Curare con omeopatia, benessere naturaleÈ possibile curare con omeopatia tutte le malattie che colpiscono l’uomo, o almeno questo è ciò che sostengono i più acclamati terapeuti e studiosi di tale disciplina.

Chi vuole curare con omeopatia sappia che l’oggetto della terapia è sempre la persona, non la malattia: tale affermazione è tutt’altro che una sottigliezza o una provocazione, dato che è lo scopo originario dell’omeopatia.

Per molti questo metodo alternativo è maggiormente funzionale nell’ambito della prevenzione piuttosto che per la cura; scopri l’omeopatia come metodo preventivo.

Curare con omeopatia: equilibrio e rimedi

L’omeopata può curare l’ansia, l’emicrania, la lombalgia, l’asma, malattie croniche e acute, depressione, ulcere e via dicendo. La malattia è uno stato transitorio o persistente in cui il soggetto vive una condizione di squilibrio: il mal di testa stesso è un sintomo di tale condizione e il rimedio omeopatico vuole ripristinare l’equilibrio e con esso il benessere.

Ribadiamo dunque che il campo di applicazione dell’omeopatia riguarda l’intera medicina tradizionale con il solo limite della chirurgia, i cui problemi, talvolta, l’omeopata crede di poter risolvere senza bisturi.

Il farmaco omeopatico si prepara a partire dalla sostanza base che deriva dal regno vegetale, animale, minerale; tale sostanza viene diluita e sottoposta ad una serie di dinamizzazioni (scosse ritmiche). Ogni rimedio contiene la sostanza iniziale in quantità così diluita da essere priva di qualsiasi tossicità, pur mantenendo la capacità curativa originaria. Il numero di diluizioni e dinamizzazioni è indicato dal numero presente sulla confezione del rimedio omeopatico.

Il vero omeopata non si limita a prescrivere i farmaci ma cerca di comprendere il significato della malattia e conoscere il proprio paziente

 

Rimedi omeopatici per la saluteLa legge dei simili su cui si basa l’omeopatia è stata teorizzata circa un secolo fa da Christian Samuel Hahnemann, un medico tedesco. Tale principio dice che ogni sostanza può guarire i sintomi che può causare in una persona sana: una sostanza somministrata ad una persona senza problemi fisici può generare una serie di conseguenze fisiche e mentali, una sorta di malattia artificiale che regredisce in maniera spontanea.

Attraverso numerose sperimentazioni dirette, gli omeopati hanno descritto tutti i sintomi soggettivi e oggettivi, raccogliendoli in speciali guide che possono essere consultate per sintomo.

Quando è consigliabile recarsi dall’omeopata? La risposta più corretta è “ancora prima di nascere” perché l’omeopatia è la migliore tecnica preventiva per ogni malattia. Sin dal concepimento è possibile fare in modo che un problematico bagaglio genetico risulti meno dannoso per il nascituro. L’obiettivo è dunque quello di trovare una soluzione prima che ogni disturbo, per quanto lieve sia, si strutturi in una malattia cronica o complessa (compresi i tumori).

Curare con omeopatia significa aiutare il corpo a ritrovare il proprio equilibrio ed aumentare la naturale capacità di reagire e guarire: sopprimere semplicemente il sintomo significherebbe spegnere la spia che segnala il problema della nostra automobile, senza verificare quel che non funziona.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento