la straordinaria forza terapeutica dell'amore: la via della guarigioneL’amore rappresenta la vera fonte di energia per la realizzazione delle condizioni indispensabili per essere felici, per dare e ricevere luce.

Bisogna, però, prima di tutto,  intendersi sul significato della parola amore. Molte volte usiamo la stessa parola con significati diversi, a volte, con significati, addirittura, opposti. 

Le parole sono ambivalenti: sono, da un lato, un grande strumento di potere e di comunicazione, in quanto aiutano a capire ed a farsi capire, al fine di controllare meglio l’ambiente esterno ed interno, e, dall’altro, sono una prigione, uno strumento di limitazione, perchè usate con significato implicitamente diverso rappresentano  barriere indistruttibili della comunicazione.

Cerchiamo, quindi, di usare le stesse parole con  lo stesso significato, questo è il primo passo per intendersi.

Immaginiamoci due scenari diversi:

1) C’è un uomo che incontra un meraviglioso fiore e se ne “innamora”, lo strappa alla nuda terra se lo porta a casa e lo mette in uno splendido vaso da fiori, per poter usufruire ancora di questa stupenda bellezza; dopo alcuni giorni il fiore appassisce e con dispiacere lo butta via.

2) C’è un altro uomo che incontra lo stesso meraviglioso fiore, se ne innamora, e va a trovarlo  ogni giorno, non solo per ammirare questa stupenda bellezza, ma anche per conoscere ciò di cui il fiore ha bisogno per vivere e crescere sempre più sano e più forte. Quest’uomo impara a conoscere la temperatura, il grado di umidità, il tipo di terreno, l’habitat di cui ha bisogno questo fiore per sviluppare appieno le sue straordinarie potenzialità ……e finisce per diventare un eccellente botanico.

Sarete sicuramente d’accordo con me che chi ama veramente non è certo il primo uomo, che confonde il vero amore con l’egoismo, sicuramente il secondo uomo sa cos’è il vero amore ed impara, di conseguenza, a conoscere al fine di salvaguardare e promuovere la salute e la crescita dell’oggetto del proprio amore.

La conoscenza  è potere e l’amore è la più grande forza al servizio della verità e della conoscenza. L’amore è la forza più sana della scienza e dell’essere umano.

 La vera salvezza per ciascuno di noi e per l’umanita’ intera nasce dall’amore non dal sapere, perchè questo nasce non solo dall’amore ma anche dall’odio.  L’odio è, infatti, un’altra potente energia che spinge a conoscere, conoscere il nemico per distruggerlo. Come è facile intuire si tratta di una conoscenza completamente diversa dalla precedente, si tratta di una conoscenza che porta a distruggere, non a costruire. Il sapere che deriva dall’amore è al servizio della vita, il sapere che nasce dall’odio è al servizio della morte.

 L’odio crea un sapere ed un potere distruttivo. L’amore crea un sapere ed un potere costruttivo. 

La vera fonte di salvezza, quindi, deriva dalla vera e grande fonte di potere: l’amore.

Per essere felici, la prima cosa che bisogna imparare a fare è amare se stessi e, quindi, conoscere  se stessi.

 

La straordinaria forza terapeutica dell'amore: la via della guarigioneAmare se stessi significa amare la propria diversita’, la propria unicità e la propria specificità.

 Bisogna ancora capire che la vera e più grande ricchezza dell’umanità è in questa differenza di ciascun essere umano.  Dietro ogni differenza si nasconde una grande opportunità.

Ciascuno di noi inizia a crescere,  ad essere grande e straordinario nel momento in cui capisce che la sua vera forza è nella sua unicità, nella sua originalità.  Il segreto della salute, della libertà, del potere e della gioia è essere se stessi. Perdiamo tutte queste qualità nello stesso istante in cui ci conformiamo per tentare di essere uguale agli altri, o a qualcun’altro. Quelle forze e quei pensieri interni che ci portano lontano da noi rappresentano la vera fonte delle catene che imprigionano le nostre specifiche ed uniche potenzialità . Il conformismo è una potenziale radice di malessere e di malattia. 

Ogni vero cammino terapeutico è un cammino di crescita interiore. Spesso ci consideriamo normali, ma lo siamo solo in apparenza.

Il seme della salute è nell’amare, conoscere ed essere se stessi, con conseguente desiderio di sviluppo delle proprie specifiche   potenzialità. La vera forza di ciascuno è essere se stesso.

Conoscere se stesso per realizzare le proprie uniche, specifiche ed irripetibili potenzialità.

La vera salute, gioia, libertà e potere nasce dalla realizzazione delle proprie potenzialitàE’ qui la vera radice del senso della nostra vita.

 Siamo più di 6 miliardi di persone ad abitare questo stupendo pianeta, chiamato terra, guardate il volto di ciascuno, nessuno è uguale,  siamo tutti diversi l’uno dall’altro. Anche due gemelli monocoriali se osservati nei particolari sono diversi. 

 Come nessuno ha lo stesso volto, la stessa impronta digitale, così nessuno ha lo stesso corredo di talenti e di potenzialità.

Ciascuno di noi è irripetibile. Ogni pesona è unica, preziosa, speciale ed ha qualcosa di diverso e di importante da donare agli altri.  

la straordianria forza terapeutica dell'amore: la via della guarigione

Quello che voglio che imprimiate nella vostra testa e nel vostro cuore è che ciascuno di noi quando nasce ha una missione da realizzare.

La propria missione è realizzare il proprio unico e specifico  progetto di vita. Questo progestto di vita speciale è iscritto con un linguaggio biochimico nel nostro patrimonio genetico. Ciascuno di noi ha un patrimonio genetico diverso, ciscuno di noi ha un insieme di talenti specifico e diverso.

Amare se stessi significa conoscere se stessi al fine di ri-conoscere il proprio specifico progetto di vita per realizzarlo sviluppando i propri specifici talenti e le proprie irripetibili potenzialità .

Il più grande peccato che ciascun uomo possa fare è rinunciare a questo. Ciascuno di noi ha il diritto-dovere morale di realizzare la propria individualità come dono di amore dovuto a se stesso ed all’umanità intera.   Solo questa è la vera strada  della libertà, del potere, della salute e della vera gioia: questa è la via della guarigione.

 Gaurire se stessi significa, quindi, conoscersi,  scoprire la propria individualità ed  imparare ad amarsi.

Buona strada ……siate sempre voi stessi e, prima di tutto, amatevi.

10 Commenti

Lascia un commento
  • Claudio

    Carissmo Ruggero,
    hai perfettamente ragione, nulla succede per caso. Questa è una verità universale. Così come sono perfettamente d’accordo con te, che ciascun essere umano ha un propria missione da compiere. Ciascun essere umano ha un progetto esistenziale da realizzare, e questo è e deve essere il proprio specifico, unico ed irripetibile progetto di vita.Ognuno di noi ha il compito di conoscere i propri specifici talenti e le proprie passioni, con l’obiettivo di svilupparli, specializzarsi in essi al fine di mettere le acquisite competenze al servizio della crescita di se stesso e della comunità di cui fa parte. La gioia diventa così il semplice effetto collaterale di un grande impegno per la realizzazione di un grande ed appassionante obiettivo che coincide con il proprio progetto esistenziale.
    Ti auguro uno stupendo fine settimana
    Claudio

    Rispondi
  • Ruggero

    Per “caso” sono arrivato a questo sito,ma per Dio niente è per caso! Chi ci insegna ad ascoltarci dentro? A creare il silenzio fuori e dentro di noi ogni giorno? Nessuno nasce per caso, ognuno abbiamo una missione: se la faremo ci guadagneremo la vita eterna! La tua è quella di istruire, dopo aver assistito malattie gravi e persone con ogni necessità. Quello che dici ha trovato riscontro dentro di me: sto cercando Dio per conoscere la mia strada. Alcune cose le ho capite, ma altre … è così difficile stare in silenzio (con la mente che non ti porti da altre parti, anche per azione del demonio!). Da qualche tempo sento di dover vivere con la gioia, ma le situazioni umane mi distraggono e mi appesantiscono, così mi faccio trasportare e condizionare lo stato d’animo dagli eventi, mentre non sono io a condurre! Quello che dici mi aiuterà a inquadrare e a fare meglio come Re, come persona voluta da Dio, unica con dei doni appropriati per fare quello che il Cielo vuole. Continua a scrivere, ad approfondire: nell’umiltà ci incontreremo, chi a scrivere, chi a leggere, uniti dallo stesso Spirito che ci vivifica.
    Che Dio continui a Benedirti!
    Ruggero, Padova

    Rispondi
  • Claudio

    Carissimo Carlo, è come dici tu, le cose difficili da conquistare si apprezano molto di più e migliorano la qualità della vita. Le cose facili spesso rappresentano, invece dei frutti avvelenati.
    La causa, si trova nel 2 principio della termodinamica. L’entropia in un sistema tende ad aumentare, per cui nella vita è più facile scendere che salire. Per salire ci vuole motivazione ed energia, per scendere e precipitare bassa lasciarsi andare. Il discorso da te intrapreso è molto, veramente molto importante ed interessante, e richiede un adeguato approfondimento. Se leggerai il mio libro troverai sicuramente la possibilità di approfondire la questione. Spero comunque di averti dato una via per comprendere. Probabilmente affronterò in futuro il problema da te evidenziato in mio articolo.

    Rispondi
  • Carlo

    Questa è la prima volta ke leggo i suoi articoli ,ho visto anke i video della presentazione del suo libro,devo dire ke mi hanno veramente colpito le sue parole. Ho 19 anni,vengo dalle Filippine, sono arrivato in Italia quando avevo 14 anni. Fortunatamente, nonnostante la mia età riesco a imparare tante cose importanti x vivere meglio e ke x molti ragazzi della mia età vengono ignorati. Conosco 2 tipi di abitudini quelle belle ke sono diffcili da imparare ma è facile conviverci e quelle brutte ke sono + facili da conquistare ma è difficile conviverci. Purtroppo la maggior parte delle xsone scelgono quasi sempre le brutte abitudini. C può dare una spiegazione?

    Rispondi
  • Claudio

    Cara Cinzia, grazie, prima di tutto per i tuoi auguri. Sono perfettamente d’accordo con te che esistono, nella nostra società, tante agenzie educative, e che non tutte svolgono positivamente il loro ruolo. Questo spiega le violenze, più o meno palesi, che serpeggiano nei nostri paesi. Ma tutto questo, però, non deve demotivarci, anzi, deve essere un motivo in più per spingerci a seminare in tutte le direzioni e con energia le verità ed i valori che possono rappresentare un rimedio od una forma di prevenzione a queste malattie individuali e sociali, sempre più spesso considerate “normali”. Quando si semina con convinzione, anche e soprattutto nei confronti dei figli, vedrai, abbi pazienza, prima o poi, qualche seme germogliera’ e darà i suoi stupendi frutti. Il mio vivo consiglio è di non stancarti a seminare, di partire con l’esempio impegnandoti a crescere ed a migliorarti. Esistono tanti strumenti: buoni libri (anche il mio), corsi, piuchepuoi, etc.

    Rispondi
  • Claudio

    Cara Anna, mi pare di capire dalle tue parole che tu stia attraversando un momento di crisi. Ma, ogni crisi può essere una grande opportunità per crescere. Giustamente nell’ideogramma cinese la parola crisi contiene il significato di pericolo e di opportunità; l’evoluzione positiva, nel tuo caso, mi pare dipendere anche dalla tua capacità di capire che ciò che evita dolore nell’immediato ce lo renderà in quantita’ estremamente maggiore a lungo termine. Se quello che pensi è giusto,non ti far bloccare dalla paura di eventuali dolori necessari. Se avverti forte l’esigenza di cambiare, come si capisce dalle tue parole, fallo e fatti guidare, prima di tutto dall’amore che devi nei tuoi confronti, vedrai, poi, che la maggiore luce che conquisterai servirà ad illuminare anche chi ti circonda. E….visto che siamo tutti collegati, farai bene a te ed a tutto il mondo. Come dice S. Agostino “ama e fai ciò che vuoi”.

    Rispondi
  • cinzia

    Sono una mamma che ha sempre cercato d’insegnare ai figli quello che lei dice, ma mi sembra che nonostante tutto siano attratti più dal brutto: si offendono, danno dei giudizi non troppo amorevoli verso chi non la pensa come loro…Sarebbe bello che anche la scuola insegnasse questi principi, a volte è più utile imparare la chiave per vivere rapporti sociali pacifici che sapere a memoria tante date o nozioni a volte inutili. Penso che avremmo risolto tanti problemi e tanti brutti episodi che leggiamo tutti i giorni nelle varie cronache non ci sarebbero.La televisione poi a volte eccede in scene di violenza, si sofferma inutilmente su crudeltà (parlo soprattutto di film) in orari in cui molti bambini e giovani sono davanti allo schermo..Non sono certo messaggi d’amore..Cari saluti e anche auguri di compleanno per ieri

    Rispondi
  • Anna

    Proprio partendo da questo comandamento è iniziato qualche anno fa il mio cammino,prima spirituale e poi personale di ricerca.A volte si dice ma poi è molto difficile fare.Amarsi…sono doccordo con lei su tutto l’articolo anzi su cio che scrive sempre,ma poi c’è una difficolta oggettiva nel metterlo in pratica.Vede,quando noi cerchiamo di amare e il nostro dono non viene accettato ci inasprisce..da un po seguo i vostri consigli e penso che insieme all’amore di se stessi va assolutamente associata la forza delle decisioni,o scelte,e questo supportato da una buona dose di autostima.Io da un po ho un grande disordine dentro,una grande voglia di cambiare,ma poi ho paura che possa far male a quacuno.E allora come bisogna amarsi?..cercando una risposta .
    Buona giornata Anna

    Rispondi
  • dott. claudio pagliara

    Chiaramente Lory…. sono perfettamente d’accordo con ciò che affermi.
    Nessuno può amare veramente nessuno se non impara, prima di tutto, ad amare se stesso.
    Come giustamente dice Lory, amare se stesso è il primo passo per imparare ad amare veramente gli altri ed il mondo.
    Come ricordo nel precedente articolo, anche nel Vangelo c’è un comandamento che sottolinea questa grande verita’:
    “Amerai il prossimo tuo come te stesso”
    (Marco 12,31)

    Rispondi
  • Lory

    Certamente conoscere se stessi ed amarsi è il primo passo per conoscere gli altri ed amarli, altrimenti tutto ciò sarebbe puro egoismo ed edonismo.Non trova?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento