Uno dei modi più antichi di comunicare tra le persone è il Contatto fisico con cui si intende: la stretta di mano, l’abbraccio, il bacio, la carezza, le coccole, la pacca sulle spalle, ecc.
Il Contatto fisico veicola in sé e trasmette un infinità di Sensazioni ed Emozioni.
Ogni contatto ha due aspetti: uno positivo ed uno negativo.
L’aspetto positivo è quello di Veicolare e trasmettere Emozioni e Sensazioni Belle, Coinvolgenti, come Felicità, Tenerezza, Piacere, Eccitazione, Gioia ed indicano di solito che la persona che “dà un Contatto Positivo” ha avuto e ricevuto un Contatto positivo nella sua infanzia.
L’aspetto negativo del contatto si ha quando il Contatto Veicola e Trasmette emozioni deboli, negative, fatte di distacco, freddezza, rabbia, lontananza, questo tipo di contatto di solito indica che quella persona che la porge, probabilmente ha ricevuto altrettanti contatti negativi da piccolo, o non ne ha ricevuto affatto.
Un altro aspetto che il Contatto Veicola in sé è il “Significato” che rappresenta per la persona che la offre, ad esempio un contatto dato in un certo modo può assumere diversi significati e può quindi voler dire: “Ti accetto”, “Ti voglio bene” o “Non ti voglio sentire”, “Mi hai fatto male”, ecc.
Ogni persona ha un suo modo di prendere contatto con gli altri, a seconda delle esperienze che ha avuto, dell’educazione ricevuta, del suo carattere e di ciò che il contatto fisico rappresenta per lui/lei, quindi del Significato che ha per lui/lei.
Facciamo qualche esempio pratico.
contattoUna stretta di mano energica data ad una persona può significare:
– “Sono d’accordo con te”
– “Siamo amici”
– “Ti rispetto”
– “Mi fido di te”
– “Possiamo collaborare”
Al contrario una stretta debole, cadente e molle può significare:
– “Non voglio collaborare con te”
– “Non mi fido”
– “Sono depresso”
– “Non mi sento bene”
Anche l’Abbraccio può significare tante cose:
– L’Abbraccio tra uomo e donna può significare Amore, tenerezza, passione, sensualità, calore, affetto, ecc
– L’Abbraccio tra padre (o madre) con il figlio/a può trasmettere l’Amore che il genitore vuol far sentire al figlio/a, l’Affetto, il Calore o il senso di Protezione verso il figlio/a. Se l’abbraccio è fatto con poca energia, in modo debole e poco sentito, può trasmettere distacco, mancanza di coinvolgimento, conflittualità che devono essere analizzati e chiariti per risolverli al più presto.
– L’Abbraccio tra amici può significare: “Ti voglio bene”, “Ti stimo” oppure “Ho bisogno di te”, “Grazie per l’aiuto che mi dai”, “Saremo sempre Amici”
contattoE tu come ti senti quando abbracci qualcuno?
Qual è il tuo modo usuale di abbracciare?
Lo fai con Entusiasmo, Passione e Amore?
O sei piuttosto freddo e distaccato?
Se ti ritrovi in quest’ultima tipologia, non preoccuparti, il “Prendere Coscienza” di questo ti Aiuterà a cercare un modo per cambiare il tuo modo di sentire e di trasmettere Amore ed Emozioni. Quando abbracci una persona cara come tuo figlio/a o tuo padre, tua madre, un fratello, un amico, senti l’energia nel cuore e ti senti felice, questo momento è magico, e nessuno psicologo, scienziato o filosofo è mai riuscito a spiegare la magia di quel momento, quell’attimo di Estasi.
Veniamo ora alla carezza, anche questo tipo di contatto veicola tante sensazioni ed emozioni:
– La carezza ad un figlio può significare Tenerezza, “Ti voglio bene”, “Voglio che tu sia felice”
– La carezza data al proprio partner può trasmettere Amore, passione, sensualità, senso di sicurezza
– La carezza ad una persona anziana può dargli tenerezza, affetto, calore
– Un aspetto negativo di una carezza è quando è manipolatoria o è data per forza
contattoVeniamo ora al bacio che è un contatto speciale, più intimo rispetto ad altri tipi di contatto:
– Il bacio all’amato/a è carico di sensualità e passione, può significare abbandono, può voler dire “Sono tuo/a”, “sono una parte di te”, “Mi hai preso il cuore”, “Mi sono innamorato/a di te”
– Il bacio sulla guancia dato ad amici, figli, genitori, fratelli, sorelle, parenti esprime di solito il proprio bene per le persone a noi care. Se invece è dato per forza diventa distaccato, freddo, una forzatura ed una persona si può accorgere facilmente di questo.
Infine le Coccole che sono quelle manifestazioni particolari d’Amore e d’affetto date volontariamente e continue nel tempo, che sono una forma di Contatto particolare e speciale che trasmettono Tenerezza, Amore, Calore, Unione, Affetto e piacere in cui chi le riceve può temporaneamente regredire ad uno stadio infantile, in quanto le coccole e le carezze possono ricordare inconsciamente quelle ricevute dalla mamma o dal papà durante l’infanzia, ed in quel momento una persona che riceve le coccole ritorna per un momento bambino per riassaporare un periodo felice della propria vita in cui si abbandonava e cullava completamente nell’amore dei genitori.contatto
Se invece una persona non ha ricevuto molte coccole da piccolo o ne è quasi privo, può avere molte difficoltà a riceverle e a darle, di solito le rifiuterà, ed avrà seri problemi a contattare fisicamente una persona.
Il Contatto quindi può Veicolare 3 Aspetti fondamentali dell’essere umano:
1 – Le Emozioni e le Sensazioni che si vogliono trasmettere ad una persona cara (e non)
2 – Il Significato che Rappresenta per colui o colei che lo dà
3 – Le Esperienze passate di una persona
Ad esempio coloro che hanno ricevuto tanto contatto fisico positivo da piccoli, lo cercheranno anche da adulti, al contrario coloro che hanno avuto poco Contatto fisico positivo, saranno restii a contattare fisicamente una persona.
Continua…

2 Commenti

Lascia un commento
  • giusy

    Buona sera,
    le sarei grata se vorrà rispondere o interpetrare questo che per me è diventato un dilemma!! non so come sintetizzare il problema, ci provo, frequento da cinque mesi Paolo , una persona che dopo tanto ha fatto battere di nuovo il mio cuore, ho provato di nuovo delle emozioni che quasi avevo dimenticato: ho dato da subito tutta me stessa a questo rapporto, in qualità di relazione, affetto, attenzione, e lui ne era contento, senza mai però manifestarlo o comunicarlo, ho notato fin dall’inizio che c’era qualcosa che non mi tornava, e cioè Paolo una persona di 48 anni, mai sposato e tanto meno con delle storie importanti e durature alle spalle, credo “non ami”abbracciare, accarezzare, baciare, o semplicemente tenere per mano la propria donna,non prende mai lui l’iniziativa nemmeno nel fare l’amore, come dire!! se ne stà li a farsi coccolare e se non chiedo non ricambia, si chiude totalmente se provo a parlarne, ho provato più volte a dirle che è importante manifestare i propri sentimenti, che in un rapporto di amore, si riceve ma si deve anche dare, che ho bisogno di sentirmi desiderata e coccolata,risponde che ho ragione che sente, ma non riesce a manifestarlo ne tanto meno a dirlo, sembra abbia dentro un deserto sconfinato, ed io per quanto possa seminare, potrò mai vedere nascere un fiore?
    grazie per la risposta
    Giusy

    Rispondi
  • Laura

    avrei una domanda…
    Il contatto per me è molto importante, c’è un aspetto che vorrei approfondire.

    Conosco una ragazza che abbraccia tutti, tutti, penso i suoi amici.
    Ho visto che abbraccia anche un ragazzo che conosco: ci va sempre a braccetto, gli dà bacini sulla guancia, quando sono seduti (sempre vicini) lei si appoggia alla sua spalla, ci ha anche dormito insieme “da amici”…
    La prima volta che li ho visti insieme, pensavo (ingenuamente) che ci fosse (o quasi) qualcosa, ed ero contenta, tanto da immaginarmi presto uscite in coppia…
    Invece lui dice “è solo un’amica”, anche se in altre occasioni ha detto che la sua ragazza “dei sogni” ha il fisico e il carattere come questa sua amica!!

    Io non capisco. Non capisco quando una ragazza fa così con i maschi, e i maschi dicono “è un’amica”.

    Io ho avuto amici maschi, ma non mi comportavo così, non mi cambiavo gli indumenti intimi davanti a loro e non ci dormivo insieme in un letto matrimoniale.
    Cosa mi può dire?

    Grazie!!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento