I segreti per parlare in pubblico senza stressParlare in pubblico senza stress è possibile: con una buona preparazione e un lavoro sulla propria autostima, imparerai a gestire critiche, osservazioni e imprevisti.

Parlare in pubblico è una delle paure più diffuse: quando ci troviamo di fronte a molte persone ci sentiamo inadeguati e la folla diventa un ostacolo apparentemente insormontabile.

Lo stress derivante da una vasta platea di ascoltatori deriva per la quasi totalità dal timore dal giudizio della stessa su di noi, ecco quindi le strategie per parlare in pubblico senza paura.

Ecco per te alcuni semplici ma efficaci consigli per superare la paura di parlare in pubblico

Il primo step è ottimizzare la preparazione del testo: possiamo scriverlo su un foglio più volte, meglio se di pugno (in modo che venga memorizzato più facilmente) e poi ripeterlo più volte ad alta voce.

Non serve imparare a memoria i termini: ciò che conta è saper esprimere i concetti, dimostrando sicurezza sull’argomento. Possiamo anche farci ascoltare da qualche persona fidata, oppure posizionarci davanti ad uno specchio per verificare mimica e gestualità.

Se hai molta paura di dimenticare alcune parti del discorso, puoi portare con te degli appunti o una traccia di ciò che devi dire: questo espediente sarà quasi obbligatorio per lunghi monologhi.

Ad ogni modo ti accorgerai che con l’esperienza acquisirai sempre più fiducia in te stesso, tanto da non avere bisogno di consultare i tuoi fogli. Basterà sapere di averli a disposizione, ma ti capiterà di guardarli sempre più di rado.

Il secondo importante consiglio per affrontare serenamente il pubblico, è guardare negli occhi una singola persona in platea. In questo modo ci sembrerà di doverci confrontare con un unico interlocutore, rendendo più facile l’esposizione e riducendo lo stress.

Il pubblico non è altro che un insieme di persone: guarda negli occhi uno solo dei tuoi interlocutori, per ridurre lo stress

 

Preparazione e autostima: ecco come sconfiggere la paura del pubblicoUn ottimo esordio per il discorso di ogni neo oratore è ammettere i propri timori: in questo modo si esorcizzano le proprie paure, si catturano le simpatie del pubblico e si dimostra la propria umiltà. È inoltre importante non forzare la propria personalità: inutile inserire nel discorso battute e aneddoti che non ci appartengono. Risulteremmo solamente innaturali o addirittura ridicoli.

La platea va conquistata con la sicurezza: se sai padroneggiare la tua materia con passione, ti verrà naturale creare esempi e collegamenti che manterranno alta l’attenzione dei tuoi ascoltatori.

Ricorda inoltre che difficilmente il tuo discorso sarà perfetto: per quanto tu lo possa preparare, sul palco può succedere di tutto. Puoi avere un vuoto di memoria, il microfono può smettere di funzionare, qualcuno può interromperti perché ha scordato di spegnere il telefonino: ma tutto ciò non rappresenta un dramma!

Stempera la tensione e sfrutta ogni imprevisto a tuo vantaggio: chi ti ascolta rimarrà affascinato dalla tua prontezza, oltre che dalla tua preparazione.

Un ultimo piccolo trucco per mantenere elevato il livello di ascolto è creare una sorta di mappa del tuo discorso. Prima di entrare nel vivo del monologo, spiega punto per punto i passaggi chiave che andrai ad affrontare e richiamali durante l’esposizione. Il tuo pubblico saprà in anticipo come imposterai la presentazione e riuscirà a seguirti al meglio.

La disinvoltura e la sicurezza in te stesso si possono acquisire con pratica e convinzione. Con questi piccoli accorgimenti potrai imparare a parlare in pubblico e a superare ansie e stress: in breve tempo diventerai un oratore apprezzato!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento