La motivazione è l’innesco per il successo in qualsiasi campo della vita di un individuo. Il significato proprio di motivazione affonda le radici nel termine “motivo”, inteso come il fattore scatenante di una determinata azione.

In pratica è l’assemblaggio di diversi fattori che spingono l’individuo ad agire perseguendo una determinata meta; di conseguenza, un’azione priva di motivazione potrebbe risultare facilmente fallibile. Nella vita quotidiana la motivazione dev’essere considerata come una sorta di integratore alimentare; solo che invece di ricaricarsi di ferro, vitamine o minerali, ci si ricarica di una bella dose di motivazione; ma perchè a volte è così difficle trovare motivazione?

Molte volte non si è affatto consapevoli di quanto la motivazione e la determinazione influiscano nei propri progetti, e nelle proprie ambizioni. Essa svolge due compiti importanti, quali l’attribuzione di energia attraverso una forte sicurezza dei propri mezzi, e l’orientamento di determinati atteggiamenti, pensieri e idee, verso una precisa meta.

L’eterogeneità della parola motivazione fa si che abbracci qualsiasi aspetto della vita dell’individuo, accompagnandolo in ogni sua fase della crescita e dello sviluppo.

I vari aspetti della motivazione

gli aspetti della motivazioneSi manifesta un aspetto motivazionale fin dall’età infantile con la stimolazione del bambino, affinchè possa scoprire il mondo circostante. Alla stimolazione si affianca la determinazione dei genitori, che sarà perpetuata e inculcata poi all’ adolescente, e in seguito all’adulto.

Motivare un giovane, significa fare un passo chiedendo il permesso di entrare nel suo mondo. Questa stessa azione rivela la volontà di comprendere e dare fiducia, prerequisiti fondamentali per la formazione degli uomini del domani. La motivazione, inoltre, è importantissima anche per lo sviluppo caratteriale dei giovani, in quanto invogliati e soprattutto ben disposti, alle attività di apprendimento, grazie allo sviluppo di pensieri positivi.

La motivazione non è un concetto riferito esclusivamente all’ambito scolastico, è anche un ottimo innesco per la determinazione necessaria all’attività sportiva.

Qualsiasi sport, specialmente quello di squadra, richiede un determinato grado di motivazione: fondamentali compagni della motivazione sono senza dubbio la determinazione e la caparbietà; in assenza di queste prerogrative risulterebbe difficile rendere realizzabili molti obiettivi. In tutti i casi, è importante imprimere negli animi degli individui, la consapevolezza che con il duro lavoro e la tenacia, è possibile ottenere qualsivoglia risultato, e riuscire negli obiettivi preposti.

In qualsiasi campo si operi, la motivazione tende ad influenzare in maniera benefica il carattere dell’individuo: in primis si ha una maggiore sicurezza di se, e dei propri mezzi. Infatti, il riscontro dell’impegno dato, si ha sul campo pratico, indentificandosi con il raggiungimento dell’obiettivo prefissato.

Di conseguenza a ciò, si acquista consapevolezza dei propri limiti e delle proprie capacità; riconoscimento di fondamentale importanza per la scoperta di se stessi e degli altri. In sintesi, la sicurezza e la consapevolezza, sono derivati importanti di una precedente e sana motivazione.

Il grado motivazionale, e i due fattori importanti

 

raggiungere gli obiettiviEsiste un grado motivazionale in ogni individuo gestito da due fattori importanti: quello biologico che comprende le caratteristiche fisiche, per cui è qualcosa di innato, e quello psico-emotivo che si compone di tutti i tipi di esperienza raccolti dall’individuo.

Questi due fattori, a loro volta, fanno da base a due concetti più ampi quali: la motivazione intrinseca ed estrinseca. La prima si nutre di curiosità e intraprendenza,  e si verifica quando l’individuo è sottoposto ad un ambiente diverso e a lui ignoto; in tal caso fa da padrona la ricerca di novità ma soprattutto il bisogno di padronanza.

Quest’ultimo, infatti, è il risultato del riscontro pratico, derivante dalle esperienze precedentemente fatte; di conseguenza risulta essere totalmente personale.

La motivazione estrinseca, invece, è legata alla sollecitazione continua da parte di un terzo, affinchè l’obiettivo preposto non sia accantonato, a causa di qualsiasi distrazione. Ciò che caratterizza quest’ultima è la paura di fallire, ed al contempo la voglia di dimostrare la propria infallibilità. Ciò, dunque, risulta essere discreto per la crescita personale dell’individuo.

La motivazione tempra, inoltre, il carattere dell’individuo, favorendo una più completa visione di se. Il fatto di sentirsi padrone di un determinato obiettivo raggiunto, favorisce una maggiore sicurezza nelle proprie idee; ma soprattutto incentiva la curiosità verso l’ignoto, e la volontà di migliorarsi. Queste ultime due caratteristiche rappresentano un atteggiamento di perpetua ricerca e miglioramento di se stessi: puntare su di se e combattere per i propri obiettivi, è uno dei passi verso una più ampia consapevolezza del proprio essere.

La gratificazione e la sensazione di essersi migliorati, sono tutte emozioni legate ad una salda tenacia, e ad una grande motivazione. Il raggiungimento tangibile degli obiettivi e la dimostrazione, in campo pratico, delle proprie abilità, in particolare se riconosciute anche da membri esterni al proprio mondo; non fanno altro che attribuire all’individuo in questione una sana e piacevole sensazione di riconoscenza verso se stessi.

Gli obiettivi da rincorrere non sono di certo privi di ostacoli, e il superamento di quest’ultimi rendono la gratificazione ancora più grande; dato lo sforzo fisico ed emotivo teso verso il superamento degli imprevisti.

In conclusione, non esiste un manuale preciso da seguire affinchè aumenti il livello di motivazione. Basta solo essere consapevoli delle proprie abilità, e non lasciarsi sfuggire le occasioni utili per la propria “verifica pratica sul campo”, e di conseguenza per la propria autostima.

Importantissimo è non lasciarsi abbattere da qualsiasi imprevisto, esterno o interiore, ma combatterli semplicemente con una buona dose di motivazione.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento