Mappa concettuale: un metodo di studio efficaceDevi preparare un esame ma il tempo stringe e sei sommerso da libri e appunti? Per ordinare le idee e ottimizzare il tempo a tua disposizione, è necessario organizzare il tuo materiale attraverso un metodo di studio.

Di cosa si tratta? Ogni metodo di studio è una vera e propria strategia che aiuta il tuo cervello a memorizzare le nozioni in modo più rapido e duraturo, così da evitare che tu ti faccia prendere dal panico davanti a tomi di mille e più pagine da studiare in poche settimane. Ne esistono di moltissimi tipi, adattabili a qualunque disciplina oppure pensati appositamente per le scienze, per le arti visive, per la letteratura e così via.

Qui di seguito troverai le indicazioni per sperimentare un metodo generale, utile in moltissimi campi di studi e molto semplice da eseguire: la mappa concettuale; ricordiamo inoltre che nell’ambito di un buon metodo di studio i metodi per aumentare la memoria possono rivelarsi molto utili.

La mappa concettuale: un metodo di studio per tutte le discipline

Una mappa concettuale è un escamotage per aiutarti a organizzare le idee. È un semplice foglio di carta al centro del quale rappresenterai visivamente l’argomento principale del tuo studio, da cui poi si dirameranno argomenti secondari e collaterali, ordinati in modo gerarchico e secondo associazioni logiche, temporali o di causa-effetto. Attraverso le parole e lo schema Un metodo di studio per migliorare le tue performanceorganizzativo stimolerai la parte razionale del tuo cervello, mentre grazie a immagini e colori metterai al lavoro l’emisfero creativo, che ti aiuterà a generare e ricordare più facilmente ciò che stai studiando.

Ecco le istruzioni per costruire una mappa concettuale.
Prendi un foglio di carta e, al centro, disegna un oggetto (anche astratto) che rappresenti il concetto centrale della tua mappa. Scrivi accanto una parola chiave che riassuma quest’idea centrale. È importante che sia un’unica parola, non una frase perché in questo modo  ti potrai permettere una più ampia libertà di associazioni creative.

Ora domandati: quali sono i principali concetti e idee che si collegano direttamente a al tuo argomento centrale? Disegna 5-6 “rami” a partire dalla tua immagine e scrivi una parola chiave per ciascuno di essi, alla fine di ogni ramo.

A partire da queste ramificazioni principali, comincia a fare libere associazioni, a disegnare rami più piccoli, anche di quarto e quinto grado, e a collegare tra loro le informazioni. Lascia la tua mente libera di lavorare e di trovare anche collegamenti inusuali, saranno un aiuto in più per la memorizzazione a lungo termine.

Un metodo di studio creativo è più efficace

 

Non temere di esagerare nell’uso di colori diversi: gli elementi visivi all’interno della tua mappa concettuale sono determinanti. Possono aiutarti a ricordare un particolare collegamento, oppure una nozione ostica da memorizzare… ogni colore può diventare un significato aggiuntivo o una contestualizzazione, se utilizzato in modo coerente e sistematico. Anche le immagini sono importanti in quanto aiutano a creare collegamenti più numerosi e – soprattutto – più creativi.

Prova a organizzare una mappa concettuale su un argomento semplice, o che non comporti un numero elevato di nozioni, come fosse una sorta di allenamento. Una volta che ti sarai abituato, non riuscirai più a fare a meno di questo metodo di studio semplice, creativo ed efficace!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento