Il White Chestnut deriva dall’ippocastano ed appartiene al gruppo dei fiori di Bach della sfera dello scarso interesse. Questo fiore si distingue dall’analogo Chestnut Bud per il metodo di estrazione dell’essenza, che in questo caso avviene per solarizzazione e non per bollitura.

Il White Chestnut è un fiore dedicato a chi è ossessionato da pensieri sempre uguali, legati ad un’idea fissa o ad una preoccupazione non risolta. I pensieri vagano sul problema senza trovare soluzione e la mente si offusca: questi soggetti tendono a parlare sempre delle stesse cose, sono nervose e non riescono a concentrarsi né rilassarsi.

Non sai ancora cosa fare del tuo futuro? Prova il fiore di Bach Wild Oat e avrai le idee più chiare.

Tra tutti i fiori di Bach, il White Chestnut è adatto per coloro che non riescono a trovare pace e hanno il cervello sovraccarico, con un chiodo fisso che impedisce la creatività e limita l’energia. In questa situazione viene meno l’equilibrio tra lavoro mentale e corporeo e la floriterapia può essere di supporto nel cercare un nuovo stato di rilassamento.

Fiori di Bach, il White ChestnutIl paziente White Chestnut si ritrova spesso a parlare da solo, fatica a dormire e si preoccupa spesso per il lavoro, rimanendo sempre assorto nei propri pensieri che gli procurano disagio e stati d’ansia.

Vorrebbe liberarsi da questo logorio mentale ma non ci riesce ed è tormentato da problemi per cui non trova soluzione.

Secondo la terapia dei fiori di Bach, un individuo White Chestnut si riconosce anche da alcuni comportamenti esteriori.

Il paziente White Chestnut, infatti, muove le mascelle senza accorgersi e tende ad aggrottare la fronte, è nervoso e può soffrire di dolore agli occhi. Tende sempre a controllare tutto (verifica più volte di avere chiuso porte e rubinetti) e agisce attraverso schemi ricorrenti e ripetitivi.

Queste persone avrebbero bisogno di dedicarsi ad un’attività prevalentemente fisica, per distrarsi dall’eccessivo lavoro intellettuale.

 

I fiori di Bach ed in particolare il White Chestnut risolvono i sintomi di questi pazienti: stress, agitazione, depressione, frigidità, insonnia, fobie, tensioni alle spalle, mal di testa, comportamenti ossessivo compulsivi.

White Chestnut, il fiore che libera la mente

Questo fiore viene somministrato con successo anche ai bambini iperattivi, che soffrono di insonnia e non riescono ad usare la fantasia ed è utilizzato anche per gli animali domestici che presentano delle manie o dei tic (come inseguire la propria coda).

Attraverso i fiori di Bach, i soggetti White Chestnut riescono a trovare un nuovo equilibrio e stato di calma, tornano capaci di guidare i propri pensieri e sviluppano intuito e creatività.

Il White Chestnut può essere associato ad altri fiori di Bach: insieme al Cherry Plum e al Crab Apple combatte le fobie maniacali e la tosse stizzosa, insieme al Pine si allevia il senso di colpa, insieme al Centaury può curare le tossicodipendenze e le dipendenze da affetti e da gioco.

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento