Una tecnica di meditazione, che ha resistito alla prova del tempo, è indiscutibilmente la Meditazione Trascendentale o  (MT). Tecnica così popolare che viene praticata da oltre 5 milioni di adulti e bambini nel mondo.

Sei già un esperto di meditazione trascendentale? Allora scopri la meditazione dinamica di Osho.

come si esegue la MT

Ma come si esegue la Meditazione Trascendentale?

E’ una tecnica di meditazione estremamente semplice nella sua esecuzione. Si tratta in sostanza di ripetere mentalmente un pensiero specifico (mantra). Il modo migliore per eseguire la tecnica, è quella di rilassarsi su di una comoda poltrona o sedia, avendo la cura di tenere ben dritta la colonna vertebrale per tutta la durata della meditazione trascendentale. E’ necessario tenere la concentrazione fissando gli occhi della mente sopra un singolo oggetto, o pensiero, ampliandolo, approfondendolo.

Appena la concentrazione è al suo punto giusto con la focalizzazione del terzo occhio
situato fra le sopracciglia, elevare il pensiero verso il centro della sommità della testa e aspirare, per poter ricevere una vibrazione di ritorno.

E ‘come girare il volume di una radio, la radio c’è ancora, ma non emette alcun suono. Allo stesso modo, nella MT riduciamo senza fatica tutto il rumore e le chiacchiere della nostra mente, fino a raggiungere uno stato in cui siamo svegli, ma solo per sperimentare il silenzio interiore. E ‘meravigliosamente rinfrescante e piacevole. Dopo la meditazione , ci si sente riposati e pronti ad affrontare tutti i compiti di una dura giornata.

La MT non comporta nessun cambiamento nel vostro stile di vita,

basta aggiungere alla vostra giornata 20 minuti di profondo rilassamento, il vostro sonno ne gioverà. Meglio ancora se praticata due volte al giorno, il livello di riposo ne beneficerà ulteriormente. Presto noterete che la vita sarà un po ‘più soddisfacente, più armoniosa, meno stressante, ancora più felice.

La MT rende armoniosa la vita

E ‘proprio come innaffiare le radici di una pianta, se si fornisce nutrimento al livello più profondo, ogni aspetto della pianta fiorisce. Allo stesso modo, dando voi stessi questo profondo livello di rilassamento , si inizia a notare i benefici in tutti i settori della vita. Tutti abbiamo avuto notti in cui abbiamo dormito davvero bene e il giorno seguente tutto sembrava andare bene, i semafori sono verdi, è possibile trovare un parcheggio, anche il vostro capo è di buon umore (!), In altri parole, il mondo sembra riflettere la nostra esperienza interiore. Beh, questo è l’effetto che la MT ha. Poiché si è profondamente riposati e ci si sente più luminosi e più creativi, la vita diventa meno una lotta, ma più divertente.

La “Meditazione Trascendentale, rispetto alle altre meditazioni e tecniche di rilassamento, è due volte più efficace per alleviare gli effetti mentali di stress.”

4 Commenti

Lascia un commento
  • Fabio

    Buongiorno a tutti. Ho 46 ed ho da poco finito di “curarmi” da un cancro. Virgolettato perché sapevo prima di iniziare le chemio ed adesso ancora di più che non mi stavo veramente curando, ma forse il contrario…ma questa è un’altra storia.
    Ho praticato la mia prima “meditazione inconsapevole” durante la mia prima pet-tac, una risonanza magnetica che si effettua per controllare l’andamento della malattia.
    Ero molto agitato al solo pensiero di dover restare immobile per una ventina di minuti in un tunnel.
    L’operatore cercò di tranquillizzarmi e mi suggerì di fare dei respiri profondi appena entrato nel tubo.
    Chiusi gli occhi, iniziai a respirare profondamente ma non bastava, nella mente mi si focalizzavano pensieri e quando erano cattivi il cuore andava a 1000. Allora decisi di contare, dovevo fregare il mio cervello, dovevo costringerlo a pensare ad altro. Iniziai. Respirando sempre profondamente iniziai a contare…1,2,3….50…100…500…..
    In quei 20 minuti raggiunsi uno stato di semicoscenza, veglia-sonno, di tranquillità, a volte perdevo il “tempo” ma continuavo, mentre i miei respiri si allungavano.
    Quando l’operatore mi disse che avevamo finito e potevo aprire gli occhi, io ero già fuori dal tunnel ma non me ne ero accorto.
    Ero tranquillo, molto tranquillo e la volta successiva fu molto più semplice affrontare quella situazione e dopo ancora meglio e così via, ormai sapevo cosa fare.

    Rispondi
  • Claudio

    Complimenti un articolo semplice, chiaro pulito e “polically correct”

    Rispondi
  • sandro

    L’articolo è chiaro, ma personalmente faccio una fatica impressionante a smettere di pensare. Sto lì aspettando che i pensieri si zittiscano ma questi continuano ad arrivare. Potreste essere più specifici per favore nel “come” si medita veramente in modo effecace?
    grazie mille

    Rispondi
    • xxx

      salve, la meditazione è uno stato dell’essere, non può essere praticata ne raggiunta, è un modo di dire “praticare meditazione”.
      comunque di meditazioni ne esistono tantissime, a migliaia, meditazioni guidate ecc..
      per “praticare” diciamo, si inizia mettendosi in una posizione seduta (non serve per forza a gambe incrociate o posizioni strane) o sdraiati.
      si inizia con un respiro profondo e poi si focalizza l’attenzione alla respirazione, al respiro che entra con l’inspirazione e al respiro che esce con l’espirazione. Tutto qui. i pensieri arrivano ma il praticante ne è distaccato. poi si può dire che uno “entra in meditazione” dopo un pò di tempo, dipende da persona a persona,c’è chi dopo 5 minuti si ritrova in uno stato “benefico” e chi invece dopo 1 ora, è soggettiva l’esperienza. in realtà la meditazione è tutto, è vivere nel presente, non è qualcosa di distaccato o diverso dal vivere quotidiano. per focalizzare l’attenzione sul respiro ci sono tanti esercizi, tipo contare le inspirazioni ecc.. comunque se uno ha molta energia inutilizzata nel corpo, è consigliabile praticare qualche attività fisica prima di iniziare la pratica. spero di esserle stato d’aiuto.
      cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Lascia un commento