“Voglio vivere così

col sole in fronte

e felice canto

beatamente …

Voglio vivere e goder

l’aria del monte

perché questo incanto

non costa niente”

Le prime righe di questo articolo fanno riferimento al ritornello di una notissima “vecchia” canzone: allegra e spensierata. Ma non è una canzonetta. E’ si una melodia che puoi cantare sotto la doccia ogni mattina e sentirti sereno e pieno di energia per cominciare la giornata; è certo un motivetto che anche i bimbi apprezzano ed imparano subito; è un’aria allegra che riscalda l’ambiente come sedersi davanti al camino d’inverno.

In poche parole, in un breve ritornello, essa racchiude una grande essenza: la felicità, quella vera, non costa niente!

Se devi pagare, per sentirti felice allora …. hai sbagliato strada !!!!

Lo so che da quando eri bambino ti hanno sempre ripetuto che nulla è gratuito, che qualsiasi cosa, anche la più insignificante ha un suo costo. Ma sai quante fandonie ci raccontano? E noi ci crediamo. Così siamo tanto infelici perché ci pare di correr dietro ad una farfalla molto più veloce di noi.

La felicità, quella vera, è serenità, calma, un sorriso interno che pervade ogni nostra cellula, un’emozione … indescrivibile.

Credi, forse, che per raggiungere la felicità tu debba comprarti: quella bella borsa firmata che hai visto in vetrina? O quell’auto che attirerà gli sguardi di ogni passante? O l’abito dello stilista più nominato?

Credi forse che la felicità sia in un certo locale pubblico, in certo club esclusivo, in qualche sostanza allucinogena?

Corri, corri, dietro a quella farfalla e sii certo che così non la raggiungerai mai!

Tuo figlio non ti chiede di pagare ogni volta che ti regala un sorriso, il tramonto e l’aurora si presentano ogni giorno e dipende solo da te se vuoi guardarli oppure no. Quando canti sotto la doccia non devi pagare i diritti d’autore e puoi inventarti la melodia che preferisci. Quando arrivi a casa ed il tuo cane ti fa le feste non le fa perchè gli darai da mangiare, te le fa comunque. La vera felicità è accanto a noi e non costa nulla, occorre però allenare i nostri 7 sensi al fine di percepirla.

Vuoi sapere cosa costa ed ha un prezzo veramente esorbitante? Il dolore e, quindi, l’infelicità.

Se ti arrabbi ti fai del male, provi un dolore emozionale e lo paghi. Sai quanti infarti dipendono dagli attacchi di rabbia?

Se invidi qualcuno ti fai del male, crei un’emozione negativa che ti porterà a fare cose di pura apparenza che ti allontaneranno dalla tua felicità e che avranno un costo anche economico.

Se la tua relazione non è andata a buon fine e non rimani in rapporti amichevoli o perseveri nel tuo attaccamento (che è possesso e non amore) allora tu fai del male a te e all’altra persona e ciò può avere costi molto alti.

Solo l’amore, il vero amore (quello che con i soldi non c’entra proprio nulla) crea felicità e non solo è gratis ma …. crea prosperità!

Buona giornata felice!!!

Stefania

8 Commenti

Lascia un commento
  • Stefano Polo

    Ciao Stefania,

    bel articolo, è la prima volta che leggo qlc scritto da te e sono rimasto davvero colpito..
    In questo mi ci sposo completamente.
    E’ veramente bello e vero in tutte le sue parti secondo me., ed è proprio leggendolo ora che mi accorgo quanto presto si faccia a togliere lo sguado dal vero significato dell’amore, basta un attimo e il tutto pùò essere sostituito dal materialismo.
    Scrivendoti ora, penso che non ci sia cosa più semplice che scivere della felicità, ma allo stesso tempo questa è una parola astratta finchè non la si esamina profondamente,
    o meglio che viene usata troppe volte inappropriatamente:
    pensando ai momenti felici, di certo non penso alla borsa firmata, a una macchina, a un paio di scarpe…ma a un momento trascorso con mia sorella, una mia ex ragazza, un amico;
    è proprio vero che è una cosa gratuita, e a differenza di quanti pensino, è facile da ottenere se la si vuole…basta volerla!
    Prima ho letto anche il tuo passo sul ritrovare se stessi…e una delle risposte su come fare, penso sia nel pensare ai nostri momenti felici trascorsi
    e fare in modo di costruirne di nuovi in futuro…tanto non costano niente!

    Grazie per avermi fatto riflettere!

    Rispondi
    • stefania finardi

      Grazie per il commento Stefano. Mi fa piacere che i miei articoli facciano riflettere. Io li scrivo proprio per questo per cercare di essere di aiuto e cercare di fornire nuovi punti di vista
      Buona giornata!

  • Paola

    Ciao Stefania. Accenni a 7 sensi percettori della realtà: quali sono?
    Grazie Paola

    Rispondi
    • stefania finardi

      Ti faccio una sintesi.

      Con gli occhi guardi (vista),
      con le orecchie senti (udito – nota che ho scritto senti e non ascolti),
      con il naso recepisci gli odori (olfatto),
      con le mani tocchi (tatto),
      con le papille gustative assapori (gusto),
      ma non solo ……
      tu chiudi gli occhi e sai dove sei (propriocezione) e come sei fisicamente,
      tu ti muovi e, generalmente, non cadi a terra o ti trovi a rotolare (apparato vestibolare).

      Che il sorriso illumini il tuo viso e la tua giornata.
      Saluti
      Stefania

  • stefano bresciani

    Cara Stefania, che brivido lungo la schiena quando parli di figli! Hai perfettamente ragione, loro non conoscono il vil denaro eppure ogni giorno ci fanno aprire gli occhi sulla vera felicità. Sabato scorso ero al parco con mia figlia, dopo un po’ di scivoli, altalene e arrampicate varie, tra corse e risate, ci siamo seduti su una panchina, il sole in fronte, un insolito silenzio, ci guardiamo e Anna mi fa sospirando “aaaahh papà” con i suoi soliti occhi dolci :-) Voglio vivere così!! Ti auguro un solare fine settimana (anche se la nebbia la fa da padrona in questi giorni :-)

    Rispondi
    • stefania finardi

      Grazie mille per il bellissimo commento Stefano.
      I figli sono veri diamanti e mi auguro che riescano a mantenere il punto di vista da bimbi che hanno del mondo e della vita e a farlo diventare un vero punto di riferimento. Crescere non è diventare grandi o comportarsi come una pecora di un gregge che si crede adulto, forse crescere è proprio riuscire a riappropriarsi della vera essenza che già si conosce e che sembra esserci portata via.
      Anche qui ultimamente il sole usa un fard notevolmente nebbioso ma … il sole è dentro di noi. Quindi ti auguro una bellissima settimana piena di sole.
      Stefania

  • Umberto

    Meravigliosa Stefania, il tuo articolo è un inno alla vita.
    Eppure pensa che il primo libro da me letto si chiama “I soldi fanno la felicità” :-)
    Alcuni credono che per essere felici si debba avere più denaro, più cose da mostrare.
    Io invece credo che per avere più “ricchezza esteriore” (chiamiamola così anche se comunque non mi piace tanto come termine e non la ritengo necessaria) bisogni prima di tutto essere felici.
    Tutto parte sempre da dentro di noi, dalla nostra mente e dalle emozioni che proviamo; se dentro siamo vuoti non conterà mai nulla quanto saremo pieni fuori.

    Rispondi
    • stefania finardi

      Grazie mille Umberto per il tuo bellissimo commento.
      Hai compreso appieno l’essenza del mio articolo.
      Un abbraccio
      Stefania

Lascia il tuo commento

Lascia un commento