Riposo e relax, rappresentano senza dubbio la chiave per affrontare al meglio i ritmi serrati della vita quotidiana: gli stili di lavoro contemporanei, lo stress, gli impegni in famiglia, il traffico cittadino; rischiano di assorbire tutte le nostre forze, causando ansia, depressione e compromettendo nel lungo periodo il nostro benessere. Le soluzioni chimiche e farmacologiche, il cui utilizzo è sempre più diffuso, non aiutano sicuramente.

Il loro effetto temporaneo “inganna” il corpo ma non evitano il progressivo logoramento psico-fisico. Gli unici rimedi efficaci, restano quelli naturali, perché nessun prodotto può supplire a uno stile di vita sbagliato, e niente riesce a ricaricare le nostre batterie come riposo e relax naturali.

Quali sono, dunque, le soluzioni più efficaci che gli esperti salutisti consigliano per ottenere e mantenere il pieno benessere? Innanzitutto è necessario rispettare un giusto rapporto tra veglia e sonno. Secondo recenti studi, circa il 20% della popolazione italiana lamenta disturbi del sonno, che si manifestano attraverso una frequente difficoltà ad addormentarsi e ripetuti risvegli notturni.

Tali problemi, se da una parte possono essere considerati fisiologici  dopo i sessanta anni, dall’altra determinano una condizione di squilibrio che influenza notevolmente la vita diurna di chi ne soffre. Prima di ricorrere a farmaci o integratori per ovviare al problema, sarebbe opportuno provare a seguire alcune semplici regole comportamentali; relax e benessere sono importanti per la salute.

Riposo e relax: ecco i suggerimenti da prendere in considerazione per vivere meglio

i consigli da seguireIl primo suggerimento proposto dagli specialisti dell’AIMS (Associazione Italiana Medici del Sonno), è quello di mantenere uno stile di vita regolare, coricandosi e svegliandosi sempre alla stessa ora; ed evitando di dormire “troppo”, oltre cioè quelle che sono le naturali esigenze del nostro corpo per recuperare le energie.

Altrettanto importante è l’ambiente nel quale ci riposiamo: il miglior relax si ottiene in una stanza buia, silenziosa e dotata di una temperatura confortevole, né troppo elevata né troppo bassa (18°- 20° circa).

Anche il materasso ha un ruolo fondamentale per avere un riposo davvero soddisfacente: gli esperti consigliano di usare materassi contenenti almeno l’85% di lattice naturale e che siano sufficientemente “duri” ma non troppo alti, in modo che la colonna vertebrale possa mantenere una posizione quanto più naturale possibile.

Altri fattori essenziali che determinano il giusto riposo sono l’attività fisica e l’alimentazione. Per dormire bene, è necessario non fare pasti serali particolarmente ricchi e abbondanti, ma al tempo stesso, evitare di andare a letto affamati; durante il pomeriggio, inoltre, è sconsigliabile assumere sostanze eccitanti quali la caffeina o bere alcolici, che rendono il sonno inquieto e frammentato.

L’attività fisica, si sa, aiuta a mantenersi in forma e ad allungare le proprie aspettative di vita; meno conosciuti, invece, sono gli effetti dello sport sul riposo:  una giusta dose di movimento durante la giornata, stimola il metabolismo e i relativi processi cellulari e favorisce un sano sonno naturale. Bisogna evitare, però, di fare sport subito prima di coricarsi, perché in tal caso “l’eccitazione” dovuta alle endorfine rilasciate sarebbe controproducente per ottenere il pieno relax.

Non solo medicina tradizionale o alternativa, ma anche i classici rimedi della nonna

 

la natura che ci aiutaCi sono poi i classici “consigli della nonna”, spesso sopravvalutati ma comunque dall’indiscutibile efficacia. Provate dunque a bere una bevanda calda per conciliare il sonno o anche un bel bagno rilassante subito prima di mettersi a letto: distenderà la muscolatura e avrà un sicuro effetto corroborante, tanto per il corpo quanto per la mente.

Se seguendo questi consigli ancora non riuscite a ottenere un riposo del tutto soddisfacente, prima di passare a soluzioni chimiche e farmacologiche, raccomandabili esclusivamente nel caso in cui il disturbo sia particolarmente debilitante e protratto nel tempo, vi suggeriamo di valutare attentamente le alternative naturali derivanti dalla cosiddetta “medicina alternativa”.

In questo campo, molte sono le sostanze che possono fare al vostro caso e tutte con effetti indesiderati molto leggeri o praticamente nulli. Camomilla, valeriana, biancospino, passiflora, sono solo alcuni fra i più noti rimedi naturali che la comunità scientifica comunemente considera come valide alternative ai farmaci tradizionali, se assunti (normalmente sotto forma di bevande o infusi) quando si ha bisogno di un riposo completo e appagante, anche se la loro efficacia tende a diminuire in caso di uso prolungato.

Discorso a parte merita la melatonina, un ormone prodotto naturalmente dal nostro cervello che ha la funzione regolare l’organismo, in particolare per quanto concerne il rapporto veglia-sonno. In caso di specifiche necessità, è possibile assumere melatonina sotto forma di integratore dietetico, circa 30 minuti prima di andare a letto, allo scopo di correggere e riordinare il nostro orologio biologico e evitare i comuni disturbi del sonno di cui abbiamo parlato precedentemente.

Per concludere questo breve excursus, è bene sfatare un ultimo mito: riposo e relax non vanno considerati come una parentesi sporadica, un vezzo o una pausa “forzata” da utilizzare solo in caso di estrema necessità; al contrario, essi rappresentano elementi quotidiani indispensabili per ottenere uno stile di vita sano e soddisfacente, perché il completo recupero delle energie investite nel corso di una giornata è l’unico trucco per affrontare al meglio quella successiva!

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento