Quando senti di avere una difficoltà, un problema o un disagio psicologico o relazionale, è molto Utile per te misurare il Rapporto che c’è tra la difficoltà che hai in quel momento con il rapporto che hai con il tuo corpo.

Il rapporto col tuo corpo riguarda:

–         Le tue Sensazioni Cinestesiche (il tatto, il tocco sulla pelle, quindi le sensazioni fisiche)

–         Il Movimento del tuo corpo (come ti muovi, verso dove ti muovi, se ti senti bloccato, ecc.)

–         La tua capacità di “Percepire” il corpo e le Sensazioni che sono correlate ad esso (cioè la capacità che hai di sentire la posizione del tuo corpo, o l’intensità del dolore e del piacere, ecc.) Ognuno sente il proprio corpo in modo completamente diverso dagli altri.

–         Il rapporto che il tuo corpo ha con l’ambiente esterno (dove guardi? Come guardi gli altri? Cosa ascolti? Qual è la posizione del tuo corpo quando ti relazioni con le altre persone? Sei curvo o dritto? Il tuo colorito è roseo o bianco? ecc.)

Ogni sensazione riportata ed ogni nostra “Percezione” del nostro corpo e della Relazione che abbiamo con le persone hanno inoltre una “Intensità” particolare che possiamo misurare con una scala da 0 a 10.

Tutto questo è Utile ed Importante sia per Comprendere Meglio il tuo problema, sia per Superarlo attraverso un “lavoro” sul tuo corpo.

Il lavoro che si fa sul proprio corpo è una delle basi della Bioenergetica.

Con l’Analisi Bioenergetica gli strumenti di cui dispone la psicoterapia aumentano. La conoscenza approfondita della dualità Mente-Corpo permette l’intervento sui due aspetti. Oltre all’aspetto verbale lo psicoterapeuta lavora insieme al cliente con esercizi corporei appropriati  e volti a sciogliere le tensioni  in esso contenute.

Ciò permette di arrivare efficacemente e rapidamente ai nodi emozionali.

La Psicoterapia Bioenergetica è di grande Utilità per tutti perché:

–         ripristina un funzionamento psicofisico adeguato

–         consente l’aumento del livello energetico

–         sviluppa il potenziale in ogni persona

–         è di grande efficacia in tutte le situazioni sintomatiche di origine psicologica come:

depressione

ansia

angoscia

attacchi di panico

disturbi sessuali

disturbi psicosomatici, etc.

Facendo un esempio del lavoro che si può fare col proprio corpo in bioenergetica, parliamo della “tendenza a deprimersi”.

Nota che non ho detto “depressione”, ma “tendenza a deprimersi”, perché voglio mettere l’accento verso il “Processo Dinamico” che porta gradualmente verso uno stato depressivo che può essere misurato graficamente, ok?

Parlando di “Processo” puoi renderti conto di come una persona può passare da uno stato di tranquillità e di benessere a quello di malinconia, che può sfociare nei momenti più difficili a quello di tristezza, e nei casi più acuti allo stato depressivo.

Il “Processo” in sé evidenzia  Meglio la Capacità di una persona di passare da uno stato di coscienza ad un altro, così possiamo renderci conto che il “Processo” si può invertire attraverso la psicoterapia passando da uno stato depressivo e ritornando allo stato di Benessere.

Questo è Importante perché ci fa Capire Meglio come osservando uno stato problematico o un disagio psicologico o relazionale come qualcosa di “DINAMICO” anziché statico, noi abbiamo il Potere di trasformarlo di nuovo in Benessere con le Tecniche appropriate.

Invece chiamando questo disturbo col nome di depressione, questa nominalizzazione è associata a qualcosa di statico, che ci fa pensare probabilmente a qualcosa che rimane a lungo nel tempo o a qualcosa che è difficile da Superare, ok?

Cerchiamo quindi di evitare le nominalizzazioni riguardo ai disturbi psicologici perché fanno pensare ad un senso di staticità, di blocco, di paralisi, di congelamento dello stato problematico.

E’ Meglio quindi chiamare questi disagi interiori (o relazionali che siano ) come “Processi in continuo Fluire”.

Il termine “Processo” evidenzia invece una Dinamicità, un Passaggio Temporaneo del disturbo, una Tendenza al Cambiamento della problematica da tensione e dolore a Benessere e Serenità Interiore, inoltre il termine “Processo”lo associamo alla Facilità e Possibilità di Ottenere un Miglioramento Continuo, grazie alla metafora del “Fluire”, del “Movimento”, del “Passaggio”, del “Cambiamento” che il termine “Processo” possiede in sé, ok?

Diversi studi di cinematica hanno dimostrato che la motilità è significativamente ridotta nei soggetti depressi.

La respirazione è a sua volta molto ridotta in tale disturbo. L’effetto di tale riduzione nei processi biologici fondamentali del corpo consiste in una diminuzione della reattività emozionale.

Ignorando per un momento i fattori psicologici in gioco in queste condizioni, resta il fatto che qualsiasi procedura atta a stimolare la respirazione e ad aumentare il Movimento del corpo può consentire al soggetto di superare la propria condizione depressiva.

Usando le tecniche bioenergetiche opportune è spesso possibile produrre un miglioramento abbastanza rapido e duraturo di tali funzioni fondamentali.

Il risultato è spesso sorprendente per la persona, che ignora che ciò che egli considerava come un disturbo psicologico è intimamente e direttamente connesso con il proprio corpo e con le attività del corpo.

Questo lavoro continuo sul proprio corpo va fatto assieme ad un lavoro di analisi interiore, e questi due approcci sono correlati tra di loro per approfondire meglio la problematica e per dare il massimo dell’Efficacia del Metodo Bioenergetico.

Così le persone che soffrono Temporaneamente di questo disturbo, avendo sperimentato la Liberazione attraverso il lavoro col corpo oltre che attraverso l’analisi, sanno anche che un continuo lavoro per Migliorare la Respirazione, per allentare le tensioni a livello fisico che riflettono anche tensioni psicologiche ad esse associate, può portarli a superare la tendenza verso depressione.

La persona che vive in contatto con il proprio corpo non diventa depressa.
Sa che il piacere e la gioia dipendono anche da buone sensazioni fisiche e quindi dal contatto col proprio corpo.

Così, lavorando sulla Respirazione, esaminando il contatto col suolo cioè tra i piedi ed il terreno (misurando quindi il “radicamento” individuale o “grounding”), lavorando sui movimenti del corpo e sulle proprie Espressioni, questo lavoro permette alle proprie tensioni fisiche di essere scaricate e liberate attraverso il Movimento accompagnato dalle parole e dai suoni che la persona in difficoltà esprime in questo contesto terapeutico.

In questo modo egli è consapevole delle proprie tensioni corporee e sa che per tutto il tempo in cui persisteranno, esse condizioneranno e determineranno la risposta emozionale.

Essere in contatto col proprio corpo significa essere in contatto con la realtà del proprio modo di esistere.

Una persona in contatto col proprio corpo accetta le proprie sensazioni come espressione della propria personalità e non ha difficoltà ad esprimerle.
Quando una persona può tornare al proprio modo d’essere la tendenza depressiva è eliminata.

Essa può essere contrariata e sentirsi triste per l’andamento della propria vita ma non crollerà in uno stato depressivo.

Essere in contatto col proprio corpo è un principio guida dell’analisi bioenergetica.
Più una persona è emozionalmente in difficoltà, più è lontana dal contatto con il proprio corpo.

Il fine dell’analisi bioenergetica è quello di riportare la persona in contatto con sé stessa, con le relazioni fondamentali della propria esistenza e con l’ambiente in cui vive.

2 Commenti

Lascia un commento
  • Rolando

    Gentile Lorena,

    lo psicoterapeuta bioenergetico esiste da più di 30 anni, ma non è conosciuto da tutti, è un terapeuta ad ampio raggio perchè analizza anche il corpo oltre che la mente, le tensioni corporee vengono esaminate approfonditamente, le tensioni nascondono spesso delle emozioni non espresse e queste vengono scaricate tramite gli esercizi appositi, attraverso il pianto, la rabbia, le urla, le parole, che poi vengono analizzate assieme al terapeuta per ridare al cliente quell’equilibrio e quella serenità che gli mancava.

    Spero di esserti stato d’aiuto

    Rispondi
  • lorena

    molto interessante e articolo ben fatto,di facile comprensione…ma questa figura,lo psicanalista bioenergetico è nuova sul panorama del benessere?perchè ci vuole uno che sa il fatto suo(come sembri tu)che sia in grado di risolvere i vari conflitti sia a parole che a fatti…perchè io stessa ho avuto a che fare con i cialtroni e il dopo era ancor più frustrante…puoi andar più nello specifico?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento