Curarsi con la terapia omeopaticaLa terapia omeopatica può curare ogni patologia trattabile con la medicina tradizionale (nota anche come medicina allopatica). Esistono molte malattie che vengono stabilmente debellate, quando sono trattate con l’omeopatia, come ad esempio le allergie, le bronchiti croniche, l’asma, l’epilessia, le malattie autoimmuni, le artrosi e addirittura i tumori.

La terapia omeopatica riesce inoltre a contrastare in tempi brevi gastroenteriti, infezioni, coliti, dolori articolari e infiammazioni, scoprine tutte le caratteristiche.

La terapia omeopatica è definita olistica, poiché si concentra prima sull’individuo e poi sulla malattia.

Quando il soggetto presenta una situazione di equilibro tra fisico e psiche, il suo organismo è in grado di contrastare stimoli esterni avversi. Quando questo equilibrio viene a mancare, si manifestano delle reazioni che coincidono con le malattie e i relativi sintomi.

Secondo la terapia omeopatica, i sintomi sono le manifestazioni del disequilibrio interno: diventa quindi fondamentale analizzare sia gli effetti della malattia in corso e tutte le altre manifestazioni (non solo quelle patologiche) che disturbano il sistema del corpo umano.

La grande efficacia della terapia omeopatica deriva dal “principio fondamentale del simile“: i laboratori omeopatici individuano ed isolano alcune sostanze (di derivazione animale, vegetale o minerale) in grado di produrre in soggetti sani gli stessi effetti della malattia.

Per chiarire il concetto con un esempio, basti pensare agli effetti che una cipolla tagliata a metà può produrre nel nostro corpo: lacrimazione e rinite (in caso di inalazione) coincidono con la sintomatologia di un normale raffreddore, pur essendo in questo caso presenti in un soggetto assolutamente sano.

Omeopatia, prima l'uomo poi la malattiaLe sostanze contenute in questo ortaggio vengono utilizzate dagli omeopati in soluzioni particolarmente diluite, per stimolare il sistema immunitario a combattere la patologia, senza provocarla direttamente.

L’omeopatia è priva di effetti collaterali ed è in grado di contrastare la malattia già dopo poche ore dalla prima assunzione.

 

Grazie a tutte queste caratteristiche, la terapia omeopatica risulta particolarmente utile per trattare le malattie nei bambini (allergie, malattie da raffreddamento, stitichezza).

I neonati e i bambini, infatti, sono soggetti particolarmente reattivi a questo tipo di cura, poiché i loro organismi non sono contaminati dall’uso di medicine (come al contrario può essere il corpo di un adulto).

La somministrazione avviene tramite un numero di gocce variabile a seconda dell’età e viene portata avanti secondo le indicazioni dell’omeopata. I vantaggi di questo tipo di medicina consistono nella forte personalizzazione di ogni rimedio, la cui posologia viene definita a seconda del paziente, e nel rapporto di fiducia che si instaura tra terapista e malato.

Chi sostiene che l’omeopatia consista unicamente in un mero effetto placebo (poiché i farmaci omeopatici non contengono principi attivi) non può però spiegare la dimostrata efficacia che questa particolare medicina non convenzionale riflette su soggetti difficilmente influenzabili (bambini e animali).

La terapia omeopatica rappresenta una valida alternativa alla medicina tradizionale e grazie all’assenza di effetti collaterali e alla proprietà di stimolare l’autoguarigione, costituisce la medicina del futuro, alla portata di tutti e davvero risolutiva per tanti problemi di salute.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento