Aspen e Fiori di BachFiori di Bach rappresentano delle piante officinali che rientrano nelle cosiddette terapia della Naturopatia e della Floriterapia. In tutto sono 38 specie ed in questo articolo, come in altri successivi e precedenti, andremo a vederne una in particolare, al fine di capirne in maniera più approfondita gli usi e gli effetti; scopri la lista completa dei fiori di Bach.

Oggi tratteremo in particolare la specie Aspen, pianta appartenente alla categoria dei Fiori di Bach che viene utilizzata, secondo il consiglio degli omeopati, per zittire presentimenti ed emozioni legate strettamente a timori futuri, in poche parole, a stati d’ansia.

Contro le paure immotivate, i Fiori di Bach offrono le capacità dell’Aspen

Come dicevamo, l’Aspen, appartenente alla categoria dei Fiori di Bach, è un’albero tipico dell’Europa, del Nord Africa e parte dell’Asia, di statura non molto alta e che fiorisce intorno a Marzo, quando i prati s’imbiancano a causa dei suoi semi lanosi.

Le foglie larghe e frastagliate sono il primo segnale per riconoscere un arbusto di Aspen, le quali, così sottili e leggere, tremolano al primo fiato di vento, quasi fossero mosse da un continuo tremore di paura, l’ennesimo sentimento provato da chi cerca l’aiuto delle sue capacità officinali.

Tra tutti i Fiori di Bach, infatti, l’Aspen viene utilizzato per tutte quelle persone che soffrono di costanti paure immotivate, ovvero quei pazienti che sono scossi giornalmente da numerose fobie del quotidiano, anche le più semplici, le quali possono portare ad attacchi di panico ed insonnia.

A volte, tale stato, secondo gli omeopati, è generato da uno squilibrio delle energie interne e delle motivazioni, le quali creano una plusvalenza di adrenalina la quale, invece che motivare l’individuo, è talmente in eccesso da aggredire il sistema nervoso e farlo crollare in gravosi stati d’ansia.

Effetti dell’Aspen e guarigione attraverso di esso

Aspen e Fiori di Bach contro la pauraFiori di Bach, così, possono rappresentare un’ottima soluzione dove la medicina si ferma a consigliare onerose e, a volte inefficaci, sedute dallo psicologo. L’Aspen, infatti, può portare ad un abbassamento del livello di adrenalina, al fine di calmare il costante lavorio della mente, creatrice di brutti pensieri.

Secondo la scienza orientale dei Chakra, l’Aspen agisce sul terzo ed il settimo punto energetico, al fine di immettere nuova fiducia nell’individuo e maggior sicurezza nei confronti dell’ignoto.

La Posologia Precisa consigliata da molti omeopati per questa particolare specie di Fiori di Bach prevede due gocce di Aspen in una boccetta da 30 ml con con contagocce, la quale viene poi riempita con due cucchiaini di Brandy, oltre al resto del contenuto in acqua.

L’assunzione di tale contenuto deve essere di 4 gocce per quattro volte al giorno, lontano dai pasti e per tre settimane complessive. In più, è consigliato svolgere un piccolo lavoro di autotraining di qualche minuto al giorno dopo l’assunzione, nel quale il paziente deve visualizzare la Nullità delle Proprie Paure, al fine di convincersi che esse non esistono.

A tutti un arrivederci al prossimo appuntamento con i Fiori di Bach!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento