La felicità è il vero scopo della nostra vita!

E nonostante questo troppo spesso ce ne dimentichiamo…

Scott Dunbar e la sua storia sono un esempio concreto di felicità reale!

Scott Dunbar e la sua storia sono un esempio concreto di felicità reale!

Quando parlo di felicità mi piace raccontare storie vere di personaggi straordinari che hanno fatto una scelta ben precisa: essere felici nonostante tutto invece di essere felici solo se…

Nel mio primo articolo ho citato Rubinstein, spiegando come lui avesse proprio eliminato i “se…” e nell’ultimo articolo sulla felicità ho raccontato la storia di Scott Dunbar, che ha emozionato migliaia di persone, non solo grazie alla sua musica meravigliosa, anche grazie alla  scelta di perseguire la felicità nonostante tutto (era figlio di un ex schiavo e le premesse nel sud degli Stati Uniti per un nero nato nel 1904 non erano le più rosee).

In questo articolo-meditazione voglio farti capire che non ha importanza chi sei o da dove vieni: ciò che conta è cosa scegli, cosa fai e con quale atteggiamento approcci la vita.

Invece di proporti un esercizio alla fine dell’articolo ho deciso di creare un unico grande esercizio interattivo dove tu avrai il ruolo di protagonista e potrai agire immediatamente per iniziare a prendere saldamente in mano le redini della tua felicità!

Le parole chiave sono intuizione e fiducia.

Per farti avere le intuizioni giuste ci penserò io, tu devi metterci la fiducia: fiducia nelle tue stesse intuizioni, nelle tue possibilità, nel tuo desiderio di essere felice e di trasformare la felicità nella base delle tue scelte.

Tra un momento ti chiederò di stampare, ritagliare, fare un piccolo esercizio, ascoltare, scrivere, emozionarti e agire.

Ti piace l’idea? Si tratta di una forma moderna di meditazione: a me piace chiamarlo misticismo urbano. Insomma sarà tutto molto semplice, veloce e piacevole. Niente di male se adori meditare per ore restando immobile: questa è solamente una R.R.R. (Rapid Reserved Road) per avere intuzioni emozionanti e potenti.

Innanzitutto seleziona e stampa la parte di testo sottostante (delimitata sopra e sotto dalla scritta SELEZIONE)

SELEZIONE SELEZIONE SELEZIONE SELEZIONE

****************************************************************

Quello che cerchi ti arriva ovunque tu sia. Se non ti arriva qui non ti arriverà dall’altra parte del mondo.

****************************************************************

Non c’è niente di bello nel dolore: evita di credere all’inganno che soffrire sia utile e costruttivo.

****************************************************************

Ricorda che è più facile avere un sogno nel cassatto piuttosto che cercare di realizzarlo, ma ciò che davvero desideri è vivere i tuoi sogni!

****************************************************************

Bisogna passare di tutto nella vita per arrivare dove si vuole.

****************************************************************

“Le fiabe non insegnano ai bambini che i draghi esistono, loro lo sanno già che esistono. Le fiabe insegnano ai bambini che i draghi si possono sconfiggere” G.K. Chesterton

****************************************************************

SELEZIONE SELEZIONE SELEZIONE SELEZIONE

Ora ritaglia le frasi che sono separate dalla linea di asterischi in modo da ottenere 5 foglietti, uno per ogni frase.

Piega i foglietti e sparpagliali di fronte a te.

Procurati carta e penna perché stai per scrivere le tue nuove intuzioni da favola!

Prendi un foglietto, aprilo e mettilo di fronte a te, prendine un altro, aprilo e mettilo dopo il primo, e così via per tutti e cinque i foglietti.

Ora premi il tasto PLAY: Felicità

 

[audio:http://www.piuchepuoi.it/wp-content/uploads/2009/07/felicita2.mp3]

 

Questa musica così semplice e immediata è stata creata apposta per aiutarti a prendere consapevolezza delle tue intuizioni profonde e per accompagnarti in questo viaggio verso la tua libertà personale.

Mentre ascolti la musica e leggi i foglietti che sono di fronte a te puoi iniziare a scrivere le prime impressioni che ti vengono in mente…puoi annotare i tuoi pensieri e le tue sensazioni…puoi mettere nero su bianco quali sono i tuoi sogni e le tue reali aspirazioni.

Dai il meglio di te…fai questo esercizio con onestà e sorprenditi a desiderare di seguire le tue emozioni più profonde.

Scrivi i tuoi progetti, le tue idee, i tuoi piani e i tuoi desideri…libera la tua creatività e trascrivi tutto ciò che ti passa per la mente dopo aver letto quei foglietti in quel particolare ordine.

Ti invito a fare questo esercizio un po’ di volte e ti suggerisco di tornarci sopra ogni volta che desidererai darti una scrollata!

Ora è arrivato il momento di passare alla seconda parte dell’esercizio: l’azione!

Tra tutte le intuizioni che hai scritto scegli quelle più pratiche e concrete.

Dobbiamo diventare un pochino pragmatici ora: scegli quali sono i primi passi che puoi effettivamente mettere in pratica.

Poniti degli obiettivi.

E fra i passi che hai scelto, prendine 5 che sono da subito sotto il tuo totale controllo e falli immeditamente.

Smetti di leggere e agisci in questo stesso istante.

Siccome so che nessuno smette di leggere e fa subito ciò che dico io smetto di scrivere!

Non posso fare nient’altro per te in questo momento, ma tu puoi fare tantissimo per te! E solo tu puoi farlo ora.

28 Commenti

Lascia un commento
  • mattia lualdi

    Grazie a te Oriente.
    Ti auguro il meglio di tutto.

    Rispondi
  • oriente

    CARA MATTIA,
    QUESTO ESERCIZOP, PUR NELLE SUA SEMPLICITA’ E’ BELLISSIMO, EFFICACE.
    GRAZIE PER AVERLO CONDIVISO
    NAMASTE’
    BUONA VITA
    ORIENTE

    Rispondi
  • Sara

    Ciao.
    Ti ringrazio per la risposta e ci rifletto. Non penso sia un percorso facile nonostante la soluzione sia dentro di noi.
    Probabilmente perchè nella vita siamo cosi’ presi dai doveri che paradossalmente non riusciamo a sintetizzare ciò che si desidera realmente.
    Mi è capitato una volta di interrogarmi sul sapore del caffè senza riuscire a capire se mi piaceva veramente o no. Ecco è la stessa sensazione che provo nel rispondere alle tue domande nonostante le tante passioni che ho nella vita. Grazie per gli ottimi spunti di riflessione e del tempo dedicato, adesso tocca a me.

    Rispondi
  • mattia lualdi

    Ciao Sara, la risposta è piuttosto semplice: non c’è nessuna differenza.

    Infatti se devi convincerti di qualcosa significa che in realtà non la senti tua e quindi è una forma sofisticata di illusione.

    Mi sembra che tu desideri ardentemente poter credere di riuscire a fare qualcosa con le tue forze focalizzandoti sugli aspetti positivi della vita, non è così?

    E allo stesso tempo c’è ancora qualcosa che ti trattiene, giusto?

    La forza e l’energia positiva non sono qualcosa che va trovato o realizzato: si tratta di una forma di potere totale che è sempre esistito e che è sempre stato a tua disposizione, prima ancora che tu nascessi.

    Quando esprimerai la tua vera forza e l’applicherai ai tuoi veri desideri ti accorgerai che non devi convincerti di nulla e che non corri nessun rischio di illusione.

    Tu cosa vuoi realizzare?
    In quale direzione vuoi andare?

    Cosa ti serve per percorrere questo cammino?
    Come sei al tuo meglio?

    Cosa ti appassiona veramente?
    Cosa ti emoziona maggiormente?

    Appena seguirai questo percorso ti renderai conto che è semplice esprimere il meglio di te e usare tutto il tuo potere personale.

    Scoprirai cosa ti convince realmente senza sforzo (ciò in cui credi serenamente) e cosa invece nasconde insidie…perché in realtà non esistono le illusioni: quando sei davvero consapevole riconosci sempre la verità.

    Rispondi
  • Sara

    Salve Mattia,
    condivido pienamente che nella vita bisogna puntare alla felicità. Condivido la necessità di azione, la forza del pensiero e la consapevolezza, il potere dell’energia positiva che abbiamo dentro e che riconosco. Apprezzo motissimo i tuoi articoli, ma mi sfugge ancora una cosa: che differenza c’è tra convincersi di potercela fare e illudersi?

    Rispondi
  • fiorella

    Grazie Mattia,
    sembra che tu sappia inviare messaggi nella mia vita proprio nei momenti più opportuni.Grazie per l’energie che spargi e semini in questo universo virtuale per chi la vuole cogliere.

    Rispondi
  • Stefania

    Ciao Mattia, GRAZIE per la tua risposta mi piace tantissimo e mi ha emozionato molto
    Buona Giornata
    Stefania

    Rispondi
  • franca

    grazie dei tuoi consigli ,mi necessitano proprio!

    Rispondi
  • Luigi

    Grande Mattia,

    agganciato alla vita al fiume che scorre, che porta con se tutta la spazzatura gallenggiante, ma che non è la nostra vita, sganciato dalla spazzatura che ci naviga intorno, ma attaccato a tutto cio che vive, che vibra, che emoziona, che trasforma, che fa crescere senza fare sforzo innaturale, ma naturale, come un dono, come un passione, come un talento, che si trasforma in sogno, e si trasforma in credo, in azione, in sogni che vivremmo e che viviamo fino alla fine dei tempi.
    Un bel esempio di caddy d’altri tempi.

    Ciao Luigi

    Rispondi
  • Mattia Lualdi

    Ciao Stefania.

    Se le persone attorno a te pensano di poter utilizzare le tue orecchie come bidoni dell’immondizia, tu perché mai glielo permetti?!?

    Dico sul serio, non credo che tu debba isolarti o diventare eremita, anzi tutti i miei articoli sulla felicità insistono proprio su questo punto:

    dipende da te scegliere di essere felice nonostante tutto quello che accade attorno a te, perché le risorse che ti servono sono già dentro di te in qualsiasi momento.

    Il mio invito è proprio quello di allenarti a usarle a tuo piacimento.
    Ecco perché in tutti i miei articoli ci sono esercizi da fare!

    Non sto dicendo che è facile: sto dicendo che è possibile.
    E occorre allenarsi perché tutte le cose sono impegnative prima di diventare facili.

    Se lasci che ciò che ti circonda, per quanto serio e importante, condizioni la tua esistenza fino a minare la tua capacità di essere serena e felice, sei destinata a una vita di sofferenza.

    Quando invece prendi saldamente in mano le redini della tua vita ecco che iniziano a realizzarsi piccoli e significativi cambiamenti che nel corso del tempo renderanno sempre più straordinarie le tue giornate.

    Ed è qualcosa che devi scegliere di fare e per cui ti devi impegnare.

    Quindi, con tutte le persone che ti buttano letteralmente addosso malumore o che sembrano divertirsi a tirarti giù, adotta un atteggiamento molto più forte.

    Puoi anche dirglielo: “aspetta un momento, hai per caso scambiato le mie orecchie per due bidoni della spazzatura?”

    Se sei nella condizione per fare qualcosa per queste persone (proporre una soluzione, dare un consiglio, trovare un altro modo di risolvere le questioni, fare tu stessa qualcosa) allora ti invito ad aiutarle facendo ben presente che concentrarsi solo sui problemi non ha mai risolto nulla: occorre cercare le opportunità e le soluzioni.

    Per quello che invece riguarda le situazioni impegnative, quindi non persone che ti infastidiscono ma ambienti o momenti difficili da gestire, ti ricordo che è una questione di allenamento.

    Ci sono tanti esercizi da fare e vanno fatti sia quando va tutto bene, sia quando le cose vanno male.

    Come dicono nel film Jerry Maguire “è con le palle appese a un filo che si diventa grandi uomini”.

    Vuoi ottenere risultati straordinari?
    Devi compiere azioni straordinarie.

    E come sempre intendo “straordinario” nel senso letterale del termine: cioè fuori dall’ordinario, nuovo, diverso, fuori dalla routine.

    Io vivo le situazioni impegnative come iniziazioni, come riti di passaggio.
    Ogni volta che le supero divento più forte, più sicuro e cresco.
    Ogni volta che non le supero imparo qualcosa e quindi divento più forte, più sicuro e cresco.
    E dopo aver imparato qualcosa posso agire nuovamente per cambiare le cose che non mi piacciono.

    Ripeto, non sto dicendo che è facile, sto dicendo che è possibile e che se ti impegni con convinzione e con determinazione puoi riuscire a realizzare ciò che desideri.

    Rispondi
  • Stefania

    la felicità crea felicità entro certi limiti, se tutti attorno a te hanno dei problemi, la collega si lagna di continuo ed è sempre lì attaccata a te, la mamma è sempre stanca e pensierosa, il marito senza un contratto serio di lavoro, all’amica le muore la nonna, ma scusate, io che faccio per essere felice in questi casi?? Mi isolo? Divento eremita?

    Rispondi
  • Stefania

    Mattia buon giorno è la prima volta che ti scrivo e vorrei chiederti una cosa molto importante per me: supponiamo che io riesca a raggiungere questo stato di felicità grazie ai tuoi consigli e al mio lavoro interiore e poi…arrivano gli altri…le persone che ti sono vicino…che sembrano sempre pronte a fare e a dire qualcosa che ti butta giu’…non mi dire che dipende tutto da me…se il “negativo” è sempre in agguato nel mondo che mi circonda…come si fa a restarne sempre fuori…anzi se sei felice sembra quasi che a volte dicano:”Bene bene..così mi posso sfogare con lei…tanto il margine di sopportazione ce l’ha…” come si fa??? Grazie e ciao. Stefania

    Rispondi
  • Lorenz

    : ) fantastico! Mitico Tia!

    Rispondi
  • nazario

    articolo ed esercizio estremamente interessante al di lè dei risultati xkè cmq 1 risultato c’è sempre, nn foss’altro quello di mettere in moto un meccanismo ke smuoverè i nostri pensieri incrinando almeno un po l’inerzia e l’ineluttabilità di cui si sono intrisi.
    ciao Mattia

    Rispondi
  • Richi

    Grazie Mattia…ottima scrollata… sei in credito di ….qualunque cosa tu attendi che avvenga a breve :))
    Ho finalmente scritto e stampato – grazie a questo esercizio – … ehm…la “lista della spesa” :D che poi sarebbe l’equivalente di…tutto ciò che di grandioso c’è da fare ;)

    Rispondi
  • Mattia Lualdi

    Grazie a tutti voi.

    E i complimenti sono per voi: perché vi mettete in gioco, perché accettate le sfide e perché vi impegnate per dare e ottenere il meglio di voi!

    Continuate a esprimere ciò che siete veramente.

    Rispondi
  • Daniele

    ciao l ho appena scaricato vediamo se riesco a applicarlo comunque grazie per il dono

    Rispondi
  • Maddalena

    Heilà!Si sto molto meglio,per il momento non ho un granchè da scrivere sul mio sentirmi,solo che amo la felicità e quel brivido che sento…un pò di pace per il mio cuore,il mio corpo,la mia mente le mie giornate….ultimo ma non ultimo…MIO FIGLIO…si perchè pare sia tutto moolto contaggioso…essere felici crea felicità.Ciao ancora, e siate felici

    Rispondi
  • PAOLA

    DOBBIAMO ASCOLTARCI E METTERE IN PRATICA, PER QUANTO CI E’ POSSIBILE LE NOSTRE PROFONDE RIFLESSIONI….RILASSANTE IL SUONO DELLA CHITARRA.

    Rispondi
  • feta

    Complimenti, siete bravissimi.
    bello, bello. straordinario

    Rispondi
  • tiziana

    sono in ufficio e non ho le casse per la musica, ma ora vado a casa e inizio … Grazie!!!

    Rispondi
  • MARCO

    Molto molto bello!
    Questo pezzo con la chitarra e carino e eseguito con il cuore ,lo sento!Suono la chitarra da anni .
    Interessante anche la storia di Scot Dunbar ,come molti altri chitarristi blues che hanno scelto.Certo molto spesso sono sate vite molto sofferte,ma quello che conta è sciegliere quello che farai……giusto?
    Bene credo che la mia prossima azione sia quella di suonare.

    Grazie Mattia sei forte !
    (Ma di chi è il brano che abbiamo sentito ? E’ un segreto? );-)

    Rispondi
  • PATRIZIA

    buon gg che sia una buona giornata GRAZIE al momento nn ho parole migliori

    Rispondi
  • GIANLUCA

    CIAO MATTIA, SEI GRANDE! BELLISSIMO ESERCIZIO DEVO DIRE! DOVREMMO SOGNARE UN PO’ TUTTI! COME FANNO I BAMBINI E COME FACEVAMO MOI MAGARI GUARDANDO MAZINGA O GIG ROBOT CHE DISTRUGGEVANO I “MOSTRI”… DOBBIAMO DISTRUGGERE I NOSTRI MOSTRI A TUTTI I COSTI!

    Rispondi
  • Manuel

    Complimenti!
    Molto molto bello…

    Rispondi
  • Mattia Lualdi

    Heilà!

    Allora, sei passata all’azione?
    E ora come ti senti?

    Rispondi
  • maddalena

    ciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiaaaaaaaaaaoooooooooooo:)

    Rispondi
  • maddalena

    penso…..hops….e faccio ciao

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento