il significato della meditazione cristianaLa meditazione cristiana ha a che fare con Dio perchè è un processo che consiste nel concentrarsi su pensieri specifici, come può essere ad esempio un passo della Bibbia, all’interno di un contesto che è pervaso dall’amore di Dio.

La meditazione cristiana è quindi una forma di preghiera che ha lo scopo di far diventare consapevoli e di riflettere sulle rivelazioni di Dio.

“Per meditazione io intendo un ragionare prolungato con comprensione, in questo modo. Iniziamo a pensare al favore che Dio ha riversato su di noi dandoci il suo unico Figlio, e non ci fermiamo qui, ma continuiamo a considerare i misteri della sua vita gloriosa.” Teresa d’Avila

Non sei interessato alla meditazione cristiana? Allora scopri quali sono le posizioni della meditazione yoga.

In che cosa consiste la meditazione cristiana

La meditazione cristiana si basa su tre presupposti fondamentali. In primo luogo la meditazione cristiana è basata sulla Bibbia e non come altri tipi di meditazione che invece pongono la loro attenzione sui mantra. Il secondo presupposto è  che è un atto di risposta all’amore di Dio. Nella meditazione cristiana si esalta questo rapporto personale basato sull’amore di Dio. Il terzo presupposto è che la meditazione cristiana è un lodare Dio, un atto di lode a cui portano le rivelazioni bibliche e l’amore di Dio.

La meditazione cristiana ben mostra due aspetti dell’amore di Dio: obbedienza e devozione, si medita per portare gioia al cuore di Dio e non per ottenerne favori. Un ruolo di rilievo nella meditazione cristiana sembra averlo lo Spirito Santo che aiuta chi medita a capire il significato più profondo della parola di Dio, aiutandolo a comprenderla meglio.

Differenza con altri tipi di meditazione

 

differenza tra la meditazione cristiana e le altre meditazioniLa meditazione cristiana è differente da altre meditazioni come possono essere quelle delle religioni orientali che hanno lo scopo di spingere chi medita a liberare la propria mente.

Nella meditazione cristiana invece si riempie la propria mente di Dio, della sua parola, dei pensieri collegati ai passi della Bibbia con il fine ultimo di aumentare il rapporto personale basato sull’amore di Dio. Per i devoti la meditazione cristiana, al contrario delle forme meditative che portano a concentrarsi su se stessi, è un uscita dal proprio io verso l’altruismo.

La meditazione cristiana è un elemento importante per approfondire la propria conoscenza su Gesù Cristo in profondità e amarlo. La meditazione cristiana si può effettuare ripetendo la parola maranàtha, scandendo le quattro sillabe, è la più antica preghiera cristiana e significa: “Vieni a me Signore”.

Per avere l’effetto desiderato la meditazione cristiana dovrebbe nascere spontanea come uno sfogo dell’individuo per l’amore di Dio o può essere fatta anche attraverso la lettura in chiesa o in privato di un passo di un testo sacro da capire e poi cercare di mettere in atto nel corso della propria giornata.

1 Commento

Lascia un commento
  • annabella longo

    bellissimo

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento