pastiglieCon il freddo arrivano i malesseri di stagione, raffreddore, febbre, influenza, mal di gola.
Ma perchè alcune persone si ammalano costantemente e altre sembrano immuni a tutti i virus?
Perchè alcune persone, nonostante i propoli, le spremute, la vitamina C, ogni anno prendono l’influenza?
Quando il nostro corpo fisico si ammala, solitamente vuole comunicarci qualcosa, nella maggior parte delle volte le malattie sono dovute ad un eccesso di stress, carenza di contatto fisico, coccole e una buona dose di pensieri che vanno in una certa direzione.

Si sente parlare quotidianamente di questa nuova influenza, ma cos’è l’influenza?

Se cerchiamo l’origine del termine influenza troviamo che tanto tempo fa si pensava che la causa di questo malessere fosse dovuto all’influenza astrale.
Una persona influenzabile è una persona che si lascia convincere facilmente, crede a quello che persone più “esperte” di lei gli dicono.

Come guarire dall’influenza o prevenirla?
Le persone che sono fortemente convinte che la vaccinazione serva, troveranno questo metodo sicuramente efficace.
Premesso che è sempre importante consultare il medico e non sottovalutare i sintomi, si possono  mettere in pratica anche piccoli accorgimenti per evitare di rimanere contaggiati dall’influenza o dagli altri malesseri stagionali.

 Pensieri relativi alla patologie.
Ogni patologia e ogni parte del corpo è collegato a pensieri specifici, troverete interessanti dettagli nei libri che trattano questo argomento.
L’influenza è collegata a pensieri di paura, si ammalano più facilmente le persone che sono soggette a farsi influenzare nelle scelte, che credono alle statistiche. Persone che si identificano con “la massa” e che si adeguano al pensiero collettivo per non essere esclusi. Accade quindi che quando l’influenza viene riconosciuta come una patologia diffusa, le persone, inconsciamente, scelgono di ammalarsi .
E’ facile comprendere che più persone si convincono che l’influenza è una patologia molto diffusa, più persone si ammaleranno.
Piu’ si crede a chi dice che è molto contaggiosa e più si avrà paura di far parte della massa che contrarrà l’influenza.
Più si da credito e ci si fa influenzare dagli altri e più ci si ammala di influenza.
 
E la febbre?
La febbre è la reazione del corpo ad un sovraccarico di rabbia.

E quando sono i polmoni ad ammalarsi?
Le patologie collegate ai polmoni, bronchite, polmonite, sono collegabili a pensieri negativi verso la vita. Sono più soggette a tale patologie le persone che si sentono depresse, hanno paura della vita, sono stanche delle ferite emozionali.
Fanno parte delle persone soggette a queste patologie anche chi ha un ambiente familiare in cui avvengono discussioni e litigi frequenti. 

Raffreddore e mal di gola?
Il raffreddore è collegato alla confusione mentale dovuta a troppi avvenimenti che accadono nello stesso momento.
Le patologie collegate alla gola, laringiti, tosse sono ricollegabili alle parole trattenute, alla rabbia repressa, la voglia di urlare, di parlare, di esprimersi liberamente.

Riassumendo, per passare un autunno-inverno in piena salute fisica è bene:
– Scaricare lo stress
– Abbracciare il più possibile le persone e coccolarsi
– Rimanere fedele ai propri principi ed evitare di farsi condizionare dagli altri
– Evitare di farsi sommergere dalle notizie relative ai malesseri di stagione
– Evitare di trattenere emozioni, parole, svoghi di rabbia, scaricandola nel caso in modo ecologico
– Rimanere concentrati sul fatto che si è in piena salute fisica

E se ci si ammala comunque…..
Rimanere tranquilli, rimanere a letto al caldo il più possibile, e farsi coccolare dal partner. Si può cogliere l’occasione per fermarsi un attimo e riflettere sulle priorità.
Se ci si ammala, il corpo ci sta dicendo che ha bisogno di riposarsi e rigenerarsi e che forse lo abbiamo trascurato un po’ troppo.

 

1 Commento

Lascia un commento
  • stefano

    Grazie dei consigli Donatella ,che io trovo sempre molto utili o meglio le tue sono importanti conferme di ciò sento è giusto…. Con affetto ..Stefano

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento