Essere più forti con i Fiori di BachOggi dedichiamo la nostra attenzione, ancora una volta, ai Fiori di Bach, in particolare ad una di quelle specie che viene usata in tutti quei pazienti che si sentono troppo ipersensibili facilmente influenzabili dalle decisioni altrui: il Centaury.

In questo articolo, dunque, vi proporremo l’origini e l’uso di tale estratto, facendovi notare come tra paziente e pianta d’estrazione vi è come una sorta di nesso, una somiglianza quasi spirituale, cosa che rende ancora più efficace l’utilizzo di un’essenza se estratta dal medesimo paziente, come vorrebbe la filosofia tipica dei Fiori di Bach; leggi la lista completa di questi fiori.

Ecco un modo per aumentare la propria sicurezza con i Fiori di Bach

Il Centaury diviene dalla pianta omonima Centaurea, la quale cresce in posti umidi e ben all’interno di una macchia vegetale, quasi come se si vergognasse a farsi notare con facilità. Ciò può dunque presentare delle difficoltà, a volte, di riconoscimento di tale arbusto, per questo sarebbe sempre meglio affidarsi ad un botanico per trovarlo.

Come moltissimi Fiori di Bach, il Centaury viene utilizzato per molti scopi e non solo per curare lo stato emotivo ed energetico di una persona. Infatti, la punta essiccata della sua pianta può essere utilizzata come antipiretico ed antispastico, dove febbre e dolori, a volte, sono segni e sintomi dell’ipersensibile cronico.

Essendo infatti troppo disponibile ad ascoltare gli altri, tanto da farsi sopraffare poi dall’altrui volontà, questo genere di paziente soffre di un livello di insicurezza molto alta, la quale porta un quantitativo ingente e nocivo di stress nella sua vita, cosa che può causare problemi psico-fisici conseguenti.

La sua Volontà di Potenza, ovvero la volontà ad esprimersi ed evolversi, è completamente zittita dall’insicurezza e dalla eccessiva compassione. Per questo, Fiori di Bach come il Centaury, i quali aumentano gradualmente il livello di adrenalina nel corpo senza apportare alcune effetto indesiderato, permettono all’individuo di riacquistare quello che potremo definire come orgoglio interiore.

Sebbene l’empatia e l’interrelazione rimarranno sempre al centro del suo modo di pensare, l’essere, coadiuvato inizialmente dalle caratteristiche fitoterapiche del Centaury, sarà però più motivato nel passare dal ruolo di “consigliato” a quello di “consigliere”, dando più importanza al suo punto di vista.

Smettere i panni dell’anima pavida e divenire un’altruista che sa ciò che vuole

Credere in Sè stessiL’ipersensibilità, molte volte, è il chiaro segno della bontà d’animo di una determinata persona, ma essere buoni può essere a volte una responsabilità molto pesante da soppesare sulle proprie spalle. In poche parole, dimostrandosi disponibili e confacenti, a volte si rischia di cadere vittima degli approfittatori e dei malati di protagonismo.

Questa cura a base di Fiori di Bach ed in particolare di Centaury, può portare la persona a compiere una vera e propria trasmutazione spirituale, rifondando drasticamente le basi del proprio spirito, smettendo così di essere un’anima facile da soggiogare perché troppo buona e divenendo un cuor di leone con fini altruistici.

Il Centaury, ovviamente, non è da considerarsi una pianta magica, ma il primo passo, o meglio, l’assistente che tiene a bada gran parte delle nostre insicurezze mentre ci accorgiamo di essere degli individui come gli altri, dotati come tutti di una propria autocoscienza.

Parlando più tecnicamente di Posologia, questa particolare specie di Fiori di Bach è meglio utilizzarla principalmente alla sera, quando si è tranquilli e si è abbastanza in equilibrio ormonale, al fine che non trovi sostanze antagoniste all’interno dei nostri vasi.

5 gocce prima di addormentarsi sono più che sufficienti al fine di avere un effetto compiuto nel momento di passaggio da veglia a sonno, ma la cosa importante è ricordare che non è il Centaury a creare il nostro orgoglio, ma noi stessi coadiuvati dai suoi effetti all’inizio della terapia.

Sperando ogni volta di darvi dei validi consigli, vi aspettiamo alla nostra prossima rassegna dedicata ai Fiori di Bach!

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento