Relazioni.

Immagina per un momento che qualcuno ti prenda per mano e ti porti nel futuro, in una stanza senza confini piena di colori, di fiori, di profumi. Una stanza che ti permetta di guardare al passato camminando nel presente. Immagina che questa persona ti offra la possibilità di imparare a modificare tutto ciò che ti ha reso infelice. Immagina la possibilità di essere felice. Immagina te stesso, felice. E se invece di “immaginarti” felice, tu lo fossi veramente, come cambierebbe la tua vita?

Penso che questo breve esercizio di immaginazione porti in sé l’essenza più profonda di ciò che dovrebbe essere una relazione.

Ma perché parto da questa frase? Voglio parlavi delle relazioni, soprattutto di quelle sentimentali, anche se parlare di relazioni non è facile.

Infatti, e credo che la maggior parte di voi concorderà con me, la realtà relazionale (per non parlare di quella sentimentale …) si allontana molto da ciò che ho descritto sopra, anzi, la maggior parte delle relazioni possono definirsi come disturbate, se non patologiche.

È vero, però, che ogni incontro con l’altro è un evento unico e non ripetibile. Ogni relazione che funzioni crea una sorta di incastro perfetto tra le due persone che la compongono, cioè un ingranaggio dove tutto funziona a meraviglia.

Ma che cos’è l’amore?

Lo so, è una domanda banale, ma provate a scrivere su di un foglio bianco tutte le risposte che vi vengono in mente.

In realtà, tutti noi sappiamo bene cos’è, sappiamo descriverlo, anche perché tutti noi lo cerchiamo, lo inseguiamo …

Ora, proviamo ad elencare alcuni tipi di amore:

c’è l’amore tra due anime gemelle,

c’è l’amore tra genitore e figlio,

c’è l’amore tra amanti, tra marito e moglie,

c’è l’amore tra amici, tra fratelli … ecc … ecc …

Ed esistono anche diversi modi per amare:

c’è chi usa le parole per esternare il proprio amore,

c’è chi usa una canzone,

c’è chi ama con un sorriso o con uno sguardo,

c’è chi ama in silenzio e c’è chi ama pregando.

Semplicemente, l’amore può darci le più grandi gioie ma, allo stesso tempo, può portarci le più grandi sofferenze.

Anche se innamorarsi di qualcuno non è facile, e le probabilità di incontrare l’anima gemella sono statisticamente quasi inesistenti, quando ci si innamora di qualcuno, capita spesso che si perda la razionalità, magari dando  vita a quella sorta di “lato oscuro” , ovvero tutto ciò che non vorremmo mai essere.

Molte persone si “accontentano” di ciò che hanno trovato, mentre altre hanno sicuramente avuto la fortuna di trovare l’anima gemella. Se aggiungiamo anche il fatto che nelle nuove relazioni, spesso, c’è chi riporta gli effetti negativi di tutte le relazioni precedenti (genitore-figlio, familiari, sentimentali, ecc. ecc.), ecco che possiamo renderci conto di quanto sia difficile anche il solo “parlarne”.

Bisogna accettare che le relazioni portano anche una dose di sofferenza: la cosa migliore da fare è prendere coscienza che ci saranno dei momenti meravigliosi e momenti “bui” in ogni relazione e in ogni manifestazione d’amore, ma le cose meravigliose sono indubbiamente più forti.

Bisogna accettare che siamo umani, e se impareremo dai nostri errori, sapremo controllare meglio i nostri sentimenti e sapremo cosa fare in futuro.

Certo che leggendo fino a questo punto, considerando tutte queste difficoltà, la maggior parte di voi si starà convincendo che l’amore non esiste, oppure che sia meglio nascondersi e scappare, ma la verità più bella che si nasconde dentro questo spettacolare sentimento è che “l’amore non conosce ostacoli” (perdonate il più classico dei luoghi comuni).

Detto in altri termini, se riuscirete a liberarvi del bisogno di conquistare ciò che desiderate, allora troverete il vero amore: troverete quella persona con cui si stabilisce un legame talmente profondo e intenso che sembra di poter toccare la sua anima … anche con un semplice sguardo …

Una delle cose più importanti da fare è imparare a riconoscere l’amore.

Spesso lo si confonde con l’attrazione fisica, dove emerge un istinto legato solo al bisogno di sfogare ed appagare le pulsioni sessuali.

Spesso diventa dipendenza, e questo può portarci anche ad impazzire.

Spesso è solo la ricerca di un desiderio.

A volte è il tentativo di fuga dalle paure più profonde …

Ma l’amore vero è tutt’altro:

Prima di tutto è impegno, cioè impegnarsi ad amare l’altra persona, ma è impegno anche a lasciarsi amare. Significa impegnarsi incondizionatamente per far si che la vita dell’altro sia più felice quando voi ci siete. Significa riuscire a comprendere ogni stato emotivo dell’altro, bello o brutto che sia, racchiuderlo in sé e restituire sempre benessere e felicità.

La verità è che se ti senti bene quando stai con una persona, mentre provi sentimenti opposti quando ne stai lontano, questa è dipendenza. Se quando stai con una persona ti senti più felice, perché starle vicino ti regala più felicità di quanta non te ne regali lo starle lontana, allora ne sei innamorato.

Ma essere innamorato vuol dire anche:

Riuscire ad accettare le imperfezioni dell’altro.

Riuscire ad accettare il fatto che la vostra relazione cambierà.

Dovete riuscire a ricordare che avete il potere di far sì che la vostra relazione migliori positivamente e dovete smetterla di lasciarvi infastidire da alcune cose che fa l’altra persona, perché se non facesse quelle piccole cose non sarebbe la stessa persona di cui siete innamorati.

Ora, come si può migliorare una relazione?

In realtà dare delle regole da seguire servirebbe a poco e sembrerebbe quasi utopistico, ma se riuscirete ad accettare anche i momenti difficili e a decidere che, qualsiasi cosa accada, avrete sempre a mente quanto vi amate l’un l’altra, scoprirete che la felicità diventerà una parte duratura della vostra relazione.

Pensare sempre ai momenti brutti, non farà altro che distrarre l’attenzione su tutto ciò che di bello esiste nella relazione, e di certo non potrà migliorare la situazione.

Abbiamo poco tempo da trascorrere in questa vita, e ancor di meno sarà il tempo che passeremo con le persone che amiamo, quindi, quando viviamo questi momenti, è essenziale renderli indimenticabili e goderseli quanto più possibile.

Sarà proprio il concentrarsi sullo “stare bene quando si sta insieme”, su una maggior condivisione degli stati emotivi, su una maggiore intimità, che farà migliorare la vostra relazione.

In qualsiasi stato si trovi la vostra vita affettiva, fate in modo che sia proprio questo stato attuale il motore e lo stimolo per rendere la vostra relazione sempre più intensa, dando spazio al “lavorare in coppia” per rendere sempre più felice il tempo insieme.

Tollerate i difetti dell’altra persona.

Perdonate i piccoli errori.

Condividete ciò che provate in molti modi diversi.

Mostratele e fatele sentire che l’amate.

Ricordate ogni giorno quanto siete fortunati a poter stare così vicino a qualcuno che avete incontrato e con cui avete stabilito questo legame meraviglioso.

Ogni giorno ricordatevi di mostrare riconoscenza per la vitalità e la gioia che fanno parte dell’innamorarsi e dell’essere innamorati.

Non possiamo non permettere a noi stessi di non vivere quell’amore che potrà regalarci la felicità che meritiamo.

È solo accettando ciò che si è e ciò che si ha, che si può arrivare a quella felicità di cui tanto parliamo.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento