Omeopatia e medicina si differenziano per alcune concezioni che riguardano l’interpretazione dell’uomo e della sua salute.

Secondo la medicina omeopatica, la salute coincide con l’equilibrio dell’energia vitale, mentre la malattia corrisponde allo squilibrio di questa forza interiore. Nel momento in cui un agente esterno (batteri, clima, stress, farmaci…) altera l’energia, si generano i sintomi psichici o fisici, attraverso cui l’energia cerca di trovare nuovamente un punto di equilibrio; ma cosa c’è dentro i prodotti omeopatici?

La medicina tradizionale, detta anche allopatica, considera la salute esclusivamente come l’assenza di sintomi fisici o mentali.

Curarsi con omeopatia e medicina tradizionaleOmeopatia e medicina vedono il sintomo come rispettivamente un importante segnale di riequilibrio e come invece qualcosa da eliminare.

Secondo l’omeopatia il sintomo va assecondato e non soffocato, attraverso l’uso di un rimedio simile che aiuta a ritrovare l’equilibrio della energia interna. Nella medicina tradizionale il sintomo deve essere cancellato per ripristinare lo stato di benessere.

Anche a livello di diagnosiomeopatia e medicina sono piuttosto differenti. Nella medicina convenzionale la diagnosi si svolge attraverso esami clinici che evidenziano ogni più piccola anomalia a livello chimico, molecolare e atomico e tende alla ricerca del particolare, del dettaglio specifico.

L’omeopatia ritiene però che in questo modo si lavori con attenzione al piccolo ma si perda di vista il tutto. In omeopatia infatti, la diagnosi corrisponde all’analisi dello stato energetico di ogni persona (come la capacità di reagire alle difficoltà, la tendenza ad ammalarsi, lo status mentale, la visione del mondo…).

La diagnosi omeopatica non si ferma allo studio del corpo ma prende in considerazione anche l’aspetto sociale in cui il soggetto vive, sviluppando una visione allargata e completa.

La guarigione è interpretata differentemente in omeopatia e medicina.

Secondo la medicina allopatica, la guarigione coincide con la scomparsa di ogni sintomo, che viene contrastato attraverso l’assunzione di farmaci.Se il paziente soffre di diversi sintomi, ognuno di questi è trattato con una medicina specifica e con l’aiuto di un medico specializzato per ogni parte o organo del corpo.

Se durante la cura compaiono nuovi sintomi, anche questi sono trattati come una nuova malattia da combattere.

Il rimedio omeopatico è stabilito dal medico solo a seguito di un colloquio approfondito. Attraverso il colloquio sono prese in considerazioni tutte le variabili che descrivono ogni sintomo: l’orario in cui appare, l’umore del soggetto, il sonno, il rapporto con l’alimentazione e così via. In questo modo l’omeopata ricrea un quadro preciso della persona che ha davanti e individua il più adatto rimedio per riequilibrare l’energia vitale.

In omeopatia non sempre la scomparsa del sintomo equivale a guarigione, che si ottiene solo quando il corpo e lo spirito ritrovano la loro sinergia.

 

Solo quando il riequilibrio è completo, i sintomi spariscono completamente. L’omeopatia guarisce i sintomi più lentamente ma cerca di risolvere il problema dalla sua origine.

Farmaci tradizionali o rimedi omeopatici per la propria saluteNella medicina tradizionale il sintomo doloroso curato con un antidolorifico scompare nel giro di breve tempo, ma può tornare.

Attraverso il rimedio omeopatico, invece, si tenta di prevenire una nuova manifestazione del medesimo malanno.

Energia, contesto sociale e analisi della persona corrispondono alle basi dell’omeopatia, che cerca di offrire una soluzione preventiva per il futuro.

La medicina allopatica, scandita da analisi approfondite, sintomi da eliminare e cure specifiche, offre una soluzione più immediata al problema, ma tendenzialmente non risolutiva.

In conclusione, omeopatia e medicina tradizionale hanno il medesimo campo di azione ma diversi presupposti: si occupano entrambe del benessere dell’uomo ma lo fanno partendo da due differenti visioni della salute e dello scopo della scienza medica.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento