Larte di vivereL’arte di vivere è la vera via per guarire. L’arte di vivere è, per l’essere umano, la vera ed unica strada della gioia e della felicità.  Deve intendersi per arte  qualsiasi attività umana  che richiede conoscenze ed  abilità creative, frutto sia di teoria che di pratica, sia di studio che  di esperienza.  Lo sviluppo di qualsiasi arte richiede però  impegno, dedizione, amore, passione, costanza, abnegazione. E’ qualcosa che, quindi, non si può comprare al supermercato, che si può, però, imparare come qualsiasi altra abilità umana.  C’è la teoria e la pratica, il pensiero e l’azione.  Come per qualsiasi altra abilità è fondamentale cercare dei buoni maestri al fine di  accelerare i processi di apprendimento.  

 L’arte di vivere è sicuramente  l’arte più difficile per ciascuno di noi, ma è al tempo stesso l’arte più utile. 

 Che importanza può avere,  essere bravissimi nel proprio lavoro od in qualsiasi altra attività od arte, od essere finanche ricchi di scienza e di conoscenze e poi non essere capaci di dare e ricevere pace, di dare e ricevere amore, di dare e ricevere gioia, di dare e  ricevere salute.

Il grande obiettivo dell’arte di vivere è prendere la propria vita nelle proprie mani e farla diventare straordinaria e meravigliosa

Imparare l’arte di vivere vuol dire imparare l’arte di portare l’amore, la passione, la salute, la libertà e la vitalità fisica, psichica e sociale  nella propria  vita.

  La nostra  vita è come un terreno fertile: si raccoglie ciò che si semina.

 l'arte di vivere

Il tipo di vita che realizziamo dipende dalla persona che siamo e, quindi, dipende dalle convinzioni, dai valori, dai pensieri, dalle emozioni, dai sentimenti e dai conseguenti comportamenti che adottiamo.

Quindi se vogliamo una vita diversa dobbiamo diventare una persona diversa con conseguenti valori, convinzioni, pensieri, emozioni, sentimenti e comportamenti diversi.

 Ciascuno di noi ha il diritto dovere di diventare il meglio che può essereIl primo grande e vero obiettivo dell’arte di vivere è realizzare la propria missione, le proprie potenzialità, i propri talenti, il proprio progetto di vita.

La vera ricchezza e la vera forza di ciascuno di noi è nella propria unicità, nella propria singolare specificità. Ciascuno di noi nasce con una missione, con uno scopo  e con  un progetto di vita diverso.  In realtà esiste anche una missione comune ad ogni uomo in quanto uomo.

Ciascuno di noi ha quindi il diritto dovere di realizzare se stesso sia come essere umano, in quanto essere umano, sia come persona speciale ed unica quale ciascuno è. 

L’arte di vivere coincide, quindi, con lo sviluppo delle capacità che portano ad una creativa realizzazione progressiva e costante del proprio progetto di vita, sia in quanto essere umano e sia in quanto essere unico ed irripetibile. 

 L’essere umano è l’essere vivente con il massimo sviluppo del cervello e con la minima determinazione istintuale. Gli altri esseri viventi hanno la guida degli istinti e sono contemporaneamente schiavi dei loro istinti. Come sa bene chi ha letto il mio libro “la via della guarigione” il nostro cervello, invece,  è stato programmato per non avere limiti. 

Il più bel dono dell’evoluzione è stato l’affrancamento delle catene della biologia.

 Grazie al notevole sviluppo del cervello con l’essere umano nasce la libertà. Ciascun uomo da essere completamente dipendente, quando nasce, è programmato geneticamente per diventare l’essere più indipendente che esista nell’universo conosciuto.

Nel DNA di ciascun essere umano è programmato un perrcorso che porta dall’estrema dipendenza alla massima indipendenza e libertà. Non siamo nati per essere schiavi delle circostanze nè per essere succubi di qualsiasi regime. Siamo nati per essere liberi.  Il conformismo passivo insieme alla pigrizia  è spesso la maggiore minaccia alla nostra libertà. L'arte di vivere

 “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente” (Lettera ai Romani 12,2

 Osservate la natura, qualsiasi evento naturale è la conseguenza di un determinismo perfetto,  qualsiasi fenomeno naturale è frutto di una o più cause che, naturalmente, cronologicamente sono antecedenti, solo con la nascita dell’uomo, con la nascita della cultura è possibile osservare eventi provocati dal desiderio di realizzare un determinato futuro.  Nasce il comportamento obiettivo, nasce l’intenzione. Solo con l’uomo nasce, come causa di uno o più fenomeni, la finalità, l’obiettivo che, cronologicamente, è successivo al fenomeno osservato. Il futuro diventa causa del presente, cioè di eventi che avvengono nel presente. Con la nascita dell’uomo vengono sconvolte anche le leggi della natura, cambiano alcune leggi della fisica, nasce la libertà, la responsabilità e la capacità divina di creare il futuro.

Come vedremo in altri articoli quando la natura e la cultura si incontrano nulla diventa impossibile.   La prima cosa da imparare lungo il percorso dell’arte di vivere, partendo dalla piena presa di coscienza della propria specifica e meravigliosa identità umana,  è l’arte di essere proattivi e non reattivi.  E’ li che si gioca il nostro vero futuro , la nostra vera identita’ e la nostra vera libertà. Essere reattivi significa, di fatto, essere schiavi delle circostanze, essere proattivi significa, invece, essere creatori di circostanze

Non siamo più vittime passive delle circostanze ma diventiamo creatori di circostanze, soprattutto, nel momento in cui impariamo ad avere obiettivi.

 Più i nostri obiettivi sono chiari, precisi,  forti, ambiziosi, elaborati, entusiasmanti,  più danno valore e significato alla nostra vita, più impariamo ad essere proattivi e più siamo motivati ad apprendere l’arte della vita.

Dopo aver preso consapevolezza che esiste una scintilla divina in ciascun essere umano che ha solo bisogno di essere risvegliata, dopo aver capito che siamo stati programmati per fare grandi cose, in quanto dentro di noi esistono tutte le potenzialita’ e le risorse necessarie, impegnamoci a conoscere e a scoprire il nostro progetto di vita

Rinchiuditi in un posto tranquillo in cui puoi stare solo con te stesso e trova lo scopo o gli scopi che danno un senso ed un significato alla tua  vita, scrivili.

Trova ciò che ti appassiona, specializzati in quello e mettilo al servizio degli altri. 

Cerca anche di scoprire che cosa è che solo tu puoi fare nel luogo e nel tempo in cui ti trovi.  E’ un passo strategicamente fondamentale per dare energia alla tua vita e per iniziare il percorso che porta ad apprendere l’arte di vivere.

4 Commenti

Lascia un commento
  • Claudio

    Grazie Luigi, grazie per i tuoi complimenti e grazie per aver letto e commentato il mio post. Mi scuso solo per il ritardo con cui mi faccio sentire da te.
    Ti auguro una giornata splendida
    Claudio

    Rispondi
  • Luigi

    Complimenti, articolo che racchiude insegnamenti molto acuti.

    Rispondi
  • Claudio

    Grazie pasquale, hai colto il cuore del mio articolo.
    Sono perfettamente d’accordo con te, qualsiasi risultato importante e che si rispetti richiede molto lavoro interiore.

    Rispondi
  • Pasquale

    Ciao Claudio,
    concordo perfettamente con quanto dici: “La prima cosa da imparare lungo il percorso dell’arte di vivere, partendo dalla piena presa di coscienza della propria specifica e meravigliosa identità umana, è l’arte di essere proattivi e non reattivi”.

    Reagire è facile, anzi automatico, invece essere proattivi richiede molto lavoro interiore, e non è facile.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia un commento