I simboli Reiki del secondo livello consentono di operare a distanza nella pratica del Reiki di Usui, dopo aver ricevuto l’armonizzazione del Secondo Livello. Con i simboli  reiki, associati ciascuno ad un mantra, si può praticare Reiki oltre lo spazio ed il tempo, ad un livello ancor più profondo rispetto alle pratiche base del Primo Livello.

I tre simboli Reiki del secondo livello

simboli reiki del secondo livelloChoku-Rei, il primo simbolo, ha l’aspetto di una spirale “tagliata” da una mezza T verticale. Rappesenta il potere, la forza, ma anche più in generale il flusso dell’energia. È un simbolo di apertura, una “chiave” per aprire e chiudere le sessioni di Reiki a distanza, e può essere disegnato sia in senso orario che antiorario.

Alcuni associano il lavoro con Choku-Rei ai primi 3 chakra, partendo da muladhara in basso.

Choku-Rei è considerato un simbolo molto potente perchè aiuta a canalizzare energia in caso di debolezza psicofisica, ma ha anche la funzione di proteggere dalle energie negative e di “depurare” un ambiente da influssi poco positivi.

Si utilizza tracciandone il disegno nell’aria o sulla persona interessata con le dita, esattamente come accade per gli altri simboli.

Sei-Heki (o Sei He Ki), il secondo tra i simboli Reiki del secondo livello, è rappresentato con due linee che arrivano quasi a toccarsi. È il simbolo dell’armonia, della calma, della pacificazione, un potente attivatore per liberarci da blocchi energetici, antichi conflitti e difficoltà emotive.

Raggiunge l’inconscio della persona da trattare, fino a toccare nodi importanti della sua storia personale.

Hon Sha Ze Sho Nen, il terzo simbolo Reiki, ha un disegno più complesso dei precedenti, essendo composto da ideogrammi. Grazie a questo simbolo si bypassa lo spazio-tempo per “connettersi” a distanza con persone e situazioni, su diversi piani della realtà.

A un livello superiore Hon Sha Ze Sho Nen è il simbolo dell’Uno-Tutto, della non differenziazione.

Simboli Reiki del secondo livello e visualizzazione

 

terzo simbolo reikiPer l’utilizzo dei simboli Reiki di Secondo Livello si ricorre al disegno in aria, eseguito con le mani, ma soprattutto al disegno mentale, visualizzato ad occhi chiusi tratto dopo tratto. La visualizzazione è molto importante per padroneggiare il Reiki di Secondo Livello, e consente ai praticanti più avanzati di rappresentare mentalmente l’intero simbolo in una sola immagine, istantanea.

Nel momento del contatto con il simbolo, per ogni disegno, va ripetuto come un mantra il nome del simbolo stesso per 3 volte. Dopo il contatto iniziale, poi, la frequenza di ripetizione del mantra è libera.

Ricordiamo che la pratica del Reiki è inefficace senza aver ricevuto l’armonizzazione ai livelli corrispondenti.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento