Il Wild Oat è il numero 36 della mappa dei fiori di Bach e corrisponde all’avena selvatica. Appartiene alla sezione dei fiori dell’incertezza ed è il rimedio consigliato a chi non ha definito le proprie ambizioni, si sente scoraggiato e insoddisfatto.

Il paziente Wild Oat è spesso depresso e non vede un proprio posto nel mondo, si sente isolato e ansioso, ha molte idee ma confuse e contraddittorie ed è spesso distaccato dalla realtà.

Combattere l'incertezza con i fiori di BachCon l’aiuto dei fiori di Bach ed in particolare del Wild Oat si possono aiutare anche gli adolescenti che attraversano la fase critica di dover scegliere e decidere del proprio futuro, come del resto si possono curare anche altri disturbi, scopri quali.

Si tratta di soggetti volubili, confusi, che portano avanti più interessi scollegati tra loro. Gli individui Wild Oat cambiano spesso opinione ma anche partner e lavoro, si comportano spesso in modo infantile e immaturo e si sentono frustrati nelle attività quotidiane.

Grazie alla terapia dei fiori di Bach, queste persone iniziano ad individuare dei punti di riferimento e cominciano a programmare i propri compiti e ad eseguirli con costanza e determinazione, portando a termine quanto iniziato. Dall’ozio passano all’azione e la loro identità comincia a delinearsi in maniera sempre più tangibile.

Fiori di Bach, Wild Oat e i soggetti giovani

Il Wild Oat è utilizzato anche sui bambini che non finiscono le loro attività perché si stancano subito, pur rimanendo curiosi e capaci. Questi ragazzini soffrono spesso di problemi alle ghiandole. Gli adolescenti Wild Oat soffrono di vertigini, problemi legati alla sfera sessuale, febbre bassa, nausea, inquietudine, carenze immunitarie e talvolta problemi alimentari come la bulimia.

Il Wild Oat aiuta le persone a ritrovare il proprio talento e a coltivarlo, a concretizzare e a responsabilizzare, a seguire l’intuito e a fare chiarezza dentro e fuori.

 

Essenza di Wild Oat

Tra i fiori di Bach, il Wild Oat può essere utilizzato all’inizio della floriterapia, quando non sono ancora delineati i principali caratteri del soggetto, soprattutto nel caso di persone tranquille e dall’atteggiamento passivo (il fiore Holly ha la stessa funzione per i più attivi e dinamici).

Il Wild Oat può essere utilizzato insieme all’Heather in associazione ad una dieta dimagrante ed insieme al Rescue per stimolare il corpo ad una reazione, dopo un periodo di inerzia e inattività.

Confrontandolo con fiori di Bach dal simile effetto, mentre il soggetto Wild Oat si stanca presto di ogni attività pur iniziandone molte, il Clematis non è mai concreto e si limita a sognare, il Chestnut Bud non impara dalle proprie esperienze e il Larch non inizia nemmeno per paura di non riuscire o di sprecare tempo.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento