Le migliori tecniche di memorizzazionePer migliorare la memoria e ricordare senza troppe difficoltà nomi, concetti o numeri, un valido aiuto è fornito dalle tecniche di memorizzazione. Di cosa si tratta? Sono dei semplici espedienti che offrono potenti stimoli al nostro cervello e lo aiutano così a richiamare alla mente le informazioni di cui abbiamo bisogno.

Esistono moltissime tecniche di memorizzazione, alcune molto semplici altre un po’ più complesse, ognuna adatta ad un determinato tipo di informazione. Alcune sono perfette per i numeri, altre sono migliori se adoperate su nozioni discorsive, altre ancora sono create su misura per ricordare singole parole.

Qui di seguito trovi tre esempi divisi secondo le tre tipologie di informazioni più comuni da ricordare; ma le tecniche di memorizzazione funzionano oppure sono una bufala?

Tecniche di memorizzazione per numeri e parole

Per fissare nella memoria una lista di parole,  gli acronimi sono lo strumento più efficace. Un acronimo è una frase (o una parola)  in cui le lettere o le sillabe che la compongono corrispondono alle iniziali delle parole che si vogliono ricordare.

Qualche esempio? Per ricordare i nomi dei sette colli di Roma si può fissare nella mente la parola Piacque (Palatino, G[J]anicolo, Aventino, Celio, Quirinale, V[U]iminale, Esquilino). Oppure, per ricordare la successione dei complementi nella lingua tedesca, si può ricorrere alla parola Tekamol (tempo, causa, modo e luogo). Ma gli acronimi possono funzionare anche con la matematica: Viva la Repubblica Italiana è una frase che contiene al suo interno la formula della legge di Ohm: V = R · I.

Un modo semplice per ricordare numeri composti da molte cifre invece, consiste nello spezzettare il numero in gruppi composti da due o tre cifre ciascuno. Quindi 25248703444 diventa, applicando questa tecnica, 25.24.87.03.444. Se poi a ciascuno di questi numeri è possibile associare un’informazione secondaria personalizzata, ancora meglio! Per esempio, 87 potrebbe coincidere con una data di nascita, 12 potrebbe essere anche il numero di maglia di un calciatore, 03 il numero dei componenti della tua famiglia e così via…

La tecnica dei loci per le nozioni discorsive

 

Le tecniche di memorizzazione più efficaciPer ricordare gruppi di informazioni più corpose, da esporre in forma discorsiva, la tecnica dei loci è un metodo molto efficace.

Come funziona? In primo luogo è necessario scegliere un percorso o un luogo che conosci alla perfezione: la strada da casa alla stazione, per esempio. Una volta scelto, ripassa mentalmente ogni singolo dettaglio: cartelli stradali, insegne, negozi, cassonetti, alberi e così via, di modo da avere più “appigli” per la tua memoria. Ora suddividi le nozioni che vuoi  imparare in gruppi, associando a ciascun gruppo un’immagine chiara, precisa e ben diversa dalle altre.

Infine, colloca ogni immagine ai punti che hai scelto di utilizzare disseminati sul tuo percorso conosciuto. Per memorizzare le nozioni non dovrai fare altro che camminare mentalmente (o fisicamente!) lungo il tuo percorso e “raccogliere” le informazioni che avevi precedentemente associato.

La tecnica dei loci richiede un certo grado di allenamento, ma nel lungo periodo dà dei risultati strepitosi, e permette di ricordare a lungo e in modo chiaro e vivido le nozioni apprese. Forse non è la più semplice delle  tecniche di memorizzazione, ma dà la garanzia di un incremento di memoria stabile e duraturo.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento