Claudia Rainville e la metamedicinaClaudia Rainville è una psicoterapeuta, conferenziere internazionale e autore di numerosi best sellers. Ma, soprattutto, è il fondatore dell’approccio metamedicina.

Il suo bisogno di andare più in profondità nella comprensione dell’essere, l’ha spinta due volte in India, dove ha ricevuto gli insegnamenti di molto famosi maestri spirituali come il Dalai Lama e Sai Baba.

Nel 1992 Claudia Rainville ha pubblicato il suo libro “Rendez -vous in Himalaya“, in cui racconta il suo percorso alla ricerca della verità che l’ha portata ad inventare la metamedicina; ma di cosa si tratta?

Claudia Rainville, il fondatore della metamedicina

Ogni sintomo è un messaggio , questo il titolo del suo più famoso libro, un best seller che esprime appieno l’approccio della Rainville alla medicina e alla malattia stessa. Il nostro copro ci invia segnali e la metamedicina si rivolge esattamente alle cause che li determinano, per sciogliere i nodi in cui si annidano, magari da anni, senza apparenti soluzioni di guarigione e benessere. La metamedicina è una approccio induttivo che porta a porre domande pertinenti ed è prima di tutto una medicina per il risveglio della coscienza.

Le esperienze che ciascuna di noi sperimenta nel corso della propria vita, e che la Rainville chiama “emozionali”, sono a volte positive e a volte tragiche, a volte forti ed altre meno rilevanti. Tutte queste esperienze hanno fatto in modo che il nostro corpo (attraverso gli impulsi inviati dal nostro cervello ai vari organi), innescasse reazioni particolari e soggettive, diverse da individuo a individuo (ad esempio la secrezione di ormoni o l’aumento della frequenza cardiaca). L’organismo perderebbe così il proprio equilibrio, determinando un mal funzionamento di ogni sua parte.

La metamedicina, facendo ricorso ad un rapporto di tipo terapeutico/psicoanalitico, va a recuperare quell’esperienza, attraverso un percorso di autoanalisi e fino alla regressione della conseguenza (il sintomo fisico e il dolore). La metamedicina si occupa anche di malattie e disturbi molto gravi come il Parkinson o le sclerosi multipla.

Claudia Rainville, la biografia

 

La storia di Claudia Rainville è la storia di un profondo malessere, di un male di vivere che ha seguitato a manifestarsiClaudia Rainville: autrice di best sellers internazionali sotto forma di laringiti, psoriasi, dimagrimento, anemia, allergie, calcolosi biliare, sino al cancro del collo dell’utero. La silenziosa sofferenza che abitava il suo essere più profondo, si traduceva in profonde depressioni delle quali nessuno, introno a lei sospettava, ma in cui Claudia sprofondava di anno in anno, sempre più dolorosamente.

Convinta dell’efficacia della medicina tradizionale, i farmaci e i trattamenti convenzionali cui faceva ricorso per trovare sollievo al dolore, sembravano, al contrario, acuire i disturbi psicosomatici, mentre la malattia e la sofferenza non sembravano placarsi. Dopo i tentativi di suicidio, estremi appelli e richieste di aiuto, avvenne la sua rinascita.

A risvegliarla, in ospedale, fu la voce compassionevole e materna di una giovane infermiera che, vedendola inerte, attaccata ad un respiratore, pronunciò le seguenti parole: “Oh! Mio Dio! Povera gattina!”. Dopo questi avvenimenti ebbe inizio il percorso di Claudia, non per liberarsi del male di vivere, ma teso a capire la causa delle profonde depressioni.

Cominciò così il suo lungo cammino, spinta e, allo stesso tempo, incuriosita da questo nuovo approccio, la metamedicina. Più avanzava nelle sue scoperte, più sembrava riacquistare la salute. In questa nuova dimensione, affrontando le proprie paure, tra cui quella di sbagliare e di non poter più tornare indietro, prese la decisione di lasciare il lavoro. Famiglia e colleghi tentarono di dissuaderla, ma la decisione era ormai presa: Claudia si dimise dal suo impiego ospedaliero.

Fu in quel momento che incontrò il dottor Herbert Beierle, impegnato in un seminario su “Il controllo della propria vita”. Claudia Gli parlò della sua situazione e decisione di licenziarsi e lui le rispose:

“Nella vita, non si fanno mai errori, ma solo delle esperienze. Che cosa sei venuta a fare in questo mondo se non a fare delle esperienze per la tua evoluzione?”.

Era esattamente quello che aveva bisogno di sentirsi dire. Dopo quel gesto, radicale e apparentemente incosciente, Claudia si liberò di tutti i malesseri e disturbi fisici.

Esiste un legame che unisce il presente al nostro passato e, grazie agli incontri fatti nel corso della sua vita, che hanno contribuito a formare professionalmente e umanamente questa grande donna, Claudia Rainville ha potuto scoprire che la maggior parte delle difficoltà nelle quali ci imbattiamo da adulti si verificano in risonanza a delle situazioni emozionali, non risolte, del nostro passato.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento