Se pensate che ottenere una memoria di ferro e una mente più acuta richieda ore ed ore di studio ed allenamenti estenuanti, è ora di ricredervi.

Per raggiungere il tanto agognato obiettivo infatti bastano pochi semplici accorgimenti e un po’ di costanza. Così come l’esercizio quotidiano e una sana alimentazione sono importanti per la cura del corpo, lo stesso vale per mantenere in forma la vostra memoria.

Consigli per migliorare la memoriaIn primo luogo è importante fare attenzione a ciò che si mangia: molte ricerche mostrano che certi alimenti e nutrienti, chiamati “cibi per il cervello” oltre ad essere un toccasana per il corpo, aiutano ad aumentare le funzionalità mnemoniche.

Mirtilli, bacche di Acai e more trasportano gli antiossidanti e gli acidi grassi Omega-3, noti per accelerare l’apprendimento e migliorare la salute mentale e fisica; noci, mandorle e frutta secca in generale, invece, forniscono la vitamina E necessaria per potenziare il cervello e mantenerlo vigile.

Perfino il caffè è un insospettabile alleato: assumerlo con regolarità aiuta ad evitare l’insorgere di malattie degenerative come l’Alzheimer. Sorprendentemente, la caffeina è risultata essere in cima alla lista delle fonti di antiossidanti nella dieta americana media.

Per mantenere una memoria sana, si può ricorrere anche all’ausilio di strategie più divertenti.

Esistono infatti numerosi giochi che, oltre ad essere piacevoli passatempi, stimolano le cellule del cervello, comeCome migliorare la memoria per esempio gli scacchi. Giocare a scacchi, infatti, costringe il vostro cervello a lavorare, a concentrarsi sulle strategie da mettere in atto e a sforzarvi di ricordare le mosse dell’avversario.

Non occorre essere giocatori provetti, anzi: un principiante sarà ancora più motivato a stimolare la propria memoria e le proprie capacità per riuscire a portare avanti la partita con successo.

Non siete amanti degli scacchi? Nessun problema, potete cimentarvi in decine di altri giochi diversi: cruciverba, sudoku, cubo di Rubik, Scarabeo, puzzle di logica, origami… tutti aiutano a mantenere le interazioni neurali attive, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ma è la felicità ciò che più aiuta la memoria.

L’atteggiamento che abbiamo nei confronti della vita, infatti, oltre a condizionare il nostro umore e le nostre azioni, influenza in modo incisivo anche la capacità di immagazzinare le informazioni. Costruirsi uno stile di vita gioioso e sereno è uno degli strumenti più validi per riuscire a mantenere una memoria sana e scattante.

Lle risate, il divertimento, l’umorismo sono alcuni dei fattori più importanti per donare alle cellule cerebrali un ambiente salubre in cui svilupparsi. Inoltre, l’effetto che le emozioni positive hanno su di voi ricadrà anche chi vi sta intorno, contribuendo, con una reazione a catena, a migliorare le relazioni sociali, personali o lavorative.

Il vostro potenziale mnemonico dipende da quanto è allenata la vostra capacità di attenzione e da quanto rapidamente il vostro cervello può memorizzare e recuperare informazioni. Se uno di questi due “sistemi” non funziona correttamente, ecco che arrivano le difficoltà di memoria. Provare a seguire questi semplici consigli quotidianamente richiede un piccolo sforzo di volontà, ma dona in cambio una possibilità concreta per proteggere e migliorare la vostra memoria.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento