clessidra1

FARE UNA COSA PER VOLTA
Il consiglio che sto per darti ora, sembra una cosa di poco conto, ma in realtà se adottato, comporta dei grandissimi vantaggi.

Eccolo: fai una cosa per volta, sempre.
Questo consiglio è valido in ogni campo.
Vediamo come.
Spesso si tende ad accumulare più cose e si lavora orizzontalmente.

Si mette in piedi un progetto, poi lo si lascia monco…se ne comincia un altro. Poi si riprende quello vecchio..si accantona il precedente. Poi si apre un nuovo progetto ancora. Ed ecco che ci troviamo immersi in tante piccole e grandi cose da fare. Lavoriamo sincronicamente a più progetti.

La nostra testa non è mai univocamente e profondamente coinvolta da una sola cosa. I pensieri si affollano e avolte è difficile raccapezzarsi.
E’ chiaro che noi siamo lo specchio dei tempi.

La post modernità ci obbliga a fare i conti con tante informazioni nello stesso momento. Il rischio però è quello di vivere tante esperienze, ma in maniera superficiale come chi tiene aperte 30 discussioni insieme su msn e non riesce a scendere in profondità in nessuna di queste.
O come chi qui sta leggendo questo articolo mentre sgranocchia un panino, risponde in skype, ascolta musica e con un occhio tiene a bada il telefonino per controllare se ci siano sms nuovi da leggere.

;-P
Non si riesce insomma a fare né quello, né quell’altro.
Il mio consiglio quindi è quello di fare una cosa per volta, portarla a termine e poi cominciarne una nuova.

Chiudi i progetti (di qualsiasi livello di impegno emotivo siano). Vai fino in fondo. Immergiti nelle cose, destina a queste tutta la tua attenzione, poi chiudile e dedicati ad altro con altrettanta profonda concentrazione.

Facendo così si ottengono i massimi risultati, sia che vogliamo raggiungere un nuovo record nello sport, sia sul lavoro, sia nei rapporti personali.

NON RIMANDARE
Altra cosa da fare è non rimandare.

Non trascinarti le commissioni da svolgere. Sii operativo. Togliti subito il pensiero di una telefonata importante, un impegno improrogabile etc.
Fai una scaletta delle priorità delle cose da fare in giornata e realizza per prima quella che risulta essere più vantaggiosa per te.

Mettiti al primo posto. Solo così potrai poi destinare tutta l’attenzione e la cura che meritano gli altri.
Non lasciare che passi un sol giorno senza aver dedicato del tempo per te stesso. E cosa ancora più importante, sebbene dura da fare accettare alla mente razionale, impara a fare solo le cose che ti piacciono veramente. Se c’è qualcosa che non ti va di fare,  semplicemtne non farlo. Devi rispondere solo a te stesso.

Lungi dal legittimare comportamenti narcisistici, ricordamoci quanto sia importante poter dare agli altri quando siamo in forma ed abbiamo soddisfatto tutte le nostre necessità.

Del resto “Cosa se ne fanno gli altri di un me stanco, concentrato esclusivamente sul mio ego“?.

Gli altri avranno in tal modo tutta la nostra attenzione, poichè avremo precedentemente destinando del tempo e dello spazio alla “cura” (intesa in senso lato) della nostra persona.

IL FENG SHUI DEL TEMPO
Procediamo alla pulizia.
Come ti senti dopo aver fatto pulizia e ordine in casa?
Bene, facciamo lo stesso, tagliamo i rami secchi.
C’è una cosa vecchia che non usi o che nn ti piace in casa? Buttala via, ma adesso, subito, non domani.
Cancella dalla agenda un numero di telefono appartenente ad una persona che non vedi da tempo, che non gradisci incontrare di nuovo, sebbene ogni anno ti costringi a ricopiare il suo numero in rubrica (inspiegabilmente).

Perchè conservare numeri di telefono, indirizzi e contatti di persone che non avrai più voglia di sentire. Perchè?

Fai la stessa opera di pulizia con i contatti che sai non possono darti nulla o non ti rappresentano; questo discorso è valido anche per i contatti in msn o in facebook o in qualasiasi altro social network.
Alleggerisci il carico.
Ringrazia la cosa o la persona per ciò che ti ha dato e poi cancellala.
Fai la stessa pulizia con un vecchio file del pc che è sempre lì e non serve più.

Sentiti libero e più leggero per questa pulizia di primavera.

:-)

Questo atto liberatorio e un pò psicomagico ti costringe a fare i conti con le tue categorie di tempo, e ti aiuta a godere più saggiamente del suo fluire.

4 Commenti

Lascia un commento
  • Simona

    Ciao Lidia,
    per esperienza personale (e non solo) posso dirti che a volte quando eliminamo qualcuno dalla ns vita, non vogliamo tagliarlo per davvero.
    Ti assicuro che laddove smettiamo di far fluire energia (pensieri / emozioni)quel qualcosa si dissolve.
    Detto in altri termini se non vogliamo essere più in contatto con una persona, ma a questa ancora rivolgiamo pensieri e sentimenti (belli o brutti non importa) allora questa forser non se ne andrà dalla nostra vita mia.
    Ti abbraccio.

    Rispondi
  • lidia

    Ciao,grazie per la disponibilità,allora attendo con entusiasmo il tuo nuovo post! Nel mentre vorrei chiederti come mai quando”eliminiamo qualcuno o qualche oggetto dal passato” stiamo bene e poi appena si ripresentano situazioni simili oppure rivediamo qualcuno ci si sente come soffocare dal passato? purtroppo non ho mai potuto eliminare qualcuno e pur non mantendo i rapporti con le specifiche persone,avendo contatti in comune si resta un pò ancorati…un bacio e grazie per l’ascolto

    Rispondi
  • Simona

    Carissima Lidia, se ti appassiona questo argomento ti potrei suggerire di legegre qualcosa a proposito del Feng Shui che non è solo l’arte di armonizzare le energie in casa, ma anche nel nostro essere.
    Se invece ti interessa maggiormente la parte relativa alla gestioen delt empo, tra un pò la integrerò con un nuovo post tutto dedicato alla “lentezza”.
    Se hai altre domande, scrivimi che ti leggo e rispondo con piacere.
    Un abbraccio.
    :-)
    Simona

    Rispondi
  • lidia

    Ciao Simona…hai davvero ragione,ho messo in pratica questa piccola operazione di pulizia e mi sento meglio…anche se purtroppo tendo a stare ancorata al passato,certo eliminado contatti ed oggetti un pò meno,ma spesso è dentro di noi che bisogna far pulizia e per l’anima non è così facile come per un cassetto. Mi interessa molto questo argomento anche dal punto di vista sociale visto che ho sempre gli stessi riscontri sociali…sapresti consigliarmi altro? grazie

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento