Attualmente si  sente parlare spesso di antagonismo tra medicina alternativa e medicina allopatica ignorando il fatto che una sinergia tra le due possa veramente essere  risolutiva di problematiche serie e di disturbi comuni.L’utilizzo della omeopatia nei bambini sicuramente inasprisce il confronto.

Infatti l’omeopatia nei bambini, come tutto ciò che riguarda i nostri piccoli, sta particolarmente a cuore ai genitori sopratutto se abbinata o da sola può risolvere malanni anche non gravi; ecco a cosa può servire la terapia omeopatica nei bambini.

Ma in che modo l’omeopatia nei bambini puo’ tornare utile e soprattutto per quali casi?

cura per omeopatia bambiniC’è da dire che l‘omeopatia così come tutte le cure alternative “vibrazionali”, come possono essere anche i Fiori di Bach, offrono uno spunto interessante soprattutto nei bambini.

Questo perchè il loro organismo non è ancora intossicato da scarti di medicine, alimenti poco sani e da pensieri negativi che possano influenzare la loro psiche. Il loro mesenchima, ovvero il loro tessuto embrionale, risulta “pulito” e pertanto permette una maggiore ricezione sia dei farmaci omeopatici che dei fiori di bach.

Ricordiamo, inoltre, di  come l’omeopatia agisca su entrambi gli effetti sia fisici che emotivi di un individuo adulto e quindi a maggior ragioni di neonati e bambini.

Tra i rimedi più usati, per esempio contro la comune sindrome influenzale, c’è sicuramente l’Anas Barbariae meglio conosciuto come Oscillococcinum, che risulta essere un buon rimedio sia per la prevenzione, sia per la cura dell’influenza.

Sempre in termini preventivi non dimentichiamo la pianta di echinacea che fortifica di molto il sistema immunitario e pertanto si consiglia sempre di assumerla nei cambi di stagione, soprattutto in autunno, quando oltre al freddo si aggiunge anche la frequenza di ambienti a rischio quali asili nido, scuole materne etc.

Per la tosse invece può risultare un valido alleato Byronia 9 ch, Rimex crispus 5 ch e Pulsatilla 9 ch.

In aggiunta a questi rimedi omeopatici si consiglia anche rame oro e argento,oligoelementi fondamentali, sia per il corretto funzionamento del sistema immunitario sia per un ausilio in termini di umore durante la malattia.

Si viene quindi alla conclusione sul fatto che bisogna necessariamente fare un distinguo tra disturbi più o meno gravi.

 

Molti pediatri che utilizzano l’omeopatia per i bambini riescono a far fronte in maniera agevole ai più comuni disturbi come possono appunto terapia invernale omeopatia bambiniessere il raffreddore, la tosse o una leggera sindrome influenzale.

Nei casi invece più complessi o di una aggressione patogena più importante sarà l‘esperienza del professionista a consigliare i rimedi nel modo migliore. In questi ultimi casi l’ideale sarebbe quello di trovare una azione sinergica tra le due medicine e finalmente superare questa inutile diatriba che ormai si trascina da anni.

Non dimentichiamoci infatti che tutte le medicine alternative e  esprimono il loro massimo potenziale in termini preventivi e non risolutivi del problema ed è proprio per questa ragione che si consiglia, soprattutto nell’utilizzo della omeopatia per i bambini, sempre una preventiva visita presso il nostro medico omeopata di fiducia.

 

 

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento