La Meditazione Trascendentale, anche nota come MT (o TM), è una tecnica di meditazione sviluppata e trasmessa da Maharishi Mahesh Yogi, guru originario dell’India e morto di recente. Riprendendo i capisaldi della filosofia Vedanta, la Meditazione Trascendentale ha reso più accessibile all’Occidente alcune conoscenze di stampo orientale, solitamente relegate nell’ambito della spiritualità.

Allo stesso modo, essa utilizza un linguaggio che ricerca il continuo confronto con la scienza, ridimensionando il peso di alcuni presupposti religiosi o etici.

Ma come funziona, ed in cosa consiste esattamente la Meditazione Trascendentale?

Meditazione Trascendentale: ritrovare la quiete interiore

meditazione trascendentale, come funziona?L’insegnamento principale della MT, ben pubblicizzato in tutto il mondo, è stato ed è tuttora supportato da personaggi di grande fama. Si pensi, ad esempio, al rapporto tra i Beatles e Maharishi (dal quale sono nate diverse canzoni), o al regista americano David Lynch che spesso effettua conferenze sui benefici di tale pratica meditativa.

La tecnica meditativa che è alla base della MT è relativamente semplice: un istruttore qualificato, autorizzato alla “trasmissione”, comunica al neo praticante un mantra, una formula da ripetere interiormente, del tutto individuale. Il praticante effettuerà un paio di sessioni giornaliere di meditazione, acquistando gradualmente familiarità con la tecnica; si tratta quindi di una tecnica di pensiero, mentre nel caso della meditazione dinamica, il tuttto si basa sul movimento.

Lo scopo? Trascendere (da qui il nome “trascendentale”) la coscienza ordinaria superando gli stati ordinari di coscienza, fino a raggiungere la pace ed il silenzio interiore, nella cosiddetta “sorgente del pensiero”.

I praticanti di MT descrivono lo stato di beatitudine raggiunto con la meditazione come una sorta di sonno, nel quale però si mantiene ben vigile la consapevolezza. I benefici sono numerosi: lo stress si riduce fin quasi a scomparire, la mente si fa tranquilla, ed il corpo di conseguenza diventa più riposato e rilassato. L’attenzione, la creatività, l’intelligenza vengono così rinvigorite e risvegliate, il nostro potenziale latente è gradualmente attivato.

La Meditazione Trascendentale, come altre tecniche meditative, fa leva sull’attività del pensiero nella nostra vita quotidiana, spesso foriera di sofferenze o inutili identificazioni. Lo scopo del mantra assegnato al meditante è provocare un assorbimento totale nel e con il suono, affinchè i pensieri si dissolvano lasciando soltanto la pura consapevolezza.

Ancora sulla Meditazione Trascendentale

 

meditare con la meditazione trascendentaleLa MT fa ampio uso della propaganda a livello pubblicitario per diffondere ed esporre i benefici della pratica. Ma non solo. Essa incoraggia un confronto continuo con la comunità scientifica, per dimostrare e monitorare gli effetti benefici della meditazione.

Sull’altro versante, non mancano le critiche alla meditazione trascendentale, specie relative agli alti costi per la formazione o all’eccessivo “meccanicismo” nel rapporto con la pratica, che lascerebbe un pò da parte il fervore spirituale e l’aspirazione al dissolvimento dell’ego.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento