Fiori di Bach, benessere e naturalitàI fiori di Bach rappresentano una medicina non convenzionale fondata da Edward Bach, un medico britannico. Secondo Bach ogni individuo ha capacità di diagnosticare le proprie malattie e curarsi in maniera autonoma, sebbene il primario scopo della terapia fosse prevenire piuttosto che combattere un sintomo già manifestato.

I fiori di Bach prendono in considerazione le emozioni e la personalità del soggetto: ogni fiore trasforma un’energia negativa in un’altra positiva e da questo cambiamento consegue anche la guarigione dal sintomo.

Il metodo dei fiori di Bach non è l’unico modo per curarsi i maniera alternativa, infatti ne esistono diversi come per esempio la medicina olistica; ecco le caratteristiche della medicina olistica.

I fiori di Bach, tra effetto placebo e terapia

Numerosi studi scientifici non sono riusciti a dimostrare le funzionalità terapeutiche dei fiori al di là di un mero effetto placebo, tuttavia i sostenitori sono convinti che ogni fiore possa nella pratica migliorare la salute di una persona.

I fiori di Bach sono catalogati in 38 specie, tuttavia i 12 guaritori sono i primi oggetto di studio del dottore gallese ed in particolare:

– Agrimony, per chi cela il proprio tormento dietro una facciata di felicità e cortesia
– Centaury, per chi non sa dire di no e accetta passivamente le decisioni altrui
– Chicory, per chi ama in maniera possessiva e cerca a tutti i costi di essere ricambiato
– Rock Rose, per chi è spesso oggetto di paure e attacchi di panico
– Gentian, per il pessimista che si scoraggia e si deprime continuamente
– Mimulus, per chi teme le cose di ogni giorno dagli eventi più semplici agli oggetti
– Impatiens, per chi non sopporta interferenze e vuole tutto e subito
– Cerato, per chi non crede in se stesso e chiede sempre consigli
– Scleranthus, per chi è indeciso tra due strade e non sa scegliere
– Vervain, per chi è preda di facili entusiasmi
– Water Violet, per chi si rifugia spesso nella solitudine
– Clematis, per chi sogna sempre e vive più nel futuro che nella realtà

Rescue remedy, il rimedio floriterapico più diffuso

 

Rescue Remedy per le emergenzeIl Rescue Remedy è una miscela di fiori di Bach particolarmente utile, soprattutto quando ci si trova in situazioni di emergenza, come forti stress, traumi, svenimenti, attacchi di panico.

Questo rimedio può essere assunto per via orale, ma anche applicato su tempie e polsi ed è costituito da Star of Betlehem (schock), Rock Rose (panico e terrore), Impatiens (calma), Clematis (cedimento prima di svenire), Cherry Plum (perdita del controllo). Si tratta dell’unico rimedio floriterapico disponibile sia in forma liquida che compresse e pomata.

La Rescue Cream è arricchita dal fiore Crab Apple che rende il rimedio applicabile anche a casi di eruzioni cutanee, dolori muscolari, pelle disidratata e altre lievi patologie.

Infine, per quanto riguarda la posologia, i fiori di Bach si assumono 4 volte al giorno, 4 gocce per volta e possono essere deglutiti direttamente o sciolti in una bevanda calda. Il loro utilizzo è efficace anche nel caso di bambini e animali e ciò dimostrerebbe la forza terapeutica dei fiori di Bach al di là del semplice effetto placebo (che si fonda sulla convinzione personale).

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento