Iridologia tra pratica e aneddotiL’iridologia è una scienza diagnostica fondata da Ignazio Von Peczely, un medico omeopatico di origine ungherese e basata sulla osservazione dell’iride. Von Peczely pubblicò il primo testo sull’iridologia nel 1880 e illustrò tale tecnica soprattutto attraverso aneddoti.

Il più noto di questi riguarda un’osservazione del fondatore che aveva notato una macchia scura nell’occhio di una persona che doveva essere operata per una frattura ad una gamba, del tutto simile a quella osservata in un altro paziente che aveva subito il medesimo trauma.

Una delle mappe più note ed utilizzate è quella disegnata dal Dr. Jensen, un acclamato ed entusiasta iridologo americano secondo cui le nostre iridi “sono come un televisore in miniatura che trasmette molte più informazioni rispetto quante la medicina tradizionale ne possa ricavare con i propri metodi”.

La teoria, che si fonda sull’assunto per cui gli occhi sono lo specchio del corpo, ha da sempre avuto un buon numero di sostenitori che già aderivano a chiropratica, agopuntura, omeopatia, naturopatia, mentre ha sistematicamente trovato l’opposizione della medicina scientifica e dei suoi rappresentanti.

L’iridologia è un metodo che rientra nella branca delle cure alternativa, come del resto la floriterapia; scopri i principi del metodo dei fiori di Bach.

Iridologia: gli occhi sono lo specchio del corpo

Ogni iride rappresenta una vera e propria mappa dell’organismo: ogni volta che il corpo soffre un problema di salute, nell’iride compaiono delle alterazioni tipiche (nascita di macchie, cambiamento di colore o della trama).

Le informazioni ricavabili dall’iride riguardano l’organo colpito e non consentono di identificare l’esatto tipo di malattia: in questo senso l’iridologia assomiglia alla chiropratica (studio della manipolazione) e all’auricoloterapia (osservazione e manipolazione delle orecchie).

L’iride mantiene la tracce di tutto ciò che accade all’organismo e quindi sia le malattie pregresse che le predisposizioni ad ammalarsi. Le fibre nervose che connettono l’occhio agli organi sarebbero i canali attraverso cui si manifestano le variazioni.

I segni dell’iride

 

Tutti i segni dell'irideOgni iride viene suddivisa in quadranti e circonferenze: i segni dell’iride mostrano situazioni infiammatorie, cambiamenti legati allo stress, accumuli di scarti metabolici, capacità reattive, stile di vita, alimentazione e le già citate tendenze patologiche.

Secondo i suoi sostenitori, nonostante l’iride consenta di individuare semplicemente l’organo ammalato, ha il vantaggio di restringere il campo per altre tecniche mediche ed evitare al paziente esami inutili e invasivi in parti del corpo non coinvolte nel processo patogeno.

La medicina tradizionale conosce il legame tra salute e modificazioni dell’iride ma nega la possibilità di parlare di mappe e topografie così precise e dettagliate. Inoltre alcuni principi sostenuti dagli iridologi appaiono privi di fondamento, come quello secondo cui chi ha gli occhi azzurri è assolutamente sano.

Nonostante numerosi studi clinici l’iridologia è per lo più considerabile una pratica aneddotica la cui funzionalità è estremamente legata alla fiducia nel proprio terapeuta.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento