Fiori di Bach, 38 rimedi naturaliI fiori di Bach rappresentano una medicina non convenzionale, studiata per la prima volta da un medico gallese, Edward Bach. Secondo questo dottore, ogni individuo ha la capacità innata di diagnosticare e guarire le proprie malattie. I fiori di Bach tuttavia hanno la prerogativa di occuparsi di prevenzione piuttosto che di cura.

Ogni fiore può cambiare ogni sensazione negativa nella sua corrispondenza positiva e durante questa metamorfosi il sintomo della malattia viene eliminato, guidando il corpo verso la guarigione; ma i fiori di Bach possono guarirci veramente?

Fiori di Bach: la classificazione originaria

Il Dr. Bach durante la sua indagine ha identificato 38 fiori di Bach: 12 di questi sono stati definiti “guaritori”, vediamoli più nel dettaglio.

1. Clematis, il fiore di chi vive in un mondo fatto di sogni e fantasticherie piuttosto che nella realtà
2. Water Violet, indicato per chi fatica a rapportarsi con gli altri e si rifugia nella solitudine
3. Vervain, consigliato per chi si fa prendere spesso da facili entusiasmi
4. Sclerantuhs, prescritto a chi non riesce a prendere decisioni e si ferma davanti anche a semplici bivi
5. Cerato, il fiore di chi vive nell’insicurezza e chiede sempre agli altri cosa è meglio fare
6. Impatiens, indicato per chi sa accettare consigli e interferenze e cerca di ottenere tutto e subito

7. Mimulus, consigliato a chi soffre di fobie e paure frequenti, immotivate ed esagerate
8. Gentian, prescritto al pessimista e al perenne depresso
9. Rock Rose, il fiore di chi è soggetto di attacchi di panico
10. Chicory, indicato a chi vive l’amore con possessività e ossessione
11. Centaury, consigliato a chi non riesce a dire di no e accetta le decisioni altrui passivamente
12. Agrimony, prescritto a chi vuole apparire sereno e cortese ma nasconde un grande tormento interiore

Rescue Remedy, cos’è e a cosa serve

 

Rescue Remedy, un potente mix florealeIl Rescue Remedy è una interessante miscela di fiori di Bach, utile in casi di emergenza come shock, traumi, attacchi di panico, stress di varia origine. Gli ingredienti della classica versione in gocce sono lo Star of Betlehem, il Rock Rose, il Cherry Plum, il Clematis, l’Impatiens, mentre nel formato in pomata è presente anche il Crab Apple, che rende il rimedio attivo anche contro patologie cutanee, irritazioni, lievi dolori muscolari.

I fiori di Bach vanno assunti ogni volta che se ne avverte il bisogno: in generale la posologia prevede 4 gocce, per 4 volte al giorno, senza particolari definizioni di orario.

In conclusione, nonostante non ci siano fondamenti scientifici che riconoscano l’efficacia dei fiori di Bach, i sostenitori ritengono che vadano ben oltre l’effetto placebo, dimostrato da casi di successo con protagonisti animali e bambini.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento