Realizzare un piano di marketing significa dedicare tempo e risorse per determinare il successo futuro della propria impresa, sia che si tratti di una attività in fase di start up, sia che si riferisca ad un marchio già affermato.

Un buon piano di marketing deve essere capace di produrre effetti nel breve e soprattutto nel lungo periodo: la prima analisi si rivolge a definire gli obiettivi che devono essere quantificabili, fattibili e migliorativi rispetto all’attuale rapporto con la clientela. Piano di marketing come strumento di sviluppo imprenditoriale

Si possono concludere partnership o migliorare gli standard qualitativi della produzione e della formazione dei dipendenti; ricordiamo che a monte di un buon piano di marketing ci deve essere una buona consulenza di marketing, è importante.

Il piano di marketing si fonda sul messaggio che si vuole trasmettere ai clienti e deve trasmettere informazioni chiare e veritiere sul proprio prodotto o servizio.

Il primo destinatario del marketing è paradossalmente il titolare dell’impresa, che in concerto con il marketing manager definisce un budget da dedicare alla promozione e allo sviluppo. Diventa quindi molto importante che l’imprenditore comprenda le potenzialità del marketing strategico ed operativo, come un investimento e non un semplice costo da tagliare alla prima difficoltà.

Solitamente il budget si identifica in una percentuale delle vendite nei dodici mesi precedenti, ma deve tenere conto anche dell’eventuale lancio di nuovi prodotti e delle relative campagne promozionali.

Un efficace piano di marketing studia ed individua il target cui rivolgere gli sforzi promozionali, stabilendo se raggiungere ogni segmento di clientela con il medesimo prodotto o diversificare l’offerta a seconda delle aspettative e delle necessità dei destinatari (come ad esempio le compagnie telefoniche ed i piani dedicati ai privati e ai professionisti).

Ogni interazione con il cliente deve essere affrontata come una fondamentale occasione per raccogliere un feedback diretto: critiche e problematiche possono essere gestite a proprio favore, evidenziando un buon servizio di assistenza e ottime capacità di ascolto e problem solving.

Per raggiungere il target definito è necessario studiarne le abitudini: si tratta di persone giovani che utilizzano internet quotidianamente o si tratta di casalinghe che tengono la televisione accesa per molte ore al giorno?

 

A seconda degli obiettivi, del budget, del prodotto e del tipo di consumatore si definisce una campagna promozionale che può sfruttare strumenti classici come il telemarketing, lo spot televisivo o radiofonico, il volantinaggio, la vendita porta a porta, i promoter nei centri commerciali o durante degli eventi sociali, l’email marketing, la pagina Facebook, il sito web e così via.Definire target e obiettivi per migliorare le vendite

Se il marketing non produce frutti è opportuno limitare le perdite senza disinvestire nella promozione dell’impresa, per non vanificare il lavoro svolto e il potenziale sviluppo.

Da ogni fallimento si deve ricavare una analisi dettagliata che consenta di orientare al meglio le decisioni future.

Il piano di marketing ideale deve essere elastico: in caso di nuove mode, nuove leggi o nuovi bisogni della clientela, possono rendersi necessarie modifiche alla strategia stabilita. La flessibilità è anche nel marketing, indice di intelligenza e spirito di adattamento e consente all’azienda di superare qualsiasi difficoltà, migliorandosi continuamente.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento