarto maggiore possibile tra i ricavi e i costi sostenuti dall’azienda.

I marginalisti, i teorici della massimizzazione del profitto, sostenevano questi criteri come guida alle decisoni dell’imprenditore, a scapito dell’utilità per il consumatore. Oggi il marketing strategico può contare su diversi contributi e case study che prendono in maggiore considerazione il consumatore e la sua informazione sul mercato, così, attraverso i piani di marketing si cerca di chiarire quali possano essere i punti di forza propri e i punti di debolezza dei concorrenti in grado di generare vantaggi competitivi di lungo periodo.

Un aspetto fondamentale del marketing volto ad incrementare i guadagni dell’azienda, sta nella pianificazione di un piano di marketing vincente, ecco come farlo.

Il marketing strategico guarda a minacce e opportunità

Se volessimo fare un esempio nell’ambito della telefonia, l’ex leader del settore, Nokia, si è fatto cogliere impreparto nell’ambito della cosidetta convergenza digitale, dove diverse innovazioni possono dare contributi tecnologici che modificano prodotti e quote di mercato abbastanza in fretta.

Il concorrente Samsung, puntando a una collaborazione industriale con Google, si è dotata dei sistemi operativi Android che si sono rivelati l’arma vincente nella competizione dei cellulari e tablet di ultima generazione. Non sappiamo se il marketing strtegico di Nokia, in quegli anni, vedesse Android come un punto di forza della concorrenza o semplicemente come una minaccia di un potenziale nuovo entrante, lontana nel tempo e nelle possibilità di industrializzazione, sta di fatto che un buon piano di marketing valuta attentamente anche le minacce e le opportunità che nel mercato possono nascere, per se e per i concorrenti.

Il vantaggio competitivo: due strade possibili

 

Marketing strategico, punti di forzaIl settore della telofonia e della tecnologia, comunque, è molto vivace ed ipercompetitivo, soggetto a cambi di quota di mercato repentini, ma di solito un piano di marketing punta a due tipi più frequenti di vantaggio competitivo. Uno è basato sulla leadership di costo, ed operato dalle imprese che hanno prodotti standardizzati e possono proporre
un prodotto equivalente a un prezzo inferiore, allargando così i volumi di vendita.

Un’altro è basato su strategie di differenziazione: con prodotti fortemente caratterizzati, d’immagine e differenti rispetto alla concorrenza, è possibile proporre un premium price, un prezzo di vendita superiore che il mercato accetta. Ma entrambe le vie si possono intraprendere solo a fronte di un marketing strategico e un piano vincente.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento