fiori di bach contro l'ansiaC’è ansia ed ansia. Siamo abituati a dire “sono in ansia!” con una certa libertà, ma gli stati ansiosi si differenziano l’uno dall’altro per un’ampia gamma di fattori.

Contro l’ansia intervengono in modo efficace i fiori di Bach, ciascuno adatto ad un “tipo” specifico di ansia; questo metodo curativo alternativo viene utilizzato da molte persone e per diversi disturbi della salute; ecco i fiori di Bach per prevenire l’influenza.

Fiori di Bach contro l’ansia

L’ansia è un meccanismo fisiologico di difesa, che attiva l’organismo nell’imminenza di un pericolo reale o percepito. Quante volte, però, la causa della reazione ansiosa è soltanto nella nostra immaginazione?

Per tutte queste circostanze esistono fiori di Bach specifici, da utilizzare liberamente ed assumere diluiti o

Quando l’ansia è apprensione per i propri cari (figlio, moglie, marito & co), accompagnata da ideazioni di disgrazie o simili, il fiore indicato è Red Chestnut, l’ippocastano rosso, che aiuta chi soffre eccessivamente per gli altri caricandosi di premure e apprensioni.

I fiori più indicati per l’ansia generica o specifica

 

l'ansia e i fiori di bach

Red Chestnut aiuta a ristabilire la calma e la serenità, orientando ad un’attenzione non invasiva e non apprensiva, ma dolce e accogliente, fiduciosa.

Quando invece l’ansia è indefinita, non riconducibile a causa nota, si utilizza Aspen, un fiore molto indicato per gli inquieti, i sensibili, le persone che percepiscono in ogni situazione una potenziale minaccia. Aspen ri-orienta l’attenzione dell’inquieto verso il nuovo ed il positivo, aiutando a superare le paure e le inibizioni.

In caso di ansia generalizzata si possono associare ad Aspen due fiori himalayani, Clarity e Well Being, ma anche il fiore californiano Queen’s Anne Lace.

L’opposto di Aspen, l’ansia specifica e definita, è trattata soprattutto con Mimulus. L’ansia specifica è tipica di chi teme l’aereo, non vuole prendere l’ascensore o viene assalito da timori e palpitazioni prima di parlare in pubblico, con riflessi fisiologici spesso a livello intestinale. Mimulus riporta la calma, ristabilisce il contatto con il prossimo ed il mondo, aiuta a ritrovare la comunicazione.

Non vi riconoscete in nessuno dei fiori su indicati? Allora provate Chicory se l’ansia per figli o partner non è accompagnata da pensieri di morte ma da aspettative e bisogni individuali. Oppure Elm o Agrimony se l’ansia è da prestazione, legata ad una bassa autostima e a pensieri debilitanti.

Per attacchi d’ansia improvvisi, invece, c’è sempre il Rescue Remedy.

Una raccomandazione: i fiori di Bach possono essere un valido sostegno, ma questo non ci autorizza a dipendere nevroticamente dai rimedi. Il rimedio è un aiuto, non una medicina, può aiutarci ad essere presenti a noi stessi ed ascoltarci, ed è questo l’aspetto che bisogna valorizzare.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento