Esistono molte cure naturali per il raffreddore. Il raffreddore è una malattia virale particolarmente contagiosa che prende il nome di rinite acuta, in genere causata dal Rhinovirus: i suoi sintomi non andrebbero mai sottovalutati in quanto potrebbero anticipare una sindrome influenzale o parainfluenzale.

Le cure naturali per il raffreddore seguono i tre stadi della malattia.

Esempi di cure naturali per il raffreddoreLa fase iniziale del raffreddore è rappresentata da starnuti, naso che cola, lacrimazione, malessere generale, mal di testa.

In questo stadio è opportuno assumere rimedi omeopatici come lo “Sticta Polmonaria 7CH” e il “Nux Vomica 7CH“, 3 o 4 volte al giorno, 5 granuli alla volta.

Nel secondo stadio della malattia (fase di stato) il naso risulta ancora più ostruito, il muco è chiaro e gli starnuti sono sempre più frequenti. L’omeopata può prescrivere delle cure naturali contro il raffreddore come 5 granuli (per 4 volte al giorno) di “Kalium Muriaticum 7CH” in presenza di muco, e 5 granuli tre volte al giorno (in presenza di prurito nasale) del “Kalium Bichromiucum 7CH“.

Quando la rinite è in fase di risoluzione, il sintomo più riconoscibile è la presenza di muco fluido e giallastro senza prurito: in questo caso può essere prescritto il “Pulsatilla 9CH” da assumere una volta al giorno nella misura di 5 granuli. In alternativa l’omeopata può consigliare il “Mercurius Solubilis” se il soggetto è particolarmente spossato e tende a sudare di giorno e di notte.

Altre cure naturali per il raffreddore sono rappresentate dai globuli di “Oscillococcinum” e dalla “Corylia“, di cui si può assumere un confetto ogni ora, allungando le tempistiche man mano che i sintomi migliorano. Esiste anche un farmaco omeopatico da applicare localmente se la rinite è provocata da irritazione, “l’Homeoplasmine“.

Ma queste terapie omeopatiche funzionano o si tratta solo di un’effetto placebo?

Oltre ai rimedi omeopatici adatti per ogni età e privi di effetti collaterali, esistono altre cure naturali per il raffreddore, che quindi non prevedono l’utilizzo di farmaci allopatici (di medicina tradizionale).

Curare il raffreddore senza le medicine tradizionaliIl raffreddore degli adulti può essere curato anche con l’Echinacea, una pianta immunostimolante venduta in soluzione acquosa o alcolica, oppure un decotto balsamico dopo ogni pasto e prima di coricarsi, o ancora dei suffimigi a base di olio essenziale (come eucalipto e pino di ottima qualità).

Per facilitare la respirazione può essere utile arricchire i propri pasti con peperoncino ed altre spezie, senza abusarne.

Se la rinite è accompagnata dalla tosse, il miele può essere un toccasana così come una spremuta fresca di arancia, ricca di vitamina C.

 

Tra le cure naturali per il raffreddore può essere utile umidificare l’ambiente principale della casa (con umidificatori elettrici o i semplici contenitori di ceramica applicati ai termosifoni); è importante anche bere molta acqua, bere brodi vegetali, ridurre l’assunzione di zuccheri, latte, dolci che aumentano la secrezione di muco.

Un espediente meccanico da associare alle precedenti cure naturali per il raffreddore è rappresentato dal cerotto nasale. Si tratta di un piccolo dispositivo adesivo che tende a dilatare le narici favorendo la respirazione (soprattutto di notte) anche in caso di naso chiuso.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento