Il piano di marketing: 3 consigli

Perché il piano di marketing è così importante?
Per rispondere a questa domanda, è sufficiente che che vi fermiate un momento a riflettere su quello che stiamo per dirvi. Fate attenzione: concorderete sul fatto che difficilmente a qualcuno verrebbe in mente di mettersi a cucinare una torta Sacher senza ricetta, se non l’ha mai fatto prima.

Potrebbe improvvisare e seguire l’istinto certo, ma quante probabilità ci sono che la torta venga buona e fedele all’originale come sarebbe venuta seguendo la ricetta? Il piano di marketing è come la ricetta della torta di prima: è la vostra guida, ciò che vi impedisce di cadere in errore.

Ogni azienda ha bisogno di un piano di marketing, ma come è cambiato il marketing dopo l’avvento di internet.

Il piano di marketing serve a definire le strategie di un’azienda.

Ironicamente, per quanto questo strumento sia fondamentale, molte imprese e molti imprenditori lo sottovalutano.
Ritengono che non sia poi così fondamentale o dicono di essere troppo impegnati per occuparsene. Grosso errore: non averlo, sarà come rinunciare ai successi che un piano di marketing ben fatto può regalarvi.  Vogliamo darvi 3 semplici suggerimenti per realizzarlo. Iniziamo col primo:

1. Qual è il vostro scopo?

Al fine di commercializzare con successo il tuo prodotto o servizio, è necessario riempire una mancanza e risolvere un problema.  Quale? Quello dei vostri clienti naturalmente. Eccovi un esempio: se offrite prodotti per la salute, la mancanza da riempire non sarà altro che la malattia. Se invece vi occupate di pacchetti finanziari, il vostro compito sarà placare l’insicurezza finanziaria del vostro target.

 Ma cosa succede se vendete qualcosa che potrebbe essere considerata inutile o frivola?

Qual è la lacuna da riempire, il problema da risolvere? In questo caso, la vostra abilità imprenditoriale starà nell’analizzare quale sensazione prova il vostro cliente dopo che ha acquistato il vostro bene. Quali sentimenti e quale sensazioni ha appagato tramite il consumo di ciò che voi gli avete dato? Prestate molta attenzione a questi aspetti esperienziali, possono davvero fare la differenza tra un buono e un cattivo piano di marketing. Quanto appena detto è basilare e semplice nell’approccio al marketing, ma troppo spesso viene dimenticato.

Voi non fatelo: volete vincere, non fallire!

2. Focus sul target di mercato

3 consigli per il piano di marketing

Non dovete mai dimenticare per chi vendete e a chi vendete, dal momento che è proprio il target a influenzare l’intero processo. Se il vostro prodotto si rivolge agli adolescenti, tutte le strategie del vostro piano di commercializzazione saranno nettamente diverse da quelle idonee a un target adulto. Se vendete articoli sportivi, non potere pensare di ispirarvi a un imprenditore nel ramo della ristorazione!

Non dimenticate mai che senza il target non esisterebbe
il commercio! Il vostro target di mercato può essere suddiviso in tre categorie: quelli che sanno di avere bisogno di ciò che voi vendete, quelli che ne hanno bisogno ma non  ne sono consapevoli e quelli che non ne hanno bisogno attualmente, ma in futuro ne avranno! Tutti questi soggetti hanno mancanze da riempire e problemi da risolvere,  Sta a voi capire quali sono e soddisfarle correttamente!

3-Prevedi di destinare sufficienti risorse alla promozione della tua azienda

Promuoviti, fatti conoscere, utilizza tutti gli strumenti che esistono per far si che il tuo target sappia di te.
Non solo: sappia che è proprio te che vuole e decida di acquistare quello che tu vendi. Potrai essere il migliore e il più talentuoso ma se nessuno sa di te, difficilmente la tua scalata al successo avverrà, non dimenticarlo! Questi erano i consigli per un piano di marketing efficace. Ti aiuteranno a non finire nella colonna sbagliata delle statistiche: quella che elenca i casi di fallimenti aziendali dell’anno!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento