L'inconscio e la metamedicinaLa metamedicina è un metodo terapeutico che mira a curare l’aspetto psico-somatico di sintomi e malattie ovvero quello che potrebbe essere alla base della loro manifestazione.

La metamedicina è molto diversa dalla medicina così come l’intervento degli operatori di metamedicina rispetto a quello dei medici.

Sebbene l’obiettivo sia unico, ovvero aiutare la persona che sta male a guarire, la medicina e la metamedicina agiscono su aspetti diversi dello stesso malessere: la prima si concentra sul lato fisico mentre l’altra su quello interiore e inconscio, profondamente legato alle emozioni.

Scopri le radici della metamedicina.

La parte inconscia è responsabile di moltissimi disturbi psicosomatici e la metamedicina insegna a gestirla correttamente

Sono molte le malattie di carattere psicosomatico che possono manifestarsi nella vita di ognuno e la metamedicina rivolge la sua attenzione proprio a loro.

Generalmente si manifestano in presenza di grossi stress emotivi e in alcuni casi le cure mediche non riescono a garantire la completa scomparsa dei sintomi se non per brevi periodi.

Si pensi alla psoriasi, per esempio: il suo legame con gli stress emotivi è ormai ampiamente riconosciuto.

Può sopraggiungere in momenti di stress elevato portando con sé diverse implicazioni che rendono ancora più complicata la vita della persona che la manifesta.

Grazie alla metamedicina è possibile andare in profondità e risolvere il problema dall’interno, attivando il naturale processo di guarigione presente in ogni persona.

Come si fa? Ci sono due strade: provare a fare da soli cercando di apprendere il più possibile su questa disciplina attraverso le numerose opere pubblicate da Claudia Rainville oppure chiedere aiuto a un operatore di metamedicina.

Se si desiderano risultati rapidi la seconda strada è la migliore perché non solo si entra in contatto con persone che conoscono e studiano da tempo la metamedicina ma anche perché si può apprendere direttamente da loro il modo migliore per porsi le domande giuste che aiutano a entrare in contatto con la nostra parte più profonda.

L’esempio dell’iceberg che aiuta a capire il campo d’intervento della metamedicina

 

Il mondo dell'inconscioChi ha compiuto studi psicologici si sarà già imbattuto nell’esempio dell’iceberg utilizzato da Freud per spiegare la differenza tra la coscienza e il mondo dell’inconscio.

Lo stesso può essere utile per comprendere meglio l’area di intervento della metamedicina e la differenza con la medicina.

In presenza di un qualsiasi sintomo di una malattia, punta dell’iceberg ne rappresenta la manifestazione fisica: per questo, per curarla bisogna rivolgersi a un medico competente che eseguirà degli esami approfonditi e valuterà la terapia migliore.

La parte sommersa dell’iceberg, invece, rappresenta l’inconscio e la parte emozionale legata al sintomo.

Spesso questa parte viene tralasciata: la metamedicina permette di affrontarla, in modo da dare la possibilità alla persona di stare meglio con sé stessa affrontando il suo problema mettendolo in relazione con il passato e le emozioni.

1 Commento

Lascia un commento
  • luciana

    L’ho preso subito,ma non l’ho ancora letto.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento